HOME - Protesi
 
 
18 Gennaio 2016

Stomatite da protesi: una formulazione innovativa della resina può ridurne l'insorgenza

di Lara Figini


La stomatite da protesi è tutt'altro che infrequente e genera dolori della mucosa orale, disagi, alterazioni del gusto, che, assommati determinano una disfunzione masticatoria che, a lungo andare, può portare anche un ridotto apporto nutrizionale. Una delle principali cause di stomatite da protesi è la crescita eccessiva di un fungo, la Candida albicans, noto anche come Candida associata a stomatite da protesi (CADS).

Purtroppo la strategia terapeutica contro la CADS non è stata ancora definitivamente stabilita. Esistono in commercio agenti antifungini per via orale, come l'amfotericina B, la nistatina, e il miconazolo e altri farmaci sistemici antifungini , però i loro effetti riferiti appaiono limitati.

In un recente studio pubblicato sul Journal of Dentistry di gennaio 2016 si evidenzia che l'aggiunta alla tradizionale resina metacrilica, utilizzata per la costruzione di protesi totali, di un composto a base di particelle di vetroionomero pre-indurito definito S-PRG avrebbe il potenziale di ridurre l'adesione della Candida albicans alla resina della protesi riducendo, per conseguenza, il rischio di stomatite.

Il riempitivo vetroionomerico (S-PRG) è costituito da particelle formate da una reazione acido-base del vetro fluoroaluminosilicato con l' acido poliacrilico, ed è in grado di rilasciare sei tipi di ioni (Na+, Sr2+, SiO3 2 , Al 3-, BO3 3-, e F-).

Nello studio in questione gli autori hanno preparato dei dischi di polimetilmetacrilato
metacrilato (PMMA) , materiale base per la costruzione di protesi mobili totali e parziali, incorporando l'S-PRG come riempitivo nella polvere del polimero in percentuali variabili dal 5 al 20%. Sono stati misurati la rugosità di superficie dei dischi e il rilascio degli ioni potenzialmente attivi e la quantità di biofilm con particolare riguardo alla presenza di Candida Albicans .

Dai risultati ottenuti in questo studio gli autori hanno potuto constatare un lieve, ma significativo, aumento della rugosità superficiale con l' aumentare della percentuale di riempitivo inglobata. Nonostante ciò l'attività metabolica e il volume totale della biomassa sono risultati significativamente più bassi in tutti i gruppi di riempimento rispetto al gruppo di controllo. Non si sono riscontrate differenze significative tra vari gruppi di riempimento.

La ricerca ci suggerisce che l'adesione di C. albicans èridotta qualora venga incorporato nella resina delle protesi totali il riempitivo a base vetroionomenrica S-PRG . Ulteriori studi clinici su portatori di protesi per verificare la reale insorgenza clinica di stomatite da protesi in pazienti portatori di manufatti provvisti di questa innovativa resina metacrilica.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

Reduction of Candida biofilm adhesion by incorporation of prereacted glass ionomer filler in denture base resin. Tsutsumi C, Takakuda K, Wakabayashi N. J Dent. 2016 Jan;44:37-43.

Articoli correlati

agora-del-lunedi     14 Giugno 2021

E gli anziani?

La popolazione invecchia e sorridere potrebbe non essere più solo un privilegio per ricchi. Alcune considerazioni del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Immagine di archivio

Posizione implantare e sua influenza sui parametri peri-implantari

di Lara Figini


La metallo-ceramiche per le protesi supportate da impianti ha sempre rappresentato il gold standard nonché il materiale più studiato in letteratura, ma oggigiorno l’utilizzo...

di Alessandra Abbà


Altri Articoli

Il primo passo si focalizza su una collaborazione tra lo scanner intraorale 3Shape TRIOS di 3Shape e gli allineatori trasparenti SureSmile di Dentsply Sirona


Agorà del Lunedì     14 Giugno 2021

E gli anziani?

La popolazione invecchia e sorridere potrebbe non essere più solo un privilegio per ricchi. Alcune considerazioni del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Contributo alle mamme medico o odontoiatre iscritte alla quota A e B e per le studentesse del V e VI anno in Medicina o Odontoiatria


Firmato il regolamento sul certificato COVID digitale UE che sancisce la fine dell'iter legislativo. Dal primo luglio sarà utilizzabile in Europa


I dottori commercialisti Alessandro ed Umberto Terzuolo consigliano e ci spiegano, come potrebbero essere “adattati” al settore dentale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi