HOME - Protesi
 
 
13 Maggio 2015

Precisione marginale in protesi fissa. Confronti tra tecniche digitali e analogiche

di Prof. Massimo Gagliani


Vagando nella ricca letteratura sui sistemi CAD/CAM capita spesso di trovare contributi scientifici interessanti ed esaustivi a riguardo; l'interrogativo posto nel titolo, ovvero quello riguardante la precisione marginale in protesi fissa, è uno di quelli maggiormente posti.

Le risposte degli studi recenti assai interessanti.

Si assiste infatti, sempre più, a un riconoscimento delle notevoli qualità dei sistemi CAD/CAM che, in alcuni casi, sono risultati assimilabili o superiori a quelli tradizionali analogici.

Esistono tuttavia delle piccole differenze nelle metodiche in uso che è bene sottolineare.

Un primo studio (1) pone in paragone impronte analogiche con impronte digitali e metodi di fabbricazione delle corone: da esso emerge che il confezionamento di manufatti protesici con fresatori dedicati sia la soluzione migliore, senza passare dal modello in resina per ottenere il manufatto definitivo.

Un secondo studio (2) pone in confronto manufatti protesici realizzati con metodiche CAM a 4 assi o a 5 assi; la precisione raggiungibile con i secondi è superiore a quella ottenuta con i primi, in altre parole il fresatore dotato di cinque assi sembra essere lievemente migliore rispetto a quello predisposto con 4 assi.

Il terzo studio (3) esamina la precisione marginale ottenibile con le impronte tradizionali e con quelle digitali associate a fabbricazione CAM dei manufatti stessi. Anche in questo caso - registrandosi valori di spazio marginale pari a circa 48 micron nel sistema di presa dell'impronta digitale associato a fabbricazione per fresatura contro i 74 micron rilevati nella sistematica con presa dell'impronta convenzionale e colatura in gesso del modello su cui realizzare il manufatto protesico - sembra che il sistema digitale sia superiore a quello analogico.

La precisione marginale non rappresenterebbe più un problema nelle procedure digitali di presa dell'impronta e della realizzazione dei manufatti protesici.

A cura di: prof. Massimo Gagliani, Referente scientifico per il settore odontoiatrico Gruppo editoriale Edra/Lswr

Bibliografia

1. Anadioti, E., et al., Internal fit of pressed and computer-aided design/computer-aided manufacturing ceramic crowns made from digital and conventional impressions. J Prosthet Dent, 2015. 113(4): p. 304-9.

2. Bosch, G., A. Ender, and A. Mehl, A 3-dimensional accuracy analysis of chairside CAD/CAM milling processes. J Prosthet Dent, 2014. 112(6): p. 1425-31.

3. Ng, J., D. Ruse, and C. Wyatt, A comparison of the marginal fit of crowns fabricated with digital and conventional methods. J Prosthet Dent, 2014. 112(3): p. 555-60.

Articoli correlati

Gli autori hanno confrontato l'adesione batterica alla zirconia rispetto alle corone in disilicato di litio. Informazione cruciale per il successo a lungo termine dei restauri dentali


In questo articolo Enrico Ferrarelli e Gilberto Gallelli hanno messo a confronto i protocolli analogici e digitali prendendone il meglio da entrambi, documentando con immagini e video


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


Le nuove tecnologie e la professione odontotecnica: un focus a 360° tra clinica e rivendicazioni sindacali nell’evento ANTLO organizzato a Vicenza


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


Luca è un dentista titolare di un piccolo studio di provincia, Anna (entrambi i nomi sono di fantasia) è la sua assistente: in studio sono solo loro due. Dal 15 ottobre prossimo, per via di...

di Norberto Maccagno


Venerdì 1 ottobre ad Asti al Dental Forum odontoiatri ed odontotecnici potranno esercitarsi con stanner e sotware giudati dagli esperti del team Grow Up


Sono stati gli agenti della polizia di Stato a denunciare un uomo di 53 anni per esercizio abusivo della professione medica. Secondo la stampa locale gli agenti del Commissariato di Secondigliano e...


Chi deve controllare, quali le sanzioni e come deve essere “gestito” il dipendente sprovvisto, ed i collaboratori non dipendenti?


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio