HOME - Protesi
 
 
11 Maggio 2017

Stabilità protesica. Meglio le preparazioni protesiche parallele o convergenti?

di Prof. Massimo Gagliani


Le tipologie di preparazioni protesiche nei denti anteriori hanno sempre sollevato dei dibattiti più o meno accesi. A prescindere dalla linea o dall'area di fine preparazione, è sempre parso di grande interesse considerare le pareti vestibolari e palatali come elementi determinanti la stabilità del manufatto protesico finale.

Salvaguardare il cingolo palatale è stato dai più considerato un elemento di resistenza e di stabilità non prescindibile per la futura durata del restauro definitivo.

In questo studio apparso sul Journal of Prosthetic Dentistry gli Autori hanno esaminato due tipi di preparazione: un gruppo di incisivi è stato preparato mantenendo le pareti vestibolare e palatale parallele tra di loro, mentre un secondo gruppo di analoghi elementi dentali è stato preparato con pareti palatali e vestibolari convergenti, con un angolo di 20° circa.

Le preparazioni così ottenute sono state poi rivestite da manufatti protesici in ceramica e tali manufatti sono stati caricati con forze compressive e tensili, queste ultime impiegate per verificare la capacità ritentiva ottenibile con i due diversi tipi di preparazione.

I risultati - per quanto attiene la forza ritentiva - sono stati in favore del gruppo in cui la preparazione era stata effettuata con le pareti parallele mentre, al contrario, la resistenza al carico compressivo è stata in favore del gruppo in cui le preparazioni erano state effettuate con pareti convergenti.

Conclusioni: la preparazione ha, da sempre, determinato diversi comportamenti meccanici nei manufatti protesici, le evidenze di questo studio mettono in luce alcuni aspetti che, clinicamente, potrebbero risultare interessanti. Ovvero quelli di riservare tipologie di preparazione parallele a quei casi in cui la resistenza al carico occlusale non sia rilevante mentre si potrebbero prospettare preparazioni a pareti convergenti a quei pazienti in cui le forze masticatorie potrebbero sollecitare gli elementi dentali anteriori in modo significativo.

A cura di: Massimo Gagliani, Coordinatore Scientifico area Odontoiatrica Gruppo EDRA

Per approfondire:

In vitro assessment of retention and resistance failure loads of two preparation designs for maxillary anterior teeth. Aimilia Bintivanou, DDS, MS, Argirios Pissiotis, DDS, MS, PhD, Konstantinos Michalakis, DDS, MSc, PhD April 2017Volume 117, Issue 4, Pages 517-523 The Journal of Prosthetic Dentistry

Articoli correlati

Obiettivi. Obiettivo del lavoro è mostrare l’importanza dell’esame clinico e delle indagini radiografiche nella diagnosi per il trattamento dei traumi dentali.Materiali e metodi. In sede di...


La richiesta di riabilitazioni protesiche che soddisfino il più possibile le esigenze non solo funzionali, ma anche estetiche, è sempre più diffusa anche in pazienti che sono...


Immagine di archivio

Posizione implantare e sua influenza sui parametri peri-implantari

di Lara Figini


La metallo-ceramiche per le protesi supportate da impianti ha sempre rappresentato il gold standard nonché il materiale più studiato in letteratura, ma oggigiorno l’utilizzo...

di Alessandra Abbà


In endodonzia l’otturazione canalare è di fondamentale importanza per il successo del trattamento endodontico, in quanto è una procedura che mira a sigillare ermeticamente il...

di Lara Figini


Altri Articoli

“L’odontoiatria in salute per la salute” il filo conduttore di questa edizione. Disponibili online e gratuitamente tutte le video relazioni e i 602 poster


Il Centro Europeo per il Controllo delle Malattie ha pubblicato una guida per la prevenzione al contagio dei vaccinati


Quelli che hanno ottenuto la dose prima di marzo potrebbero non poterlo utilizzare per gli spostamenti durante le vacanze estive. I dubbi sulla “validità semestrale”


Per l’EMA i benefici superano i rischi. AIFa e Ministero della salute autorizza le inoculazioni anche in Italia, ma per gli over 60


Immagine di repertorio

Riguarderebbe solamente la scadenza legata alla possibilità di assumere ASO non qualificate. Intanto il Ministro avrebbe dato il via libera per avviare l’iter per la modifica del DPCM


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente