HOME - Protesi
 
 
26 Luglio 2018

Longevità delle corone singole

Dati di uno studio retrospettivo olandese

di Lara Figini


Le corone sono restauri relativamente costosi e, anche per questo motivo, il paziente si aspetta una buona longevità dello medesime.

Revisioni sistematiche hanno dimostrato che le corone metallo-ceramica (PFM) mostrano tassi di fallimento annui (AFR) tra lo 0,8 e lo 0,9% (Pjetursson, 2007; Sailer, 2015), le corone in ceramica al disilicato di litio mostrano un AFR dello 0,7% mentre altri tipi di corone in ceramica integrale hanno mostrato un AFR leggermente superiore dell'1,8-2% (Sailer, 2015).

Sebbene queste revisioni sistematiche si basino su dati clinici randomizzati, bisogna tenere conto che i tempi di osservazione degli studi clinici inclusi sono relativamente brevi e che i tassi di fallimento annui (AFR) tendono a crescere con l'aumentare del tempo di osservazione (Opdam, 2014).

Inoltre, in questi studi clinici spesso sono considerati solo i pazienti relativamente a basso rischio e, per esempio, i soggetti bruxisti - considerati invece ad alto rischio - sono esclusi da molti protocolli di studio (Opdam, 2018).

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In uno studio longitudinale retrospettivo pubblicato sul Journal of Dentistry di luglio 2018 viene valutata la longevità delle corone singole posizionate da 8 diversi dentisti olandesi e sono stati indagati i fattori di rischio associati ai fallimenti delle corone relative.

Gli autori hanno analizzato 3404 corone singole in 1557 pazienti eseguite tra il 1996 e il 2011. Sono stati calcolati i tassi di fallimento annui (AFR) e le variabili associate al fallimento (successo e sopravvivenza delle corone) sono state valutate mediante analisi di regressioni di Cox.

Risultati
La maggior parte delle corone singole valutate in questo studio sono rappresentate da metallo-ceramica PFM (63,8%) su molari (58,1%) e in denti non trattati endodonticamente (65,4%). Il tempo di osservazione dei restauri varia da 3 settimane a 11 anni con una media di 7 anni. Il tasso medio di fallimenti annui a 11 anni è risultato essere del 2,1% e dello 0,7% per il successo e per la sopravvivenza delle corone, rispettivamente. Il fattore di rischio più significativo per il fallimento delle corone singole è risultata essere la presenza di un trattamento endodontico.

Le corone singole posizionate su denti in area mascellare hanno manifestato un grado di fallimento superiore rispetto a quelle posizionate in mandibola. Un rischio di fallimento maggiore del 25% è stato osservato nelle corone posizionate negli uomini rispetto a quelle collocate nelle donne.

Conclusioni
Dai dati ottenuti da questo studio si può concludere che le corone singole garantiscono un successo accettabile e soddisfacente a distanza con tassi di sopravvivenza più longevi, principalmente dipendenti dall’esperienza dell’operatore. I denti trattati endodonticamente rappresentano un fattore di rischio significativo per le corone sovrastanti, predisponendo a maggiori fallimenti.

Implicazioni cliniche
Le corone protesiche singole offrono buone garanzie di longività, sia che siano in metallo-ceramiche che metal- free
. Nonostante ciò, alcuni studi di letteratura hanno dimostrato una prestazione leggermente inferiore di alcuni tipi di corone in ceramica integrale rispetto alle corone in metallo ceramica PFM; pertanto, nei settori a carico masticatorio elevato è preferibile optare per le corone tradizionali.

Per approfondire

  • Pjetursson BE, Bragger U, Lang NP, Zwahlen M. Comparison of survival and rates of tooth-supported fixed dental prostheses (FDPs) and implantsupported FDPs and single crowns (SCs). Clin Oral Implants Res 2007;18(3):97-113.
  • Sailer I, Makarov NA, Thoma DF, Zwahlen M, Pjetursson BE. All-ceramic or metal-ceramic tooth-supported fixed dental prostheses (FDPs): a systematic review of the survival and complication rates. Part I: Single crowns (SCs). Dent Mater 2015;31(6):603-23.
  • Opdam NJ, van de Sande FH, Bronkhorst E, Cenci MS, Bottenberg P, Pallesen U et al. Longevity of posterior composite restorations: a systematic review and meta-analysis. J Dent Res 2014;93(10):943-9.
  • Opdam NJ, Collares K, Hickel R, Bayne SC, Loomans BA, Cenci MS, Lynch CD, Correa MB, Demarco F, Schwendicke F, Wilson NHF. Clinical studies in restorative dentistry: new directions and new demands. Dent Mater 2018;34(1):1-12.
  • Collares K, Correa MB, Bronkhorst EM, Laske M, Huysmans MDNJM, Opdam NJ. A practice based longevity study on single-unit crowns. J Dent 2018 Jul;74:43-8.

Articoli correlati

L’overdenture su impianti mascellare (MIO) è stata introdotta per la prima volta negli anni Ottanta ed è la migliore opzione qualora non si possa procedere a una soluzione...

di Lara Figini


Finora le riabilitazioni protesiche dei settori posteriori (FPD) in metallo-ceramica (MC) sono state considerate il gold standard in protesi fissa, ma l’esigenza estetica ha...

di Lara Figini


Negli ultimi anni l’aspettativa estetica da parte dei pazienti nei confronti delle riabilitazioni dentali è diventata sempre più predominante, portando gli odontoiatri a...

di Lara Figini


L’aumentata richiesta estetica, senza rinunciare alla preservazione delle strutture biologiche, ha portato allo sviluppo e all’utilizzo, negli ultimi anni, di nuove tipologie...

di Simona Chirico


L’introduzione di impianti corti, definiti tali quando al di sotto dei 10 mm, consente l’inserimento implantare anche in condizioni di scarsa altezza ossea evitando...

di Lara Figini


Altri Articoli

Il progetto dell’Usl Sud–Est della Regione Toscana consente di ottimizzare le risorse offrendo un servizio di assistenza mirato e puntuale


L’obbligo violerebbe la privacy dei pazienti che hanno già effettuato i pagamenti. Uno studio di consulenza fiscale evidenza la criticità e presenta un reclamo


Per il dott. Mele si deve puntare ad un sistema di aggiornamento comune per tutte le libere professioni basato sugli Ordini e con sanzioni certe


A circa 4 mesi della prima scadenza imposta dal DCPM, facciamo il punto sul riconoscimento dell’attività pregressa. Intanto nasce il caso “infermieri” che operano come ASO nelle ASL


O33Cronaca     11 Dicembre 2019

Ulss veneta cerca un igienista dentale

Contratto a tempo indeterminato presso l’Ulss numero 6 Euganea, domande entro il 9 gennaio 2020


 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


11 Dicembre 2019
Cercasi odontoiatra con esperienza a Brandizzo (To)

Il Centro Chirurgico, con esperienza di oltre 30 anni nel settore (vedi sito www.centrochirurgicosrl.it), cerca odontoiatra per collaborazione in conservativa, endodonzia e chirurgia estrattiva. E' richiesta la disponibilita' di due giornate a settimana. Inviare C.V.

 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi