HOME - Patologia Orale
 
 
23 Gennaio 2014

Esiste anche in Odontoiatria un "pianeta donna" con problematiche specifiche? La condizione femminile nella pratica odontoiatrica, sia professionale che clinica


A questa domanda risponde in modo esauriente, affrontando numerosi temi, il dossier di Dental Cadmos del numero di gennaio 2014 che dà inizio al primo corso FAD del nuovo anno.

Innanzi tutto viene esaminata la figura della donna in ambito professionale, le donne odontoiatra tendono a essere più comunicative e a stabilire una maggior empatia con i pazienti rispetto ai colleghi uomini. In genere, le donne sono percepite sul lavoro, dai pazienti, come meno frettolose, più inclini all'ascolto delle loro problematiche, più umane e accudenti.

Il dossier prosegue analizzando la cura della salute orale della donna dall'adolescenza all'età adulta, in particolare le condizioni patologiche del cavo orale che si manifestano più frequentemente, o con caratteristiche peculiari, soprattutto nelle donne. La donna è sottoposta a variazioni ormonali durante tutta la vita. Pubertà, ciclo mestruale, gravidanza, menopausa e assunzione di contraccettivi orali possono infatti influenzare anche lo stato di salute orale.

L'adolescenza è un periodo della vita caratterizzato da profondi cambiamenti morfologici, funzionali e psichici. Durante il periodo della pubertà, si ritiene che i cambiamenti degli ormoni sessuali possano influenzare lo stato infiammatorio della gengiva, le gengiviti che perdurano per più di 6 mesi possono determinare lesioni parodontali localizzate e alcune forme di parodontite grave come la parodontite aggressiva sono tipiche di questa età. Anche un comportamento alimentare disordinato e le cattive abitudini si possano manifestare in condizioni patologiche del cavo orale.

Una disamina attenta e approfondita è dedicata alle problematiche delle donne in
gravidanza e in allattamento
, con particolare attenzione alle decisioni operative da prendere e all'uso dei farmaci per i quali si fa riferimento alla classificazione della Food and Drug Administration (FDA) del livello di rischio dove i farmaci sono suddivisi in base alla pericolosità per la madre e il feto in cinque categorie.
Durante i nove mesi di gestazione la donna subisce una serie di modificazioni e adattamenti sistemici che riducono la capacità di reazione allo stress psicofisico. Il trattamento di una donna in gravidanza genera molto spesso nell'odontoiatra uno stato di ansia come conseguenza di una mancanza di informazioni appropriate e del fatto che alcuni professionisti considerino i trattamenti odontoiatrici in generale potenzialmente pericolosi per il feto. Tuttavia non vi sono dubbi che il trattamento odontoiatrico durante la gravidanza non è solo sicuro, ma anche necessario. Le visite e le cure odontoiatriche eseguite in maniera corretta (uso di radiografie, rimozione della placca, trattamento delle parodontopatie, anestesia locale, prescrizione di farmaci sistemici) dovrebbero far parte di un percorso che porta la paziente al concepimento in una condizione di assoluto benessere e tranquillità.

Per quanto riguarda la donna anziana particolare attenzione viene posta all'osteoporosi (OP) e alle sue conseguenze sul cavo orale. Viene evidenziata l'importanza primaria della figura dell'odontoiatra nella diagnosi precoce di OP, considerando che l'indagine radiologica routinaria per la diagnosi e la cura delle malattie dentali e parodontale può fornire indizi indispensabili a valutare lo status dell'intero scheletro. Questo per sottolineare che la prevenzione della OP è l'approccio più razionale e moderno per sconfiggere la malattia. Tra le sindromi croniche il lichen planus orale, la sindrome di Sjogren e la Burning Mouth Syndrome (BMS) rappresentano tre diverse patologie che le donne affette devono imparare ad autogestire. Fondamentale il momento informativo da parte del professionista che non soltanto istruisce la paziente a livello clinico-terapeutico ma la sostiene anche a livello psicologico.

A questo link gli abbonati a Dental Cadmos potranno scaricare in anteprima il Lavoro.

A cura di: Anna Maria Melica, Consulente Scientifico Dental Cadmos

Articoli correlati

La costruzione, la gestione e il mantenimento di un buon rapporto con il paziente resta, al pari del valido risultato tecnico, la migliore forma di prevenzione del contenzioso in...


Le linee guida di pratica clinica si muovono all’interno del modello di medicina basata sull’evidenza. Se autorevoli, possono rivelarsi uno strumento straordinario. Non solo...

di Carla De Meo


Dental Cadmos, l'unica rivista italiana, peer-reviewed, indicizzata dai più autorevoli database bibliografici internazionali (Embase, Scopus e Web of Science), lancia una nuova App per...


Metodi per valutare la capacità decisionale


Altri Articoli

Fiorile: confermate le posizioni di AIO, adesso via dal Registro delle imprese le altre società odontoiatriche


Pubblicato finalmente il modulo per presentare la richiesta per il credito, ma ci sono limiti e tetti di spesa. I consulenti fiscali AIO ci spiegano quando e come richiederlo


Utilizzare strumenti di telemedicina per “visitare” a distanza i propri pazienti può costituire una violazione della privacy, servono ulteriori consensi? Il parere del Garante 


In serata dovrebbe essere approvato il DCPM che proroga le misure già adottate fino al 31 luglio, obbligo di rispettare i protocolli nei luoghi di lavoro compreso


Straumann Group, azienda leader nel settore odontoiatrico, annuncia la nomina di Davide Marchini in qualità di General Manager e Amministratore Delegato di Straumann Group...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION