HOME - Pedodonzia
 
 
15 Maggio 2007

Tutte le peculiarità del primo morso

di Debora Bellinzani


Il “primo morso” non è come tutti gli altri. Lo spiegano in uno studio recente alcuni ricercatori giapponesi che hanno condotto ricerche approfondite sulla dinamica complessa del primo contatto con il cibo.

Lo studio ha analizzato il comportamento di nove persone a cui era stato chiesto di introdurre nel cavo orale e masticare, mantenendo gli occhi bendati, alcuni pezzi di formaggio. “L’introduzione di un sensore tra i molari dei soggetti coinvolti dalla sperimentazione ci ha consentito di misurare esattamente la forza dei loro atti masticatori escludendo la variabile dello stimolo visivo, che può di per sé condizionare la potenza del morso” afferma il ricercatore; “in questo modo abbiamo potuto verificare che il primo atto masticatorio è composto da due fasi: la prima imprime una forza minore e termina non appena la superficie del cibo viene rotta mentre la seconda, dopo l’interruzione ‘interlocutoria’ della forza impressa, affonda con decisione nel cibo. Il contatto tra molari superiori e inferiori avviene in questa seconda fase”.

Il primo morso dunque, nelle conclusioni dei ricercatori, è definito come un movimento capace di adattare la propria forza e velocità alle caratteristiche dello specifico tipo di alimento che si trova nel cavo orale. “Il movimento delle mascelle durante la masticazione è una funzione motoria complessa: il nostro studio, che per primo ha misurato la forza masticatoria del primo morso, ha dimostrato che il rallentamento della chiusura delle mascelle è una caratteristica universale e connessa alla percezione ‘automatica’ del punto di rottura della superficie e della struttura del boccone di cibo.”

Arch Oral Biol 2007;52(5):455-64 “Interactive relationship between the mechanical properties of food and the human response during the first bite”

GdO 2007; 8

Articoli correlati

Sabato 22 giugno si è tenuta a Roma presso la sala conferenze dell’Ordine dei Medici una giornata di aggiornamento culturale facente parte dell’offerta annuale di aggiornamento dell’Ordine dei...


Scopo dello studio pubblicato su Clinical Oral Investigation di febbraio era quello di confrontare i tassi di successo clinico e radiografico a lungo termine delle pulpotomie...

di Lucia Sardi


Si è concluso il Congresso Regionale SIOI Abruzzo, dal titolo “Salute Orale in età evolutiva: relazione tra Odontoiatria Pediatrica, Neonatologia e Pediatria”, organizzato dal...


Gli odontoiatri pediatrici della SIOI, nel mese di novembre, saranno presenti e a disposizione nelle “piazze” italiane (asili, scuole, palestre, circoli ricreativi….) con un progetto di...


L'efficacia della digitopressione valutata in uno studio indiano

di Lara Figini


Altri Articoli

Riferito ai 4 mesi di pandemia è a disposizione di imprese e attività professionali con alcune limitazioni. Possibile decidere di “cederlo” 


Lo rivela uno studio pubblicato su Frontiers in Public Health. Secondo i ricercatori serve però tempo


Aggiornamento dell’Elenco delle società scientifiche e delle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie. Entro fine ottobre le domande


Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


L'EFP lancia una nuova campagna internazionale per spiegare la relazione tra malattie cardiovascolari e salute delle gengive sulla base delle più recenti prove scientifiche e del contributo...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio