HOME - Psicologia
 
 
30 Aprile 2006

Ansia e depressione in pazienti con sindrome algico-disfunzionale

di E. Crivellaro, G. Magnesi, *M.A. Baserga Marchetti, **E. Cocchi, G. Torri, L. Attorresi


Lo scopo dello studio è stato comparare i valori di ansia, depressione e controllo consapevole di rabbia, ansia e depressione, in soggetti affetti da sindrome algico-disfunzionale (successivamente suddivisi in articolari e muscolari), rispetto ad individui sani (gruppo di controllo). Il campione analizzato è costituito da 172 soggetti, di età compresa tra 20 e 68 anni. Dai risultati dei quattro test psicometrici utilizzati (STAY-1, STAY-2, CES-D, CEC-S) sono state rilevate differenze statisticamente significative, analizzando i gruppi articolare, muscolare e di controllo. Il paziente muscolare presenta valori di ansia di stato, di tratto e depressione maggiori, rispetto agli altri due. Non è emersa, invece, alcuna differenza statistica significativa tra il gruppo articolare e il gruppo di controllo. Indici più elevati di ansia di tratto sono stati riscontrati negli individui sedentari, rispetto a quelli che praticano regolare attività sportiva. La sintomatologia algica che sussiste da più di 6 mesi e l’insoddisfazione professionale, determinano un aumento dell’indice di depressione. I pazienti che vivono in una realtà familiare tesa o poco calorosa e quelli in cui l’umore è peggiorato negli ultimi 6 mesi, presentano maggiori valori di ansia di tratto e depressione. La sindrome algico-disfunzionale presenta una eziologia multifattoriale. Sarà quindi importante valutare, in ciascuna situazione clinica, l’azione svolta dai singoli fattori eziologici (occlusali e/o psicologici).

Anxiety and depression in patients with temporomandibular disorders
Aim of the study was to compare the scores of anxiety, depression and conscious control of anxiety and depression in subjects with temporomandibular disorders (divided into articular and muscular patient groups) with the values of healthy patients (control group). The sample examined in the present study consisted in 172 subjects aged between 20 and 68 years. Four psychometric tests were used: STAY-1, STAY-2, CES-D and CEC-S, for any group. The results showed statistically significant differences. The muscular patient group showed higher scores in state anxiety, trait anxiety and depression than the other two groups. No significant statistical differences were observed between the articular group and the control group. Sedentary people showed higher scores in trait anxiety than subjects playing sports on a regular basis. An increase in the score of depression could also be caused by temporomandibular disorder lasting for more than 6 months and by frustration with work. Patients living in tense situation at home and those whose mood had worsened in the last six months showed higher scores of trait anxiety and depression. As far as the aetiology is concerned, the temporomandibular disorders are multifactorial. Therefore, it is important to know how single aetiological factors (occlusal and/or psychological) could act in a particular situation.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Ferrara - Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia - Direttore: prof. G. Siciliani         Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale
*Sezione di Psicologia generale e clinica
**Libero professionista - Pistoia

Mondo Ortodontico 2006; 2: 143-50E

Articoli correlati

Allo stato attuale i disordini temporomandibolari (TMDs) risultano avere una prevalenza che varia dal 5% al 12%. Il 65% dei pazienti affetti da tali disturbi riportano dolore associato, spesso anche...


Secondo l'American Association for Dental Research (AADR), la diagnosi differenziale dei disordini temporomandibolari e del dolore orofacciale è primariamente clinica, basata sulle...


ObiettiviL’obiettivo dello studio è approfondire le conoscenze sulla possibilità di definire il protocollo di riferimento nell’artrocentesi dell’articolazione temporomandibolare (ATM)...


ObiettiviValutare l’effetto della terapia conservativa per il trattamento di pazienti con disordini temporomandibolari (DTM).Materiali e metodiIn questi studio clinico retrospettivo, a un campione...


Obiettivi. Valutare l’esistenza di una correlazione tra alcune parafunzioni orali (deglutizione atipica e bruxismo) e alcuni tipi di malocclusioni (morso crociato posteriore monolaterale,morso...


Altri Articoli

La notizia è che dopo alcuni anni torna il dibattito sul numero dei posti per l’accesso al corso di laurea in odontoiatria e sugli italiani che si laureano all’estero. Da...

di Norberto Maccagno


Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION