HOME - Pedodonzia
 
 
30 Ottobre 2014

Ricerca: Valutazione clinica e radiografica di due prodotti per la terapia canalare di denti decidui necrotici

di P.F. Lugliè, G. Spano, G. Lai, G. Congiu, A.M. Lumbau


Valutare clinicamente e radio graficamente l'efficacia di due cementi canalari nel trattamento endodontico di denti decidui necrotici è stato lo scopo del Lavoro pubblicato su Dental Cadmos (2014;82(8):539-548).
"Le terapie degli elementi dentari decidui in età pediatrica -spiegano gli Autori- talvolta vengono erroneamente trascurate. È importante, invece, salvaguardare la fisiologica permanenza dei denti decidui perché la perdita precoce, frequentemente secondaria alla carie, può determinare gravi alterazioni funzionali, e non sempre il mantenitore di spazio può essere la soluzione ideale".

Di qui l'importanza dell'endodonzia pediatrica.

I materiali più utilizzati nell'endodonzia dei denti decidui sono l'ossido di zincoeugenolo (ZOE), la pasta iodoformica e l'idrossido di calcio.
Recentemente, ricordano gli autori è stato introdotto nella pratica endodontica sui denti decidui un nuovo prodotto, il cui utilizzo ha consentito di ottenere ottimi risultati clinici e radiografici.

Per effettuare la ricerca sono stati selezionati 20 denti decidui necrotici in un campione di bambini di età compresa fra 3 e 8 anni. Tutti i denti selezionati sono stati trattati endodonticamente e otturati con Vitapex® (Neo Dental International Inc., Federal Way, WA, United States) e Calcicur® (Voco, Cuxhaven, Germany) e sono stati monitorati clinicamente e radio graficamente per un periodo di 12 mesi.
Il tasso di successo a 12 mesi dei due cementi canalari è stato rispettivamente del 100% e del 91%.
"Le paste oggetto del nostro studio hanno ottenuto buoni risultati clinici e radiografici, tuttavia il riassorbimento dei materiali all'interno dei canali radicolari, specialmente nel gruppo B (36,6%), pur non inficiando il successo clinico, potrebbe presentare lo svantaggio di richiedere un reintervento o comunque un followup più lungo".

"Saranno necessari -concludono gli autori- ulteriori studi con follow-up più prolungati e con un campione più rappresentativo per valutare possibili differenze nel successo della terapia a lungo termine e negli eventuali effetti sui denti permanenti".

Articoli correlati

La sedazione cosciente viene utilizzata in odontoiatria pediatrica per ridurre l’ansia nei bambini e migliorare i risultati del trattamento. Sia il protossido di azoto-ossigeno...

di Alessandra Abbà


Nei pazienti pediatrici con carie profonda in denti permanenti l’anestesia plessica non sempre assicura l’anestesia della polpa e ciò può portare a un’esperienza dolorosa...

di Alessandra Abbà


Scopo dello studio pubblicato su Clinical Oral Investigation di febbraio era quello di confrontare i tassi di successo clinico e radiografico a lungo termine delle pulpotomie...

di Lucia Sardi


L'efficacia della digitopressione valutata in uno studio indiano

di Lara Figini


Altri Articoli

Dopo l’Europa il Gruppo Editoriale EDRA sbarca negli Stati Uniti e lo fa puntando su due settori strategici come la veterinaria e l’odontoiatria


Pubblicato in GU il Decreto con la norma che obbliga anche gli igienisti dentali all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria delle fatture emesse nei confronti dei pazienti. Ecco le modalità


L’invito ai soci è quello di prescriverli sono se necessari ed informare i pazienti sull’utilizzo consapevole. Il presidente Fiorile invita ad aderire al Manifesto di Choosing Wisely Italy.


Il presidente Iandolo ribadisce la necessità di un intervento normativo. Intanto il Ministro Speranza si dice disponibile a ragionare su proposte SUMAI


In continuità con l’offerta formativa anche alla luce del nuovo Ordine Professionale, il bilancio durante la discussione delle tesi all’Università di Brescia


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi