HOME - Patologia Orale
 
 
01 Febbraio 2012

Placca biancastra non asportabile della gengiva aderente

di U. Romeo, G. Palaia, A. Galanakis, R. Lo Giudice, G. Tenore, A. Del Vecchio, F. Nardi


Il signor DM, di 48 anni, è giunto alla nostra osservazione inviato dai colleghi del reparto di Accettazione, che avevano individuato una lesione biancastra nel cavo orale, presente e immodificata da oltre 10 anni, in corrispondenza del fornice vestibolare inferiore e della gengiva aderente degli elementi dentari 3.7-3.8. L’anamnesi patologica remota era negativa per la presenza di condizioni patologiche sistemiche e per l’assunzione di farmaci.
Il paziente negava allergie di sorta ad alimenti o materiali odontoiatrici. Dichiarava, inoltre, di fumare circa 12 sigarette al giorno da 15 anni. All’esame obiettivo extraorale non si notavano modificazioni di sorta della simmetria o dei profili. All’esame obiettivo intraorale si evidenziava la presenza di una placca biancastra, a margini irregolari, rilevata sul piano mucoso, con asse maggiore di circa 2,5 cm, grossolanamente ellittica, estesa dal versante distovestibolare dell’elemento dentario 3.7 alla faccia distale dell’elemento 3.8, peraltro completamente erotto in arcata.
La lesione aveva superficie corrugata ed era non asportabile, di consistenza duro-elastica, non dolente alla palpazione e fissa sui piani sottostanti. La palpazione non rivelava interessamento dei linfonodi locoregionali. L’elemento 3.8 presentava un’otturazione di I Classe in amalgama d’argento. All’ortopanoramica, eseguita per completare il quadro diagnostico, il dente 3.8 presentava, al di sotto delle radici, piccole aree di radiotrasparenza circoscritte, presumibilmente legate a un quadro di parodontite apicale cronica granulomatosa localizzata. A conferma di ciò, il test di vitalità pulpare dell’elemento 3.8 risultava negativo.



Articoli correlati

La salute orale ha un impatto significativo sulla qualita` della vita delle persone. Una buona salute orale consente di soddisfare i bisogni essenziali, come mangiare in maniera adeguata, gustare i...


Si presenta alla nostra osservazione il signor M.D., di anni 29, inviato dal proprio odontoiatra a causa di una pigmentazione palatale. Il paziente riferiva di non essere mai stato cosciente...


Giunge alla nostra attenzione un paziente di anni 65 la cui indagine anamnestica non rivela condizioni patologiche di sorta, a eccezione di ipertensione arteriosa trattata con farmaci...


Si presenta alla nostra osservazione la signora B.L., di anni 58, inviata dal proprio medico curante a causa di una pigmentazione gengivale di recente insorgenza. La paziente riferisce che la lesione...


Obiettivi. Descrivere la Teleangectasia emorragica ereditaria o sindrome di Rendu-Osler-Weber, malattia a trasmissione autosomica dominante a penetranza incompleta che determina alterazioni a carico...


Altri Articoli

La settimana che ha preceduto questa quarta domenica del #iocomincioanonpoternepiùdistareacasa è stata caratterizzata dalla corsa per richiedere i 600 euro di bonus per gli autonomi ed i...

di Norberto Maccagno


Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Il prof. Abati sugli effetti della saliva sulla contaminazione di operatori e pazienti documentati in letteratura fin dagli anni ‘70


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP