HOME - Pedodonzia
 
 
13 Novembre 2015

Non tutte le sedazioni sono.....coscienti. Le precisazioni del prof. Paglia sul tema

di Luigi Paglia


In merito a questo articolo sulla sedazione in pedodonzia pubblicato da Odontoiatria33, il prof. Luigi Paglia ci scrive chiedendo di precisare, cosa che facciamo volentieri. Uniche precisazioni il fatto che l'articolo dava notizia delle linee guida dell'AAPD, che il titolo di un articolo cerca di sintetizzare l'argomento in poche parole (ma a quanto pare non sempre ci riesce) e la foto è stata scelta dal grafico in base alla banca dati in nostro possesso e non aveva finalità descrittive.

Non possiamo definire tutte le sedazioni così genericamente come nel titolo in questione e nemmeno l'AAPD lo fa.

Se stiamo infatti riferendoci ad un livello ambulatoriale di trattamento, come sembra dal contributo e dalla foto pubblicata , occorre distinguere nettamente la sedazione RA Sec. Langa (con poco N2O e tanto O2 ) la cui sicurezza è garantita dalle sedation-machine (e dove il paziente può essere dimesso dopo 15-20' e può guidare l'auto) da quella E.V. la cui sicurezza dipende oltre che dalla buona professionalità dell'operatore, del team, dalla manegevolezza del farmaco utilizzato e dalla sua capacità o meno di interferire con i riflessi tutelari del paziente.

La sedazione enterale (con benzodiazepine ) è anch'essa molto sicura anche se necessita di accompagnamento del paziente e quindi è meno utile a livello ambulatoriale.

In ogni caso, in un uso ambulatoriale, qualsiasi tecnica sedativa deve garantire il mantenimento dei riflessi tutelari del paziente per poter essere eseguita con sicurezza.....almeno in Italia.

La possibilità che vengano meno in maniera predicibile i riflessi tutelari di tosse e deglutizione deve imporre la presenza di personale specializzato e di un ambiente protetto.(Leggi dell'Anestesista e ambiente protetto).

Le altre forme di sedazione per E.V. che non siano quella cosciente devono, a mio avviso, essere considerate sedazioni moderate/profonde che possono rimanere coscienti ma che possono "scivolare" verso livelli di incoscienza del paziente e richiedere quindi servizi di supporto da parte di personale specialistico e ambenti dedicati.

Per i nostri scopi possiamo distinguere come previsto dall'American Accademy of Pediatric Dentistry quattro diversi livelli di sedazione che richiedono differenti livelli di competenza del team e di caratteristiche dell'ambiente operatorio. Suggerisco quindi di promuovere queste linee perchè molto più aderenti alla realtà italiana.

Luigi Paglia: Head Department of Pediatric Dentistry Istituto Stomatologico Italiano (Milano-Italy)

Articoli correlati

Molte volte ai denti decidui viene data meno importanza in quanto si ritiene che la permuta avvenga in modo automatico. Al contrario, i denti decidui sono fondamentali per la...

di Alessandra Abbà


Spesso nei bambini le estrazioni plurime di denti decidui cariati richiedono l’esecuzione in anestesia generale (GA), principalmente per motivi legati alla gestione del piccolo...

di Lara Figini


L’endodonzia è un trattamento molto comune nella pratica dell’odontoiatria pediatrica e un quadro di patologia cariosa con canali radicolari infetti è un problema quotidiano...

di Alessandra Abbà


Le carie dentali sono diffuse e rappresentano un reale problema di salute orale anche nei bambini in età prescolare e delle scuole materne. È una malattia che colpisce i tessuti...

di Alessandra Abbà


La sedazione cosciente viene utilizzata in odontoiatria pediatrica per ridurre l’ansia nei bambini e migliorare i risultati del trattamento. Sia il protossido di azoto-ossigeno...

di Alessandra Abbà


Altri Articoli

Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


L'EFP lancia una nuova campagna internazionale per spiegare la relazione tra malattie cardiovascolari e salute delle gengive sulla base delle più recenti prove scientifiche e del contributo...


Troppo incerta la situazione, UNIDI decide di annullare l’appuntamento di novembre e rimandare a maggio 2021


Confermata l’esclusione per gli studi associati che, ora, dovranno restituire quanto ricevuto, ma senza subire sanzioni


Le paure verso una nuova pandemia porta a ripensare gli approcci comunicativi e le azioni organizzative. Queste le frasi da non dire e quelle da dire per trasmettere “sicurezza” al paziente

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio