HOME - Pedodonzia
 
 
29 Ottobre 2007

Bambini poco amici dello spazzolino


Sembra impossibile che ancora oggi si possa trascurare il fatto che una buona igiene orale e un corretto stile alimentare praticati fin da bambini evitano il ricorso al dentista negli anni successivi.

Sono molte le ricerche che confermano come bambini e spazzolini da denti non vadano molto d’accordo. Ultima in termini cronologici è quella effettuata nella provincia di Pistoia nell’ambito del progetto di promozione della salute orale e prevenzione delle carie, avviato dall’assessorato per il diritto alla salute della regione Toscana.
I risultati dell’indagine, condotta su di un campione di 694 scolari presenti in 8 strutture scolastiche della scuola primaria selezionati su un campione originario di 6.301 soggetti, sono stati oggetto di un articolo pubblicato sul quotidiano "Il Tirreno". Per realizzare l’indagine è stato distribuito un questionario costruito su quattro semplici domande relative alla frequenza con cui i bambini si lavano i denti, cambiano lo spazzolino, consumano snack e dolci e vanno dal dentista. I risultati riportati dal quotidiano hanno evidenziato una scarsa pratica di igiene orale (il 68,1 per cento dei soggetti effettua un lavaggio meno di due volte al giorno) e una abitudine alimentare complessiva con consumo abbastanza frequente di snack e dolci. In particolare, è stato interessante rilevare che relativamente alla frequenza dell’uso dello spazzolino nella giornata la ripartizione rispetto ai pasti principali è risultata la seguente: 27,6 dopo colazione; 9,1 per cento dopo pranzo; 33,9 per cento dopo cena; 29,4 per cento dopo tutti e tre i pasti. Discreta la frequenza di cambio dello spazzolino (il 59,5 per cento lo cambia ogni 4 mesi) e delle visite odontoiatriche su base annua (46,9 per cento).

“Questi risultati - spiega al giornale Corrado Catalani, responsabile dell’Unità operativa di educazione alla salute - risultano estremamente utili per tracciare orientamenti strategici futuri in termini di prevenzione primaria della carie odontogena: verrà esteso il coinvolgimento alle famiglie in termini formativi e informativi per aumentare, per esempio, dopo il pranzo la frequenza dell’uso dello spazzolino. Appare poi fondamentale il ruolo già svolto dai pediatri di famiglia, i nostri principali alleati nel progetto, nel sollecitare buone pratiche igieniche.”

L’obiettivo del percorso è quello di sensibilizzare i bambini e i loro genitori verso la prevenzione orale.
“Anche da un punto di vista economico - continua Catalani - l’accesso alle cure diventa oneroso anche con i costi tariffati dal sistema sanitario regionale senza contare il tempo impiegato dai familiari, e quindi ore di lavoro perse, per l’accompagnamento del figlio presso lo studio odontoiatrico.” Oltre all’indagine nelle scuole il quotidiano ricorda che è anche attivo a livello regionale il progetto in collaborazione con gli oltre 800 studi dentistici associati Andi, che effettuano a tutti i bambini nati nel 1999 una visita gratuita per verificare le condizioni di igiene orale e che nell’occasione applicheranno, gratuitamente, i sigillanti sui primi molari permanenti presenti nel cavo orale.

GdO 2007; 15

Articoli correlati

prodotti     11 Ottobre 2019

Il numero di setole conta!

Curaprox


Nuova conferma per lo spazzolino elettrico come efficace strumento per l’igiene orale anche per combattere parodontite e rallentare la progressione dei problemi gengivali. A “certificarlo”...


Sembra non esserci un accordo unanime su quale sia il miglior modo di lavarsi i denti. Secondo uno studio  del  British Dental Journal (217, E5-8 agosto 2014) non lo si può indicare...


Anche l'igiene orale è protagonista al CES 2014, la più importante fiera mondiale delle nuove tecnologie in svolgimento a Las Vegas. Tra le tante novità presentate in tema di...


Altri Articoli

Nei giorni scorsi il Sole 24 Ore ha pubblicato un bilancio del primo anno di fatturazione elettronica, in realtà come spesso capita con la pubblica amministrazione i dati non sono proprio...

di Norberto Maccagno


Il racconto di un caso di odontoiatria legale consente alla dott.ssa Maria Sofia Rini di portare alcune considerazioni sul rapporto fiduciario medico paziente


Per il presidente CAO Cuneo la questione è il diritto del paziente ad affrontare il pagamento come crede  e senza discriminare il privato verso il pubblico


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


Circolare FNOMCeO su novità dalla finanziaria. La Federazione mettere in guardia medici e dentisti sui rischi di non avere in studio il Pos


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni