HOME - Patologia Orale
 
 
24 Luglio 2012

Lingua o labbra? Non tutti i piercing sono uguali

Notizie dal mondo: uno studio greco analizza i rischi dei piercing

di Debora Bellinzani


piercingpiercing

C'è differenza tra il piercing alla lingua e quello alle labbra da un punto di vista odontoiatrico? Benché entrambi possano comportare danni nel tempo, il piercing alla lingua è causa di una maggiore prevalenza di difetti e fratture dello smalto. Il dato è emerso da uno studio pubblicato recentemente dall'Australian Dental Journal.
Lo studio, condotto in Grecia, ha preso in esame 110 clienti di quattro studi che praticano tatuaggi e piercing; le persone coinvolte, di età compresa tra 18 e 35 anni, non erano pazienti odontoiatrici.
Dal primo studio, con l'obiettivo dichiarato di paragonare i diversi tipi di piercing orali, è emerso dunque che il piercing alla lingua comporta una maggiore prevalenza di anomalie della superficie e fratture dello smalto dei denti che entrano in contatto con il corpo estraneo.

La lunghezza del piercing
La lunghezza dell'ornamento applicato alla lingua, inoltre, è risultata determinante rispetto al possibile danno che può provocare: se la parte terminale dell'ornamento, la pallina per esempio, si trova all'altezza della giunzione smalto-cemento dei denti con cui entra in contatto provoca una maggiore recessione gengivale rispetto a ornamenti più grandi o più piccoli. Solo attorno ai piercing linguali, infine, sono stati riscontrati fenomeni di crescita eccessiva dei tessuti cicatriziali.
Oltre alle differenze, però, vi sono anche molte similitudini riguardo ai danni ai tessuti dentali e gengivali che i piercing alla lingua e alle labbra possono provocare. Le visite condotte dai ricercatori hanno dimostrato infatti che entrambi i tipi di piercing causano recessione gengivale, perdita di attacco clinico e maggiore profondità di sondaggio nei siti adiacenti; la gravità di tutte queste modificazioni tissutali, inoltre, è in relazione all'ampiezza del periodo di tempo di presenza del piercing: quanto più lungo è il tempo di permanenza, tanto maggiori sono i danni che il piercing può provocare.

Danni allo smalto
Riguardo al danneggiamento dello smalto, inoltre, gli studiosi hanno rilevato che circa un terzo dei denti adiacenti ai piercing mostra usura anomala o fratture dello smalto, e che più di un terzo dei siti adiacenti presenta recessione gengivale.
"L'odontoiatra dovrebbe informare i pazienti, in particolare quelli più giovani, riguardo alle conseguenze che i piercing orali possono avere su denti e gengive" scrivono con chiarezza i ricercatori. Se non riesce a dissuadere il paziente, dicono ancora, è compito dell'odontoiatra educarlo a mantenere l'igiene dal momento che meno di un terzo delle persone pulisce regolarmente gli ornamenti inseriti nei piercing. Sarebbe opportuno, inoltre, documentare nella cartella clinica del paziente la presenza dei piercing e il tempo di permanenza nel cavo orale, oltre a consigliare un monitoraggio costante attraverso visite che valutino lo stato di salute dei tessuti adiacenti.

Dental and periodontal complications of lip and tongue piercing: prevalence and influencing factors
Austral Dent J 2012;57:71-8.

Sul tema leggi anche:
- I rischi e le controindicazioni dei piercing orali

GdO 2012;7:8

Articoli correlati

Tra gli Aztechi, il piercing alla lingua era considerato un’offerta agli dei ed era parte di complicati rituali religiosi; pare invece che i Maya lo ritenessero una dimostrazione di forza. Forma...


Il termine piercing viene utilizzato per indicare la pratica di perforare una parte del corpo per ornarla con particolari gioielli; i piercing orali e periorali hanno raggiunto una notevole...


La parodontite aggressiva (AgP) è una forma di parodontite progressiva rapida e grave. Si verifica in assenza di malattie sistemiche ed è caratterizzata da familiarità. L’AgP...

di Lara Figini


Un canale radicolare non trattato è una delle principali cause di fallimento in endodonzia. L’assenza di disinfezione e sagomatura di un canale radicolare può determinare la...

di Simona Chirico


Altri Articoli

Acquistare dispositivi di protezione individuale e prodotti monouso in modo semplice e a prezzi concorrenziali


Poca letteratura si occupa dell’efficacia dei metodi di comunicazione in questo settore, sottolinea il prof. GaglianiIndicando come diafano l’atteggiamento che il dentista generico ha nei...

di Massimo Gagliani


Il bonus pubblicità 2021 sarà concesso nella misura unica del 50% degli investimenti pubblicitari effettuati al netto delle risorse disponibili. Entro fine mese le domande


Più di 100.000 adulti metteranno l’apparecchio nel 2021 ed è un vero boom di allineatori trasparenti,con una spesa di oltre 300 milioni, secondo le stime Key-Stone


La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio