HOME - Protesi
 
 
01 Aprile 2011

Riabilitazione implantoprotesica nella monoedentulia mandibolare con deficit di spessore mediante split-crest

di F. Belleggia, G. Del Mondo, F. Nezzo, A. Nezzo


Obiettivi. La riabilitazione implantoprotesica nella monoedentulia mandibolare con deficit di spessore richiede un approccio rigenerativo. Tra le procedure cliniche per la risoluzione delle atrofie orizzontali, le tecniche di espansione crestale permettono la dislocazione del tavolato osseo vestibolare in direzione buccale.
Materiali e metodi. Viene presentato un caso clinico con la descrizione step-by-step della tecnica mediante chirurgia piezoelettrica.
Risultati. È stato possibile inserire un impianto in una cresta mandibolare atrofica tramite l’espansione orizzontale della stessa.
Conclusioni. La chirurgia piezoelettrica viene in aiuto del clinico per ottenere l’espansione di creste molto mineralizzate senza eccessivi traumi o il rischio di frattura della cresta, non così rare in mandibola.



 



Articoli correlati

ObiettiviScopo del lavoro è confrontare le sequele postoperatorie dopo chirurgia di terzi molari inferiori inclusi, trattati con tecnica osteotomica piezoelettrica o rotante ad alta...


OBIETTIVI. L’attuale tendenza a una mininvasività operativa ha portato alla ricerca di procedure e tecniche chirurgiche in grado di offrire un risultato ottimale con una minor morbilità per...


OBIETTIVI. Valutare la riabilitazione di pazienti affetti da severa atrofia del mascellare superiore (V Classe secondo Cawood e Howell), riabilitati mediante rialzo del seno mascellare e innesto di...


Altri Articoli

Maria Costanza Meazzini guiderà ECPCA fino al 2013, durante il suo mandato l’organizzazione del Congresso internazionale a Milano. Le Congratulazione del Governatore Fontana


Il Garante della Privacy dà il via libera al MEF per inserire tra le professioni che devono inviare i dati, anche quelle iscritte ai nuovi Albi delle professioni sanitarie che fatturano al paziente


Interessante decisione della CCEPS chiamata a giudicare la sanzione ad un direttore sanitario per mancata vigilanza in tema di abusivismo e quando decorre la prescrizione del reato 


A finire nei guai tre diplomati odontotecnici, un assistente alla poltrona e un direttore sanitario. In provincia di Forlì-Cesena chiuso studio senza direttore sanitario 


Al Congresso SUMAI si è parlato anche di odontoiatri nel SSN: Magi, Ghirlanda, Fiorile pronti al dialogo con il Ministero per cercare di risolvere la questione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi