HOME - Patologia Orale
 
 
02 Aprile 2012

Ruolo delle epatopatie nella fase acuta del lichen planus orale

di G.P. Bombeccari, F. Spadari, S. Guerrieri, F. Pallotti, G. Guzzi, F. Santoro


Obiettivi
Il lichen planus orale (LPO) è considerato una manifestazione extraepatica in corso di malattie croniche del fegato. Al fine di controllare l'incidenza di esacerbazioni cliniche del LPO nelle lesioni atrofico-erosive, si è operato un monitoraggio dei markers sierologici dello stato di funzionalità epatica in pazienti affetti da LPO.

Materiali e metodi
Novantasei pazienti con LPO ed epatopatie croniche (età media 62,28 ± 7,42 anni, range 48-78 anni; rapporto femmine:maschi 2,3:1) sono stati selezionati in una coorte di 476 pazienti con LPO. Quarantotto pazienti con LPO erano affetti da infezione cronica da HCV e formavano il gruppo test. Quarantotto pazienti costituivano il gruppo controllo LPO-epatopatia cronica ed erano affetti da epatite cronica farmaco-indotta. I segni clinici erano valutati secondo la scala di criteri utilizzati da Thongprasom et al. I campioni di siero dei pazienti venivano raccolti e controllati per i test di funzionalità epatica: transaminasi glutammico-ossalacetica (SGOT), transaminasi glutammico-piruvica (SGPT), lattato deidrogenasi (LDH), gamma-glutamil-transpeptidasi (ã-GT), pseudo-colinesterasi (PCHE), rapporto albumina/globulina (AGR), fosfatasi alcalina (AP), glucosio sierico (BG). Per le analisi statistiche è stato utilizzato il test t di Student. Le differenze sono state giudicate significative per p < 0,05 (a due code).

Risultati
SGOT, SGPT, ã-GT, PCHE e BG sono risultati significativamente alterati in 33/48 pazienti del gruppo test e in 9/48 pazienti del gruppo controllo, rispettivamente. In entrambi i gruppi, il punteggio clinico delle lesioni da LPO era maggiore nei pazienti con alterazione degli esami del sangue. Il rapporto di incidenza delle esacerbazioni cliniche del LPO era significativamente più alto tra i pazienti LPO-epatopatia cronica che evidenziavano alterazioni dei dati di laboratorio. La forma atrofico-erosiva è stata la più frequentemente osservata.

Conclusioni
Lo stato di infezione da HCV e da epatite tossica da solo non sembra essere causa di esacerbazioni cliniche del LPO. L'alterazione dei parametri ematologici del fegato può indurre tali esacerbazioni, indipendentemente dalla patologia di base. La cooperazione tra il patologo orale e l'epatologo è di vitale importanza ogni volta che si osservano elevati livelli di transaminasi in pazienti con LPO, finalizzata a migliorare il decorso clinico della malattia.



Articoli correlati

La Tromboastenia di Glanzmann (TG) è un disordine emorragico congenito causato da un difetto quantitativo o qualitativo della glicoproteina IIa/IIIb, il recettore piastrinico del fibrinogeno....


E' stato firmato ieri 3 febbraio - ma non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale - il decreto del Ministero della Salute con gli indirizzi medico-legali per il rilascio e rinnovo della patente di...


Come ci suggerisce la letteratura (Bik 2010; Nasidze 2009; Segata 2012) il profilo batterico, cioè la presenza di determinate specie batteriche e la predominanza di alcune specie batteriche...


Le patologie tumorali purtroppo sono sempre più diffuse, e sempre più spesso il dentista si trova a dover condurre terapie odontoiatriche in pazienti con questi tipi di patologie...


La labioschisi e / o palatoschisi (CL (P)) è la più comune congenita deformità cranio-facciale, che si presenta con un'interruzione più o meno grande del labbro superiore,...


Altri Articoli

Nella restaurativa abbiamo visto tutto e il suo contrario, nella protesi pure. Il tema affrontato dal prof. Massimo Gagliani è quello dei perni

di Massimo Gagliani


Berrutti (UNIDI): Lo spostamento di Expodental Meeting a giugno tiene conto del mutato calendario fieristico e della volontà di espositori e visitatori di incontrarsi nuovamente


La Regione: quelli che svolgono tirocinio sono da considerare a tutti gli effetti operatori sanitari ai fini della normativa in materia di profilassi vaccinale


L’Associazione chiede di inserire nel Milleproroghe l’esenzione IVA su tutti i DPI finché non sia definitivamente superato lo stallo delle vaccinazioni e superato lo stato di emergenza


Assessore Lopalco: Ci vuole un po’ di pazienza, ma nel giro di qualche settimana riusciremo a vaccinare tutti gli operatori sanitari, odontoiatri compresi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale