HOME - Pedodonzia
 
 
04 Marzo 2021

Carie dei molari decidui: come semplificare la tecnica di restauro

di Alessandra Abbà


La conservazione dei denti decidui è essenziale per la salute orale e per il mantenimento delle funzioni della masticazione e della parola. Tuttavia la carie dentale tra i bambini continua a essere una delle principali malattie della salute pubblica.

Per far fronte a questo problema è stata studiata una varietà di resine con diverse proprietà fisiche da utilizzare nei restauri dei denti decidui allo scopo di risparmiare tempo e semplificare la tecnica. Una di queste è la cosiddetta “resina composita self adhesive” in una composizione flow. Quest’ultimo rende possibile eliminare lo step dell’applicazione dell’adesivo riducendo i tempi di trattamento.  

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
Lo scopo dello studio clinico randomizzato in singolo cieco pubblicato sull’European Oral Research è di valutare le prestazioni cliniche a 1 anno di follow-up di un composito flow autoadesivo e di un sistema adesivo/composito disponibile in commercio nei restauri diretti di molari decidui.

Da marzo 2012 a settembre 2013, trentuno bambini (10 maschi, 21 femmine tra 4 e 9 anni) sono stati sottoposti a screening e arruolati per questo studio. Il principale criterio di inclusione era la presenza di almeno due lesioni cariose occlusali sui molari da latte senza coinvolgimento della polpa.

Dopo l’esame clinico e radiografico i pazienti sono stati trattati con anestesia locale e isolamento con diga di gomma e una tecnica di restauro assegnata in modo casuale con un design tipo split-mouth. Ogni bambino è stato trattato dallo stesso operatore.

Tutti e 31 i pazienti hanno ricevuto due diversi tipi di trattamento. Un totale di 62 cavità occlusali sono state restaurate con un composito flow autoadesivo o con un sistema adesivo/composito del commercio secondo le istruzioni del produttore.

I restauri sono stati valutati clinicamente dopo 1 mese e dopo 3, 6 mesi e 1 anno post-operatorio utilizzando i criteri del Servizio di salute pubblica degli Stati Uniti (USPHS) modificati per ritenzione (R), corrispondenza dei colori (CM), decolorazione marginale (MD), carie secondaria (SC), usura (W), adattamento marginale (MA) e sensibilità post-operatoria (PS).

Risultati
Trentuno pazienti hanno partecipato al richiamo del 1o, 3o e 6o mese e 29 pazienti hanno partecipato al richiamo di 1 anno. La mancanza di ritenzione non è stata osservata in nessuno dei restauri. Nessuno dei restauri presentava scolorimento marginale e perdita di forma anatomica al follow-up di 1 anno. I restauri non hanno mostrato sensibilità post-operatoria in nessun periodo di valutazione.

Non ci sono state differenze significative tra i gruppi per ritenzione, corrispondenza cromatica, scolorimento marginale, carie secondaria, usura, adattamento marginale, sensibilità post-operatoria dopo 1 mese, 3 mesi, 6 mesi e 1 anno.  

Conclusioni
Questo studio mirava a valutare le prestazioni cliniche di un nuovo composito fluido autoaderente per 1 anno. Sulla base dei risultati, il composito fluido autoadesivo aderente ha mostrato risultati clinici accettabili. Questo materiale, che incorpora il collante, consente di risparmiare tempo e di ridurre al minimo gli errori di movimentazione.

Tuttavia ci sono studi limitati sulla resina composita fluida autoadesiva. Secondo i risultati dello studio, la resina composita fluida autoadesiva può essere utilizzata con successo nelle cavità occlusali dei denti primari.  

Per approfondire
Buse Ayse Serin, Iffet Yazicioglu,Ceren Deveci, Muharrem Cem Dogan. Clinical evaluation of a self-adhering flowable composite as occlusal restorative material in primary molars: one-year results. Eur Oral Res 2019 Sep;53(3):119-24.

Versione inglese disponibile su DENTISTRY33 a questo link

Articoli correlati

Mantenere gli aspetti funzionali ed estetici, la corretta masticazione e garantire lo spazio necessario per l’eruzione dei denti permanenti sono alcuni dei motivi per cui i...

di Lara Figini


Spesso nei bambini le estrazioni plurime di denti decidui cariati richiedono l’esecuzione in anestesia generale (GA), principalmente per motivi legati alla gestione del piccolo...

di Lara Figini


Scopo dello studio pubblicato su Clinical Oral Investigation di febbraio era quello di confrontare i tassi di successo clinico e radiografico a lungo termine delle pulpotomie...

di Lucia Sardi


L'eruzione dentale è un processo fisiologico naturale che inizia col primo dente deciduo tra i 4 e i 10 mesi e si completa normalmente, per la dentizione da latte, entro i 30 mesi di...


La funzione masticatoria svolge uno dei ruoli più importanti nella salute orale.Diversi studi in letteratura hanno evidenziato che le prestazioni masticatorie sono correlate allo stato...


Altri Articoli

Tra i temi in discussione la valutazione su una possibile revisione delle procedure anti Covid indicate per gli studi odontoiatrici


Anelli: i sanitari a rischio sono tutti, non si faccia il 'tu sì tu no. La terza dose va estesa a tutti perché «garantisce la riduzione del rischio e aiuta la categoria a continuare a lavorare in...


Giovedì 30 il termine ultimo per l’invio da parte di odontoiatri, igienisti dentali e strutture sanitarie dei dati delle fatture messe direttamente ai pazienti al Sistema Tessera Sanitaria


In occasione della quinta edizione del Dental Forum ad Asti, il 2 ottobre 2021, l’intervento “Il digitale e la nuova e-inclusion in odontoiatria” sarà focalizzato sui trend che stiamo...


Uno lavorava in un poliambulatorio medico, l’altro in un sottoscala, gli altri 2 arrotondavano facendo i buttafuori 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio