HOME - Prodotti
 
 
26 Ottobre 2018

Creste sottili? Un problema risolto con PiezoImplant


Dopo anni di ricerca e sviluppo, è nata una nuova forma implantare in grado di rispettare l’anatomia del paziente. Si tratta di un impianto che presenta una innovativa forma a cuneo, appositamente studiato per un’inserzione mininvasiva nelle creste sottili, preservandone la vascolarizzazione, salvaguardando la porzione d’osso più soggetta a riassorbimenti ed evitando di ricorrere a tecniche rigenerative non sempre facili, accettate e predicibili.

PiezoImplant è il primo impianto al mondo che viene inserito in un sito di forma rettangolare che è più conforme all’anatomia crestale residua. L’azione piezochirurgica è l’unica che consente di ottenere questo tipo di preparazione, grazie a degli appositi inserti Piezosurgery®. Da sottolineare che la preparazione ultrasonica del sito implantare, favorisce un processo di osteointegrazione più veloce come largamente documentato in letteratura.

Piezoimplant è un impianto press-fit, il suo inserimento avviene attraverso delle micro percussioni assicurate dal dispositivo IPD Implant Placement Device, in grado di stabilizzare l’impianto con valori ISQ analoghi agli impianti tradizionali.PiezoImplant utilizza connessioni protesiche standard e permette così una facile protesizzazione.

Pur essendo molto sottile, 1,8 mm, possiede valori di rottura paragonabili ad impianti a vite tradizionali di diametro 3.5 mm. A livello corticale, la sua superficie liscia facilita la rimozione del biofilm batterico in caso di riassorbimento osseo. La macro e micro geometria di PiezoImplant, insieme al trattamento di superficie RBM, aumentano in modo apprezzabile l’area della superficie dell’impianto, permettendo un contatto osseo maggiore rispetto agli impianti standard.PiezoImplant si presenta con una larghezza di 5 mm ed è disponibile in quattro lunghezze: 9 – 11 – 13 - 15 mm

Viene distribuito in esclusiva per il mercato italiano da Mectron Spa. 


Per maggiori informazioni:

Mectron s.p.a.Via Loreto, 15/ACarasco (GE),

Mail: info@reximplants.it

www.reximplants.it

Articoli correlati

Difetti ossei trasversali e verticali sono casi frequenti che i dentisti si trovano ad affrontare e che spesso portano all’uso di tecniche invasive al fine di aumentare il...


Migliorare l’efficienza dello studio con la linea implantare CORE: la sua piattaforma protesica unificata consente una riduzione significativa delle componenti protesiche,...


OT Equator è l’attacco più piccolo pre­sente nel mercato, compatibile con tutte le piattaforme implantari, in grado di ga­rantire una migliore stabilità e ritenzione


Altri Articoli

Alessandro Baj

Test sierologici fine a se stessi o studi multicentrici di ricerca? Ne abbiamo parlato con il professor Alessandro Baj


Il Tavolo tecnico modifica il testo su mascherine e camici ed il CTS approva. Il prof Gherlone ci spiega le modifiche e parla del futuro del Tavolo Tecnico 


Alcune considerazioni del dott. Dario Bardellotto sulle possibili soluzioni per combattere gli inquinanti indoor chimici, fisici e biologici di uno studio dentistico


La Società spagnola per il diabete (SED) e la Società spagnola di parodontologia portano l’attenzione sul malato diabetico ed i rischi in questo periodo di Covid-19. Raccomandata la massima...


L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni