HOME - Patologia Orale
 
 
11 Settembre 2012

Una "dolce" assenza di dolore

Allo studio un metodo per rendere più efficace l'anestesia

di Debora Bellinzani


zuccherozucchero

È stato da poco scoperto un modo per rendere più efficace la comune anestesia: aggiungere un "dolcificante" alla soluzione di lidocaina ed epinefrina. La novità riguarda il mannitolo: un gruppo di ricercatori statunitensi ha provato infatti ad aggiungerlo alla comune formulazione del liquido anestetico scoprendo proprietà della sostanza che "piaceranno" ai pazienti odontoiatrici. I risultati dello studio provano infatti che il mannitolo, una sostanza utilizzata anche come diuretico e lassativo, rende più efficace il liquido anestetico.

Lo studio
I ricercatori hanno sottoposto 40 volontari a tre iniezioni di anestetico per il blocco del nervo alveolare inferiore a distanza di una settimana l'una dall'altra, utilizzando soluzioni differenti: lidocaina (36 mg) + epinefrina (18 ?g), la medesima soluzione con l'aggiunta di mannitolo (1.04 ml), e una terza combinazione di lidocaina (63,6 mg) + epinefrina (32 ?g) + mannitolo (1.82 ml). La sensibilità dei denti mandibolari è poi stata testata attraverso un test elettrico pulpare, dal quale è emerso che le soluzioni contenenti mannitolo miglioravano l'efficacia dell'anestetico standard.
Secondo l'ipotesi esplicativa, il mannitolo sembra favorire la permeabilità della barriera che circonda il nervo, la membrana perineurale, permettendo così alle sostanze anestetiche di penetrare in modo più efficace nei tessuti nervosi. Lo studio è stato pubblicato su Anesthesia Progress, la rivista che si occupa specificamente delle novità riguardanti l'anestesia odontoiatrica pubblicata dall'American Dental Society of Anesthesiology. 

Anesthetic efficacy of combinations of 0.5 m mannitol and lidocaine with epinephrine in inferior alveolar nerve blocks: a prospective randomized, single-blind study
Anesth Prog 2011;58(4):157-65.

Leggi anche:
- Gestione del dolore: consigli per il paziente

GdO 2012;3:8

Articoli correlati

Una delle principali complicanze in seguito a un trattamento canalare è il dolore post-operatorio che si manifesta, secondo dati di letteratura, con una frequenza che varia dal...

di Lara Figini


Una certa sintomatologia dolorosa si riscontra, dopo un trattamento canalare, con una frequenza che varia tra il 3% e il 58% dei casi (Sathorn et al., 2008); è pertanto una complicanza sgradita sia...

di Lara Figini


Allo stato attuale i disordini temporomandibolari (TMDs) risultano avere una prevalenza che varia dal 5% al 12%. Il 65% dei pazienti affetti da tali disturbi riportano dolore associato, spesso anche...


Secondo la definizione proposta da Lobbezoo e altri nel 2013, il bruxismo è un'attività ripetitiva dei muscoli masticatori caratterizzata da serramento o usura dei denti e/o da un...


Altri Articoli

L’On. Nevi presenta un emendamento alla Legge Milleproroghe che punta ad abrogare l’obbligo del pagamento con mezzi tracciati per le prestazioni sanitarie rese dai privati, ecco il testo  


Fiorile, una norma che crea disagi ad anziani e famiglie e va nella direzione opposta chiesta da AIO


Per la presidente siciliana è il quarto andato consecutivo. “Lavoreremo all’insega della continuità consolidando la nostra identità volta a promuovere l’aggiornamento su tutto il territorio...


Una presidenza all’insegna della continuità promuovendo la formazione per gli odontoiatri ma anche l’informazione verso ai pazienti. Il neo presidente svela i progetti 


Un passo importante nella forte espansione dell'attività in segmenti strategici del mercato odontoiatrico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni