HOME - Protesi
 
 
06 Febbraio 2019

Protesi totali: tecnica tradizionale vs CAD/CAM. Analisi di costi e tempi di realizzazione


di Lara Figini


I protocolli di fabbricazione convenzionali per la costruzione di protesi dentali complete rimovibili (CRDP) sono ben consolidati e sono considerati ancora oggi il “gold-standard” per l'insegnamento universitario.

L'introduzione della tecnologia CAD/CAM ha rivoluzionato però negli ultimi anni sia i processi di produzione per le CRDP che i protocolli clinici richiesti per la costruzione di queste stesse, protocolli che richiedono solo due visite, riducendo notevolmente il numero di appuntamenti per i pazienti e l’odontoiatra, e impiegano nuovi materiali clinici, tra cui specifici porta-impronta, materiali per impronta elastomerici, appositi strumenti per la registrazione della dimensione verticale e la relazione centrica.

Per questo è necessaria una specifica formazione clinica per gli operatori. A confronto, il protocollo convenzionale impiega materiali tradizionali a basso costo, strumenti universalmente disponibili e non richiede formazione aggiuntiva per operatori già esperti.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In uno studio pubblicato sul Journal of Dentistry di gennaio 2019, gli autori hanno confrontato il tempo clinico necessario e i costi sostenuti per la costruzione di protesi dentarie complete rimovibili che utilizzassero un protocollo digitale CAD/CAM a due visite a confronto con il protocollo convenzionale, in ambiente universitario.

Dodici studenti dell'ultimo anno di odontoiatria hanno realizzato delle protesi totali rimovibili seguendo sia il protocollo di protesi digitale che quello convenzionale. Sono state costruite due serie di protesi totali (CD) per pazienti che richiedessero una CD superiore con antagonista, una parziale dentizione naturale (Gruppo n. 1: studenti n = 6, CD superiore n = 12 [protesi completa 6-digitale+6-protesi complete convenzionali]) o per i pazienti che richiedessero entrambe le protesi totali, sia superiore che inferiore (Gruppo n. 2: studenti n = 6, CD superiore e inferiore n = 24 [protesi completa 12-digitale+12 protesi complete convenzionali]).

Sono stati calcolati il ​​tempo e i costi complessivi (clinici, per i materiali e di laboratorio). È stata eseguita un'analisi di minimizzazione per confrontare i costi dei due protocolli. Il t-test di accoppiamento è applicato per le analisi statistiche (p <0,05).

Risultati
Dai risultati emersi da questo studio si è potuto constatare che il protocollo tradizionale richiede tempi clinici più lunghi rispetto a quelli necessari nel protocollo digitale sia per il gruppo n. 1 che per il n. 2.

I costi dei materiali sono risultati essere più elevati per il protocollo digitale in entrambi i gruppi, ma i costi complessivi invece erano significativamente superiori per il protocollo convenzionale rispetto a quelli per il protocollo di protesi digitale.

Conclusioni
Dai dati evidenziati in questo studio svizzero, condotto in una clinica universitaria a Ginevra, si può concludere che il protocollo digitale per la realizzazione di protesi totali mobili ha costi inferiori rispetto al protocollo convenzionale di protesi completa.

Fatta eccezione per i costi dei materiali, i costi per il tempo clinico alla poltrona, quelli di laboratorio e le spese complessive sono significativamente inferiori per il protocollo di protesi digitale.

Implicazioni cliniche
Il protocollo digitale per la realizzazione di protesi totali rimovibili potrebbe rivelarsi estremamente vantaggioso per gli anziani e/o per i soggetti edentuli particolarmente compromessi, in quanto può diminuire il carico di trattamento sul paziente, riducendone le procedure cliniche, il numero di visite, i tempi di trattamento e i costi sostenuti.

Per approfondire

Srinivasan M, Schimmel M, Naharro M, O' Neill C, McKenna G, Müller F. CAD/CAM milled removable complete dentures: time and cost estimation study. J Dent 2019 Jan;80:75-9.

Articoli correlati

Con lo sviluppo della sistematica CAD/CAM, oggi i materiali più utilizzati nei campi protesici sono zirconia e disilicato di litio. In particolare, in una review pubblicata nel...

di Simona Chirico


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


Li ipotizza, attraverso considerazioni e dati, Roberto Rosso (Key-Stone), in una nostra video intervista 


L’aumentata richiesta estetica, senza rinunciare alla preservazione delle strutture biologiche, ha portato allo sviluppo e all’utilizzo, negli ultimi anni, di nuove tipologie...

di Simona Chirico


Dentisti e odontotecnici che visiteranno Expodental Meeting 2019, a Rimini Fiera dal 16 al 18 maggio, troveranno numerose interessanti novità.La sala EXPO3D all’ingresso dello...


Altri Articoli

La Consulta Nazionale dei CAF chiede un intervento del Ministero delle finanze per evitare criticità per contribuenti e prestatori di servizi


Ammessi solo quelli che riguardavano proroghe. L’On leghista prova anche la carta del ricorso ma senza successo. Tenterà altre strade


Poco più di 62 mila il numero totale, meno di 800 il saldo attivo dei nuovi iscritti nel 2019. Tra questi molte le donne


Avviso di richiamo per una serie di lotti di Abutment di guarigione Certain® BellaTek® Encode® 


Abbiamo sottoposto al componente odontoiatra della Commissione nazionale ECM Alessandro Nisio alcuni dubbi e quesiti posti dai nostri lettori. Ecco le sue indicazioni e i consigli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni