HOME - Prodotti
 
 
09 Ottobre 2020

Nuova pasta dentifricia per un'azione antibatterica

Zendium rinnova la sua linea in termini di confezione e formulazione. L’obiettivo è quello di essere vicini alle esigenze dei consumatori, sempre più consapevoli nella scelta dei propri prodotti cosmetici in termini di qualità e sostenibilità ambientale


La grande rivoluzione del brand parte da un nuovo packaging del tutto all’avanguardia, concepito senza scatola esterna e realizzato con tubo composto con il 60% di plastica proveniente da materia vegetale. Questa plastica viene realizzata con scarti della lavorazione della canna da zucchero che, una volta trattati, offrono una soluzione del tutto simile alla plastica definita “vergine” sia al tatto che alla vista.

Il tubo è privo della barriera interna in alluminio, solitamente utilizzata per permettere un buon isolamento della pasta dentifricia ed è realizzato con materiale che lo rende tecnicamente riciclabile.

Inoltre, Zendium ha scelto di eliminare la scatola esterna dei suoi dentifrici, ritenuta un imballaggio non indispensabile, presentando i tubi di prodotto in un vassoio 100% in cartone dove vengono posizionati verticalmente. Queste nuove soluzioni continuano a garantire una sicurezza e protezione del prodotto del tutto pari a quelle del suo predecessore.

L’attenzione alla sostenibilità ambientale coinvolge anche gli altri prodotti della linea Zendium. Il collutorio è infatti confezionato in una bottiglia composta al 96% di plastica riciclata, mentre lo spazzolino ha il manico con il 90% di plastica riciclata e una confezione con apertura easy-peel che permette di dividere facilmente plastica e carta facilitando così una perfetta differenziazione dei materiali per la raccolta dei rifiuti.

Grazie a questa innovazione, Zendium riesce a ridurre considerevolmente l’utilizzo di materiali vergini adoperando cartone riciclato e plastica riciclata, realizzando un impatto concreto grazie al suo impegno. Basti pensare che questa modifica strutturale permette di “salvare” 7 alberi al giorno, usando 100% energia elettrica rinnovabile.


Una formula rinnovata
Nella ridefinizione del brand rientra anche una modifica alla formula. La nuova pasta dentifricia Zendium è senza coloranti, con un colore meno lucente con possibili e normali cambiamenti di tonalità nel tempo. Questo anche perché è stata realizzata senza biossido di titanio, una sostanza di origine minerale che si presenta di colore chiaro e opaco e che viene utilizzato negli alimenti e nei cosmetici come colorante, generalmente indicato nei cosmetici come Titanium dioxide o C.I. 77891.

Insieme a queste migliorie, Zendium preserva la sua formulazione innovativa con enzimi e proteine naturali, senza SLS e senza triclosan che agisce come antibatterico naturale, migliorando il microbioma orale grazie all’azione di enzimi e proteine, elemento differenziante rispetto alle altre offerte del mercato. Oggi più che mai, infatti, è rilevante l’azione che il dentifricio ha sul microbioma orale, ovvero la flora batterica presente nella nostra bocca, per rafforzarne le difese naturali.

Un’azione antibatterica naturale quindi che ben si sposa con il nuovo posizionamento di Zendium, tra i pionieri di un approccio sempre più sostenibile nel mondo dell’igiene orale.

Zendium è inoltre noto per la sua delicatezza, un gusto leggero e una formulazione che rispetta i tessuti della bocca. La sua identità è chiara, volta al rispetto della bocca e del pianeta, con un impegno dichiarato del brand in questa missione.

Per informazioni: www.zendium.it

Tag

Articoli correlati

Un innovativo studio di microbiomica, pubblicato nello Scientic Reports e presentato durante la sessione generale del Congresso IADR/AADR/CADR tenutosi a San Francisco nella settimana del 23 Marzo...


Zendium è il primo dentifricio al mondo a sfruttare le proprietà di enzimi e proteine per rafforzare le difese naturali della bocca. Finalmente arriva in Italia Zendium, una delle...


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


Oltre a quelli italiani ne hanno parlato il New York Times, Al Jazeera, siti spagnoli e degli altri Paesi europei. Sileri: sarebbe una macchietta se non fosse un odontoiatra


Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open, potrebbero contribuire a migliorare la comunicazione con pazienti con problemi di udito ma non solo


Il Viminale pubblica una utile tabella per capire cosa si può fare a seconda del tipo di certificazione posseduta ed il colore della regione. Le regole per datori di lavoro e lavoratori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi