HOME - Patologia Orale
 
 
05 Dicembre 2014

Parodontite nei diabetici, una sfida possibile. Dentisti e medici devono collaborare di più la richiesta dal JSDI di Francoforte


E' necessaria maggiore collaborazione tra dentisti e medici, in particolare nel caso di pazienti con parodontite infettiva e diabete. E' il messaggio che emerge dal terzo JSDEI (Joslin-Sunstar Diabetes Education Initiative) Seminar, dal titolo "Diabetes, oral care and Nutrition", svoltosi a metà novembre a Francoforte. 

"E' sicuro fornire assistenza dentistica ai pazienti con diabete, tuttavia va sempre ricordato che, qualora la malattia non sia controllata, possono essere in agguato il rischio di ipoglicemia e, più raramente, di iperglicemia, inoltre questa malattia è un fattore di rischio non solo per la parodontite, ma anche per il fallimento degli impianti" spiega Robert J. Genco, docente di biologia orale e microbiologia, Università Statale di New York a Buffalo. 

Esiste una correlazione bidirezionale tra queste due patologie.  

La patologia parodontica è una complicazione del diabete, ed è presente con più gravità e 2-3 volte più frequentemente in questi malati, specialmente quando hanno uno scarso controllo glicemico. Nel diabete non controllato infatti la parodontite procede 4 volte più velocemente rispetto ai soggetti sani, inoltre la sua terapia è meno efficace, specie nei pazienti obesi. Il problema infatti non è tanto il diabete, quanto il suo controllo corretto in termini di glicemia e incremento ponderale.  

L'azione combinata e coordinata dentista-medico permetterebbe innanzitutto di identificare precocemente l'una o l'altra patologia, ma anche di migliorare non solo la salute orale ma anche quella sistemica. "Anche se ancora saranno necessari studi in questa direzione, c'è un'evidenza crescente che la cura della malattia periodontica porterà a un controllo glicemico migliore rispetto alla sola terapia convenzionale, quantomeno in alcuni pazienti, cioè  i prediabetici, quelli non obesi e quelli nei quali il diabete non è presente da lungo tempo" commenta Thomas Kocher, Direttore dell'Unità di Periodonzia della Dental School di Greifswald, Germania.  

"E' sempre necessaria una gestione congiunta medico-dentista di prevenzione e terapia dei diabetici con malattia parodontica, in particolare quando bisogna programmare impianti ed estrazioni strategiche" continua Robert J. Genco, "E' consigliabile trattare un paziente diabetico al mattino, e dare mezza dose di insulina prima dell'intervento, non la dose intera" suggerisce Baptist Gallwitz,vice presidente dell'Associazione diabetici tedesca (DDG)  E' necessario stabilire se debba anche essere compito del dentista quello di fare una consulenza sullo stile di vita (invitando a smettere di fumare, a praticare attività fisica, a ridurre il peso in caso di obesità) per contenere il rischio di parodontite e diabete 2. Inoltre, nel caso di sospetto concreto che il proprio paziente con parodontite possa essere diabetico, è auspicabile che il dentista stesso consigli (o effettui personalmente) la misurazione della glicemia, inviandolo se necessario al medico curante.  La parodontite può infine essere correlata a un basso livello di vitamina D, per cui può essere valutata anche una sua supplementazione o semplicemente l'invito al paziente a stare di più all'aria aperta esponendosi ai raggi solari" conclude Thomas Kocher. 

Paola Gregori 

Sull'argomento leggi anche
:

4 Dicembre 2014: Diabete e malattia parodontale: una pericolosa sinergia 

Articoli correlati

Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


L'Ufficio Statistico dell'Unione Europea (Eurostat), come ogni anno, pubblica un una classifica delle varie professioni, anche quelle sanitarie, in base al numero dei professionisti in funzione del...


Da qualche giorno anche i possessori di smartphone e tablet della "mela morsicata" possono scaricare l'app realizzata dalla CAO Nazionale contro abusivi e prestanome.L'applicazione presentata il 14...


Altri Articoli

La Delibera del Comitato Centrale FNOMCeO sulle ‘Raccomandazioni nell’interpretazione del messaggio informativo in odontoiatria’ si presta a molti commenti e letture.Quella più ingenua è il...

di Norberto Maccagno


Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Gli iscritti in ritardo con i pagamenti potranno godere di una serie di agevolazioni, ridotte le sanzioni per chi si mette in regola prima dell’accertamento


Sconti per i soci ma anche l’impegno a non operare in forma diretta verso i pazienti


Udienza alla FNOCMeO, Papa Francesco ai medici: non assecondate la volontà di morte del malato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi