HOME - Protesi
 
 
11 Novembre 2021

Tecnologie digitali per realizzare manufatti protesici in studio con appositi software di progettazione e fresatori

Alessandro Preti

Alessandro PretiAlessandro Preti

La riabilitazione dei settori posteriori, quando si parla di elementi singoli, include diverse tipologie di restauro, in base alla quantità di tessuto dentale perso a livello coronale.

Tralasciando la possibilità di restaurare in maniera diretta l’elemento, mediante materiali compositi, considerando le metodiche indirette si potranno avere manufatti protesici parziali quali inlay od onlay, fino ad arrivare a restauri via via più estesi che includano la ricopertura totale del tavolato occlusale tramite overlay oppure mediante una corona.

Grazie alla moderna odontoiatria adesiva è, infatti, possibile ottenere il massimo risparmio di tessuto dentale sano, senza la creazione di forme di ritenzione meccanica che garantiscano la tenuta del manufatto protesico in bocca. Quest’ultimo può essere cementato con tecnica adesiva e, dunque, senza la necessità di preparazione particolare dell’elemento, se non per quanto sia necessario al materiale da restauro, il quale necessita di spessori definiti e differenti in base alla tipologia di materiale. Un’ulteriore evoluzione dell’odontoiatria è stata determinata dall’avvento delle tecnologie digitali.

Questa nuova tecnologia ha permesso una modifica del workflow protesico tradizionale, apportando notevoli innovazioni. Prima fra tutte la possibilità di realizzare manufatti protesici in studio, mediante appositi software di progettazione e fresatori.

In questo modo il progetto protesico parte da un’impronta ottica mediante scanner intraorali e prosegue con la visualizzazione tridimensionale dello stesso in uno schermo, con possibilità di modifiche in tempo reale e prima della realizzazione finale del manufatto. In seconda istanza si è assistito a un aumento dei materiali disponibili. Infatti, grazie anche alla possibilità data dalla cementazione di tipo adesivo si è assistito all’introduzione sul mercato di materiali nuovi che, mediante processo di fresatura, possono essere utilizzati nella pratica clinica quotidiana per rispondere alle differenti esigenze dell’odontoiatra e del singolo caso. La tecnologia CAD/CAM ha modificato profondamente il flusso di lavoro protesico, dal momento che ha permesso una notevole riduzione dei tempi operativi.  

A seguito della scansione delle arcate, infatti, la fase di progettazione può essere effettuata sia dal clinico che demandata a un laboratorio. Alla fine di questa fase, che è solamente virtuale, vi sarà la comunicazione dei software digitali con un fresatore, il quale andrà a realizzare concretamente ciò che era il progetto protesico finale, mediante fresatura di blocchetti di materiali differenti.

La digitalizzazione di tutti i passaggi consente al clinico di poter riabilitare un elemento dentale in un’unica seduta, con metodica cosiddetta chairside, mediante la quale, nell’arco di poche ore, si prende l’impronta, si progetta il manufatto e lo si consegna al paziente con cementazione.

La possibilità di avere strumenti per poter controllare spessori e parallelismo e l’ormai estrema precisione dei fresatori ci permette di spingere le tecniche digitali oltre molti limiti senza però rinunciare alla qualità e alla longevità dei manufatti.

Sul tema dell'odontoiatria al digitale EDRA ha organizzato un corso FAD, per informazioni a questo link.


Il caso

In questo caso, un paziente di 45 anni si presenta con un 2.4 in necrosi, ma i suoi spostamenti continui per lavoro gli impediscono spesso di portare a termine le cure odontoiatriche. In un’unica seduta viene dunque devitalizzato l’elemento e proposto un restauro con flusso chairside.

Come da protocollo dopo la scansione iniziale delle arcate e la terapia canalare, viene eseguita la preparazione dell’elemento e scansionato. Seguiti i passaggi classici poniamo l’attenzione sulla possibilità di modellare virtualmente la gengiva a livello vestibolare per poter dare poi con il restauro definitivo il giusto sostegno ai tessuti per un’estetica quanto più naturale (fig. 1).


Fig. 1 Modellazione virtuale della gengiva



Lo strumento sezione ci permette di valutare in questo caso il parallelismo della preparazione, la presenza di sottosquadri e lo spessore del perno e delle pareti, fondamentale per verificare sin dal progetto digitale che non ci siano difficoltà nell’inserimento del restauro (fig. 2).


Fig. 2 Strumento sezione 



Eseguito il progetto digitale procediamo con tutti i passaggi canonici di modellazione e controllo dei contatti occlusali e inviamo il progetto in fresatura dove il materiale scelto in questo caso è stato un silicato di litio rinforzato con zirconia (figg. 3-5).


Fig. 3 Visualizzazione in trasparenza del restauro modellato



Fig. 4 Restauro 2.4 posizionato nel blocchetto virtuale e pronto per la fresatura



Fig. 5 Elemento 2.4 caratterizzato e glasato, pronto per la cementazione



A questo punto il restauro è stato cementato con un cemento duale fotopolimerizzabile a base resinosa (fig. 6).


Fig. 6 Elemento 2.4 cementato



Articoli correlati

L’introduzione delle tecnologie digitali nell’odontoiatria implanto-protesica ha permesso un miglioramento in termini di predicibilità dei risultati clinici e la riduzione...

di Carlo Monaco


Per il prof. Gagliani i dentisti non vogliono portare via lavoro agli odontotecnici, serve però un salto quantico da parte di entrambe le categorie, vetustamente ancorate a regole di comportamento...

di Massimo Gagliani


Progettare e realizzare soluzioni ortodontiche customizzate è finalmente possibile grazie al software 3D Leone Designer e ai disgiuntori CAD/CAM A0620 e A0630


Una recente revisione sistematica ne valuta robustezza, proprietà meccaniche, estetica e tempistica di realizzazione

di Lara Figini


Mantenere gli aspetti funzionali ed estetici, la corretta masticazione e garantire lo spazio necessario per l’eruzione dei denti permanenti sono alcuni dei motivi per cui i...

di Lara Figini


Altri Articoli

Verificate quasi 5 mila posizioni. Chi sorpreso a lavorare è stato denunciato per l’ipotesi di reato di esercizio abusivo della professione sanitaria. Ecco tutti i casi odontoiatrici segnalati


“Prendersi cura dell’uomo per curare l’organismo, gestire la complessità con la sapiente applicazione di scienza, clinica, professionalità e umanità.”Con questo take home message si è...


Da lunedì le nuove norme su green pass e obbligo vaccinale anche per il personale non sanitario che opera negli ambulatori pubblici e privati. Ma la vera scadenza è quella del 15 dicembre


Un studio pubblicato sul British Medical Journalha osservato un graduale aumento del rischio di infezione nelle persone che avevano ricevuto la seconda dose di vaccino(Pfizer-BioNTech) da almeno 90...


Respinto il ricorso di un medico sospeso. Anelli: una sentenza che richiama il dovere deontologico legato al fatto di essere medici


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi