HOME - Protesi
 
 
03 Luglio 2018

Faccette estetiche in composito

Procedura operativa, step by step

Nicolò Barbera, Alfredo Adami, Eugenio Romeo, Laura Strohmenger

Primo appuntamento - La paziente
La paziente, già in cura presso la Clinica odontoiatrica “Giorgio Vogel”, giunge alla nostra attenzione perché non felice del proprio sorriso, riferendo che da diversi anni trova i suoi denti scuri e abrasi e per questo motivo si trova in difficoltà nelle sue relazioni (figure 1-4).

Il caso è stato realizzato da uno studente del VI anno seguito dai Tutor dell’ateneo milanese.

Figura 1

Figura 2

Figura 3

Figura 4

Studio del caso
In prima visita si rilevano impronte in alginato per la realizzazione di modelli di studio in gesso sui quali verrà eseguita una prima ceratura diagnostica. La paziente ha un’occlusione di 3ª classe, con chiusura testa a testa e si esegue, quindi, un primo mock-up al fine di valutare l’estetica e la funzione (figure 5-9).

Figura 5

Figura 6

Figura 7

Figura 8

Figura 9

Secondo appuntamento - Prova estetica (mock-up)
Il primo mock-up viene eseguito in colore A1 scala VITA per evidenziare il notevole cambiamento del sorriso della paziente; quest’ultima si dimostra sin da subito soddisfatta e le viene chiesto di portare il mock-up per una settimana al fine di valutare la funzionalità e l’occlusione. 

Terzo appuntamento - La preparazione e le impronte
La paziente giunge all’appuntamento con il mock-up non integro; tuttavia, si decide di utilizzarlo lo stesso come guida per la preparazione secondo la tecnica di Gurel. Una volta eliminato il mock-up, la preparazione viene rifinita e terminata. Nella fase di preparazione dei quattro incisivi superiori, volutamente abbiamo accentuato la sottrazione di tessuto dentale, ricordando la posizione di chiusura originaria e la condizione di bruxismo della paziente (figure 10-12).

Figura 10

Figura 11

Figura 12

Nella stessa seduta vengono eseguite le impronte definitive con tecnica monofase, con silicone putty e light (figura 13).

Figura 13

Mock-up con tecnica guscio
Terminata la preparazione, viene eseguito un secondo mock-up al fine di modificare l’estetica e l’occlusione del primo; per la realizzazione si decide quindi di cambiare tecnica di esecuzione. Dopo avere modificato la ceratura diagnostica, si costruisce una chiave in silicone sulla quale vengono create delle faccette in composito molto sottili che, nella stessa seduta, vengono adattate in bocca (figura 14).

Figura 14

Quarto appuntamento - Le faccette e la cementazione
Il laboratorio odontotecnico confeziona quattro faccette in composito dello spessore di circa 0,8 mm (figure 15-19).

Figura 15

Figura 16

Figura 17

Figura 18

Figura 19

La cementazione viene eseguita sotto diga, utilizzando il nastro di teflon per isolare gli elementi adiacenti, ed effettuata con composito flow colore A3 scala VITA seguendo la tecnica di adesione descritta da P. Magne (figure 20-26).

Figura 20 - Isolamento

Figura 21 - Mordenzatura

Figura 22 - Primer

Figura 23 - Bonding

Figura 24 - Composito flow

Figura 25 - Lucidatura

Figura 26 - Lucidatura

Il risultato finale è a nostro avviso ottimale sia nella forma che nella funzione e anche nell’ambiente in cui il manufatto è stato inserito (figure 27-31).

Figura 27

Figura 28

Figura 29

Figura 30

Figura 31

Articoli correlati

Per il prof. Mangani l’amalgama non ha più senso di essere utilizzata perché esistono validissime alternative. Ecco quali e perchè


Valutazione in vitro dell’integrità marginale dei compositi bulk dopo polimerizzazione rapida ad alta intensità

di Lara Figini


OT CEM è la soluzione ideale per la cementazione in studio e laboratorio


Il nuovo materiale combina la praticità dei vetroionomeri alla longevità dei compositi


Altri Articoli

Lo rileva una indagine condotta da una associazione UK, intanto in Spagna l’Ordine denuncia una azienda per la vendita di sbiancanti con concentrazione di perossido superiore al consentito


Rinvio di un mese per problemi sul sistema informatico che gestisce la raccolta della documentazione


CAO Milano fornisce chiarimenti su compiti e responsabilità di verifica e sul ruolo del Direttore sanitario qualora venga a conoscenza che un collaboratore della struttura non è vaccinato


Aperte le preiscrizioni al Master universitario di 1° livello organizzata dal COI con la collaborazione dell’Università degli Studi di Torino che si terrà a partire da...


Agorà del Lunedì     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio