HOME - Patologia Orale
 
 
01 Maggio 2013

Tumefazione ulcerata del palato

di G. Mergoni, M. Manfredi, M. Meleti, E. Merigo, L. Corcione, A. Sarraj, T. Simonazzi, P. Vescovi


Presentazione del caso
Si presenta alla nostra osservazione un paziente maschio di anni 56, inviato dal proprio odontoiatra con diagnosi di ulcera al palato duro di sinistra.
Il paziente riferisce che circa 10 giorni prima era comparsa una tumefazione dolente a livello palatale, per la quale aveva assunto antibiotici e antidolorifici per una settimana. La tumefazione però era aumentata progressivamente e da circa 2 giorni appariva ulcerata. Allarmato per la rapida evoluzione della lesione si era recato dall'odontoiatra di fiducia che aveva richiesto un'ortopantomografia, risultata negativa per lesioni a carico delle ossa mascellari.
Clinicamente la lesione si presenta come tumefazione del diametro di circa 2 cm avente al centro un'ulcera circolare crateriforme di circa 1 cm a margini netti e rilevati (figura). L'ulcera è ricoperta da un materiale simile alla fibrina. Al momento della visita il paziente riferisce solo un lieve fastidio in assenza di parestesia. Non sono presenti altre lesioni a carico delle mucose del cavo orale. L'anamnesi esclude recenti traumi meccanici e termici a livello del palato, mentre è positiva per la comparsa periodica di afte, soprattutto a livello del labbro inferiore e della mucosa geniena, che solitamente si risolvono spontaneamente in una settimana.
Non vengono riportati episodi simili che possano essere posti in relazione con la comparsa della lesione palatale.
Il paziente riferisce di essere un forte fumatore e di assumere cardioaspirina, in seguito a un episodio di angina pectoris risalente a 3 anni prima, e simvastatina, per il trattamento di un'ipercolesterolemia. Le recenti valutazioni ematochimiche generali non evidenziano valori anomali.



Articoli correlati

L'avvento nel mercato italiano delle Catene odontoiatriche ha ovviamente preoccupato la libera professione che vede minacciata la propria leadership di mercato. Da quando le prime Catene hanno aperto...


Il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi insieme al Direttore Generale Lino Del Favero hanno presentato oggi in una conferenza stampa la nuova organizzazione e la nuova...


Secondo una recente inchiesta di Odontoaitria33 sono circa 400 i dentisti che negli ultimi 10 anni lavorano stabilmente come dentisti in Inghilterra. Certamente le norme europee in questi anni hanno...


La sonnolenza diurna e i disturbi del sonno, collegati talvolta a malattie come l'apnea notturna, possono moltiplicare significativamente il rischio di incidenti stradali, in alcuni casi specifici...


Altri Articoli

Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


Intanto il ritardo delle consegne delle nuove dosi sta rallentando la somministrazione anche nelle Regioni che avevano inserito gli odontoiatri tra i prioritari


Dalle anticipazioni del Ministro Gualtieri, i possibili aiuti anche per i professionisti iscritti all’Ordine contenuti nel prossimo Decreto 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta