HOME - Patologia Orale
 
 
12 Marzo 2015

Menopausa: attenzione anche alle gengive. Uno studio Usa mette in risalto i "mutamenti" anche per la salute orale


Quando si pensa agli effetti negativi della menopausa sulla salute delle donne, il pensiero va soprattutto alle ossa che diventano più fragili facendo lievitare il rischio di fratture. Secondo uno studio statunitense da poco pubblicato sulla rivista Menopause, però, anche la salute orale e in particolare quella delle gengive risente di questi grandi cambiamenti.

"Abbiamo notato che nelle donne con un rischio più elevato di fratture ossee i segni di malattie e disturbi gengivali sono particolarmente importanti" spiega Leena Palomo della Case western reserve university school of dental medicine in Ohio (Usa) e coordinatrice dello studio. Assieme ai suoi colleghi, la ricercatrice ha analizzato i dati del database della Case/Cleveland clinic postmenopausal wellness collaboration dal quale sono state selezionate le donne coinvolte nell'analisi sulla base di particolari caratteristiche: donne di età compresa tra 51 e 80 anni, in menopausa da più di un anno ma da meno di 10 anni, non fumatrici, con emoglobina glicata inferiore a 7 per cento e che nei precedenti 5 anni non avevano utilizzato terapie ormonali, farmaci per il diabete o per prevenire la perdita di densità ossea.

"Abbiamo esaminato il rischio di frattura di queste donne utilizzando il punteggio Frax" afferma l'esperta che spiega poi che questo particolare strumento aiuta a stabilire il rischio tenendo conto anche di fattori come peso, altezza, precedenti fratture, artrite, abitudine al fumo e diabete.
E dall'analisi emerge che quando il punteggio Frax superava il 20 per cento - e di conseguenza il rischio di fratture legate all'osteoporosi veniva considerato alto - anche le gengive risultavano particolarmente a rischio.

"I segni di parodontite sono più gravi nelle donne ad alto rischio di frattura rispetto ai controlli, anche se l'igiene orale non mostra differenze significative nei due gruppi" continua Palomo, "prima delle conclusioni definitive servono ancora altri studi, ma dai risultati ottenuti sembra che il punteggio Frax possa rappresentare uno strumento per identificare le donne che dopo l'arrivo della menopausa sono anche a maggior rischio di problemi gengivali".

Articoli correlati

Durante la menopausa le donne possono perdere il 40% della massa ossea totale e nell'organismo si realizza variazioni nella secrezione degli estrogeni, ormoni che  esplicano azione protettiva...


ObiettiviLo scopo di questo lavoro consiste nella valutazione degli effetti della menopausa sulla salute orale delle pazienti, delle problematiche più frequenti e delle strategie di...


Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


Altri Articoli

Rispettare l’ambiente costa fatica (in realtà poca), rinunce (anche queste poche) e quello dell’impegnarsi per il bene collettivo alla fine rischia di rimanere una frase che suona bene, ma molto...

di Norberto Maccagno


Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per...


Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


Caprara: è una strada da percorrere per il nostro bene e quello dei nostri pazienti, non per tornaconti personali o per strategie di marketing


Intervista al presidente SIE alla vigilia del Congresso Nazionale. Vittorio franco: è una delle più importanti branche dell’odontoiatria che merita di essere “specialità” 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi