HOME - Pedodonzia
 
 
13 Novembre 2015

Non tutte le sedazioni sono.....coscienti. Le precisazioni del prof. Paglia sul tema

di Luigi Paglia


In merito a questo articolo sulla sedazione in pedodonzia pubblicato da Odontoiatria33, il prof. Luigi Paglia ci scrive chiedendo di precisare, cosa che facciamo volentieri. Uniche precisazioni il fatto che l'articolo dava notizia delle linee guida dell'AAPD, che il titolo di un articolo cerca di sintetizzare l'argomento in poche parole (ma a quanto pare non sempre ci riesce) e la foto è stata scelta dal grafico in base alla banca dati in nostro possesso e non aveva finalità descrittive.

Non possiamo definire tutte le sedazioni così genericamente come nel titolo in questione e nemmeno l'AAPD lo fa.

Se stiamo infatti riferendoci ad un livello ambulatoriale di trattamento, come sembra dal contributo e dalla foto pubblicata , occorre distinguere nettamente la sedazione RA Sec. Langa (con poco N2O e tanto O2 ) la cui sicurezza è garantita dalle sedation-machine (e dove il paziente può essere dimesso dopo 15-20' e può guidare l'auto) da quella E.V. la cui sicurezza dipende oltre che dalla buona professionalità dell'operatore, del team, dalla manegevolezza del farmaco utilizzato e dalla sua capacità o meno di interferire con i riflessi tutelari del paziente.

La sedazione enterale (con benzodiazepine ) è anch'essa molto sicura anche se necessita di accompagnamento del paziente e quindi è meno utile a livello ambulatoriale.

In ogni caso, in un uso ambulatoriale, qualsiasi tecnica sedativa deve garantire il mantenimento dei riflessi tutelari del paziente per poter essere eseguita con sicurezza.....almeno in Italia.

La possibilità che vengano meno in maniera predicibile i riflessi tutelari di tosse e deglutizione deve imporre la presenza di personale specializzato e di un ambiente protetto.(Leggi dell'Anestesista e ambiente protetto).

Le altre forme di sedazione per E.V. che non siano quella cosciente devono, a mio avviso, essere considerate sedazioni moderate/profonde che possono rimanere coscienti ma che possono "scivolare" verso livelli di incoscienza del paziente e richiedere quindi servizi di supporto da parte di personale specialistico e ambenti dedicati.

Per i nostri scopi possiamo distinguere come previsto dall'American Accademy of Pediatric Dentistry quattro diversi livelli di sedazione che richiedono differenti livelli di competenza del team e di caratteristiche dell'ambiente operatorio. Suggerisco quindi di promuovere queste linee perchè molto più aderenti alla realtà italiana.

Luigi Paglia: Head Department of Pediatric Dentistry Istituto Stomatologico Italiano (Milano-Italy)

Articoli correlati

Se da un lato gli anziani e i pazienti immunocompromessi hanno manifestato e manifestano maggiormente i sintomi sostanziali da infezione da Covid-19, i bambini e gli adolescenti...

di Lara Figini


Mantenere gli aspetti funzionali ed estetici, la corretta masticazione e garantire lo spazio necessario per l’eruzione dei denti permanenti sono alcuni dei motivi per cui i...

di Lara Figini


La conservazione dei denti decidui è essenziale per la salute orale e per il mantenimento delle funzioni della masticazione e della parola. Tuttavia la carie dentale tra i...

di Alessandra Abbà


In una ricerca su JAMA, valutate le prove scientifiche dell’efficacia di questionari/interviste motivazionali per la riduzione clinica della carie della prima infanzia 

di Lara Figini


Molte volte ai denti decidui viene data meno importanza in quanto si ritiene che la permuta avvenga in modo automatico. Al contrario, i denti decidui sono fondamentali per la...

di Alessandra Abbà


Altri Articoli

Il prof. Gagliani si sofferma su di un lavoro che analizza un'overdenture mandibolare supportata da quattro impianti corti si è dimostrata una modalità di trattamento valida per mandibole atrofiche

di Massimo Gagliani


Ha ragione il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli quando all’Agenzia ANSA denuncia che “in una fase così delicata per il nostro Paese, con un'epidemia in corso e con una campagna...

di Norberto Maccagno


Attraverso il nuovo software OrisLab Q abbiamo simulato i nuovi adempimenti legati alla direttiva sui dispositivi medici in vigore dal 26 maggio


Il Presidente CAO Cosenza ricorre contro la proclamazione degli eletti a revisore dei conti FNOMCeO. “Una questione di principio per tutelare i diritti degli odontoiatri”          


Il Ministero della Salute emana una circolare sentito il parere del CTS. Non inficia l’efficacia della risposta immunitaria ma consente di aumentare il numero di immunizzati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri rilancia il Tavolo Tecnico: è il luogo per discutere e concordare le risposte alle problematiche