HOME - Prodotti
 
 
26 Giugno 2015

KOMET: Nuova linea di gommini per compositi a 2 passaggi

Set 4652

La lucidatura dei compositi può essere eseguita in vari modi, ma la tendenza comune tra gli operatori è di conseguire il miglior risultato nel più breve tempo possibile e con gommini che - possibilmente - durino a lungo.

KOMET dispone di varie linee di gommini per la lucidatura dei compositi: per es. ad un solo passaggio o a 3 passaggi, a seconda che si dia più importanza alla flessibilità e alla velocità di esecuzione o alla durata degli strumenti di lucidatura.

Ultimamente KOMET ha creato una linea di gommini per compositi a due passaggi, in grado di coniugare la durata utile con la flessibilità e la velocità di esecuzione del processo di lucidatura.

Importantissima fase preliminare è quella della rifinitura con diamantate a grana fine o, ancor meglio, con frese a finire in carburo di tungsteno.

Il primo passaggio con i gommini di colore rosa chiaro produce una pre-lucidatura del composito, cioè si riescono ancora a correggere piccole imprecisioni di forma superficiale e si ottiene una superficie pronta per il secondo passaggio.

Con il secondo passaggio dei gommini di colore giallo chiaro si ottiene una brillantatura del composito, grazie al diamante a grana fine.

Il legante elastico che ha la funzione di trattenere i grani abrasivi è di tipo speciale, in grado di durare molto a lungo.

La nuova linea a due passaggi di gommini per composito KOMET prevede le forme di impiego più comune: fiamma piccola e fiamma grande, coppetta e forma lenticolare per gli spazi interprossimali.

E' possibile avere tutte le forme a disposizione in un pratico kit iniziale. In seguito si potranno ordinare separatamente i gommini di maggior impiego.

KOMET Italia srl
via Fabio Filzi, 2
20124 Milano
tel. 02 67076654
info@komet.it
www.komet.it

Articoli correlati

Non è sempre possibile mettere in atto un piano di trattamento ideale in ogni situazione clinica.Il paziente trattato in questo caso, si presenta alla mia osservazione con una...


Le lesioni cervicali non-cariose (NCCLS) sono definite come la perdita di tessuto dentale duro a livello della giunzione amelo-cementizia. L'eziologia delle NCCLS è considerata...


Le resine composite attualmente sono sicuramente i materiali più utilizzati per le otturazioni dirette. Il loro vantaggio principale è quello estetico, al quale si aggiunge anche il...


Da uno studio condotto negli Stati Uniti è emerso che i tassi di fallimento annuali per i restauri in composito arrivano fino al 15% [Hickel 2005] e una revisione della letteratura suggerisce...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi