HOME - Patologia Orale
 
 
26 Settembre 2012

Le sfide della Burning mouth syndrome

Dentro lo studio

di Renato Torlaschi


Alla sindrome della bocca urente, il giornale dell'associazione dentistica canadese JCDA ha dedicato un approfondimento basato sull'esame di alcuni degli studi pubblicati in letteratura. Pur essendo una patologia molto frequente, che coinvolge circa il 3% della popolazione, diagnosi e trattamento non sono banali e si assiste spesso a ritardi tra i primi sintomi e l'identificazione della patologia: in uno studio italiano del 2005 (Mignogna et al.) questo intervallo è stato valutato mediamente in 34 mesi.
"Fino a questo momento - spiegano gli autori - la letteratura non ha permesso di raggiungere un consenso riguardo al modo migliore per far fronte alla Burning mouth syndrome". In generale si possono tuttavia individuare tre approcci, utilizzati da soli o in combinazione.
Una possibilità è offerta da interventi come la terapia cognitivo-comportamentale, la psicoterapia di gruppo e persino la terapia elettroconvulsiva. È però più frequente il ricorso ai farmaci. Tra quelli ad azione topica l'articolo elenca benzodiazepine (clonazepam), anestetici (lidocaina), analgesici atipici (capsaicina), antidepressivi (doxepina), antinfiammatori non steroidei (benzidamina), antimicrobici (lattoperossidasi) e protettori delle mucose (sucralfato). Si possono infine somministrare numerosi farmaci sistemici scelti tra benzodiazepine, anticonvulsivi, analgesici atipici, antidepressivi, inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o della norepinefrina, antiossidanti, antipsicotici, agonisti della dopamina, antistaminici antagonisti ai recettori H2, preparati erboristici e stimolanti della salivazione. Gli autori, sulla base di un loro studio retrospettivo, evidenziano tuttavia che gli errori nel trattamento della sindrome della bocca urente sono numerosi.

J Can Dent Assoc 2011;77:b151

Leggi anche:
- Dottore, quale dentifricio mi consiglia?
-

GdO 2012;8:12

Articoli correlati

Durante la pandemia da Covid-19 le raccomandazioni dell’OMS si sono basate principalmente sul tracciamento dei casi e sul potenziamento dei test di screening. Lo screening di...


L’utilità della saliva come biofluido nella diagnosi e nel monitoraggio di Covid-19 rispetto ai tamponi naso faringei. Uno studio di prossima pubblicaizone su Journal of Dental Research ha...

di Lara Figini


In una revisione con meta-analisi, pubblicata su JADA di agosto 2020, gli autori hanno voluto valutare i fattori di rischio della carie in ogni trimestre della gravidanza 

di Lara Figini


Uno studio pubblicato sul Journal of Dentistry  ha stimato i rischi degli operatori di essere infettati da un paziente asintomatico se utilizzano i corretti DPI

di Lara Figini


È ormai assodato che il fumo ha effetti deleteri sia sulla salute sistemica che orale. Rappresenta uno dei fattori di rischio certi per la parodontite sia nei fumatori attivi...

di Lara Figini


Altri Articoli

Roberto Fornara

Il 12 e 13 novembre – a Bologna, Palazzo della Cultura e dei Congressi – l’attività della Società Italiana di Endodonzia riparte in presenza con il Congresso Endodonzia –...


E’ il tema del Congresso Politico AIO in programma venerdì 29 ottobre a Bologna. Approfondimenti sugli aspetti legali, fiscali, etici ed assicurativi


Il riconoscimento globale dei benefici dei preparati topici contenenti fluoro, cemento vetroionomerico, fluoruro di diammina d'argento, salutato come "un enorme passo avanti per la salute orale"


La Corte Costituzionale dichiara incostituzionale il comma 4 dell’art. 15 ritenendo la norma visibilmente contraria ai principi di equità ed eguaglianza previsti dalla Costituzione. Il commento...


Acquistare dispositivi di protezione individuale e prodotti monouso in modo semplice e a prezzi concorrenziali


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio