HOME - Protesi
 
 
29 Marzo 2018

L’invecchiamento riduce la traslucenza delle ceramiche in zirconia?

Ha cercato di dare una risposta uno studio tedesco

di Davis Cussotto


La ricerca di materiali altamente estetici ci portata a realizzare restauri in vetroceramica integrale. Tuttavia questi materiali presentano una ridotta resistenza alla frattura.  

L’introduzione delle zirconie monolitiche cerca di conciliare estetica e resistenza.   

Sappiamo che nei denti naturali con l’invecchiamento aumenta la translucenza; la  luce li attraversa in modo diffuso, con perdita di trasparenza.   Accade la stessa cosa con la Zirconia monolitica?  

A porsi il problema sono stati un gruppo di ricercatori della Carl Gustav Carus Faculty of Medicine presso la Technical University di Dresden in Germania, guidati da Katarzyna Walczak. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul Journal of Prosthodontics.                 

I ricercatori hanno testato 4 zirconie monolitiche leader del  mercato:

  • Cercon ht white (Dentsply Sirona)
  • BruxZir Solid Zirconia (Glidewell Laboratorie)
  • Zenostar t0 (Ivoclar Vivadent)
  • Lava Plus (3M)  

Per farlo hanno realizzato un processo di invecchiamento artificiale, per valutare se cambia la traslucenza e come questa venga percepita dall’occhio umano.  

Il campione è costituito da 120 corone in zirconia monolitica (30 per ogni gruppo di materiale) con spessore medio 0,5 mm. L’invecchiamento accelerato è stato realizzato con 5 ore di autoclave a vapore a 134° C. E’ stato calcolato il rapporto di contrasto (il rapporto tra la riflettanza luminosa della zirconia posta su sfondo nero rispetto e allo sfondo bianco) e i parametri di translucenza prima e dopo il passaggio in autoclave per tutti i materiali. I parametri differivano significativamente in tutti i gruppi campione.  

Lo studio ha rilevato che la traslucenza di tutti i materiali aumenta dopo il processo di invecchiamento accelerato: i valori misurati  poco differivano tra i diversi  prodotti.  

Alla luce dei dati rilevati i ricercatori concludono ritenendo che “il processo di invecchiamento può influenzare la traslucenza e, quindi, il risultato estetico dei restauri in zirconia. Tuttavia, i cambiamenti sono minimi e probabilmente non rilevabili dall'occhio umano”.  


Photo Credit: Od. Vincenzo Castellano

Articoli correlati

Così la considera il  27% della popolazione spagnola. I risultati di una indagine del Consejo General de Dentistas


Per il prof. Matteo Chiapasco la formazione è alla base del successo. “Non basta sapere inserire l’impianto ma si deve conoscere il contesto anatomico e valutare quello clinico” 


L’impianto BTI CORE si presta a qualunque tipo di riabilitazione protesica scelta dal professionista.   Singola o multipla direttamente sulla testa dell’impianto, con...


L'obiettivo: quello di permettergli di distinguere le varie lesioni orali e capire quando invece è il caso di rivolgersi a uno specialista 

di Lara Figini


Gli autori hanno confrontato l'adesione batterica alla zirconia rispetto alle corone in disilicato di litio. Informazione cruciale per il successo a lungo termine dei restauri dentali


Altri Articoli

L’acquisizione apre significative opportunità per Dentsply Sirona all’interno del segmento dei bio-materiali.


Slitta a settembre la scadenza dell’invio dei dati del primo semestre al Sistema Tessera Sanitaria. Il MEF accolgie le richieste di alcune associazioni di categoria


ANTLO e SNO/CNA, in incontri separati, si sono confrontati con la senatrice Boldrini in merito al disegno di legge sul nuovo profilo degli odontotecnici


Gli odontoiatri forensi: presenta ancora dei punti oscuri che evidenziano prospettive di timide innovazioni di diritto e di tutela, soprattutto in tema di formazione specifica


L’evoluzione passa attraverso l’evoluzione e la ricerca della NewTom. Ne abbiamo parlato con il prof. Pierluigi Mozzo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio