HOME - Psicologia
 
 
30 Settembre 2006

Il problema del comunicare

di C. Guastamacchia


Credo si dia un’importanza troppo scarsa allo studio di ciò che costituisce il più pesante fattore di stress quotidiano per odontoiatri, igienisti e ASO: la componente comunicazionale del nostro lavoro. Non alludo, qui, alle tecniche in grado di farci comunicare bene con i nostri pazienti, oppure tra noi all’interno dello studio. Alludo, invece, al principio di fondo che deve ispirare, di per sé, tutta la fase di lavoro che si riassume con il termine di “comunicazione”.
Quale sia questo “principio”, come ripeto da anni nei corsi e nelle lezioni, è presto detto: capire che la nostra “comunicazione” deve ispirarsi, in modo fortemente imitativo, ai principi della “recitazione”. Sparato così sembra un principio quasi dissacratore, ma nella realtà pratica è un principio non sostituibile: dobbiamo imparare a “recitare”.
L’analogia tra un attore che recita e noi che parliamo con i pazienti (minor analogia riguarda il parlarci tra noi) si esplica secondo queste tre linee di attuazione:
1. dobbiamo abituarci ad essere instancabilmente ripetitivi. Quando, in una giornata di lavoro, ci capitano più casi che necessitano di delucidazioni assolutamente identiche, dobbiamo imparare a osservare la realtà seguendo questo principio ispiratore: per me è l’ennesima volta che lo ripeto, per questo paziente è una verità che per la prima volta gli viene ‘rivelata’”; per noi può essere una noia, per lui è un “evento”;
2. dobbiamo imparare a non “tagliare” il copione. Il paragone non sembri assurdo: l’attore che recita per la centesima volta il suo monologo, di fronte alla platea di spettatori, non si sognerebbe mai di “tagliarne” una parte, perché è certo che “tanto, la sostanza del discorso la si capisce lo stesso”. Lo stesso discorso vale per noi: come in un teatro, l’uditorio cambia e noi abbiamo il dovere di “recitare” il nostro copione in maniera impeccabile e senza “tagliarne” mai alcuna parte;
3. noi, come qualsiasi attore, non dobbiamo essere influenzati dal “contesto”. In altre parole: non dobbiamo essere guidati dalla spontaneità, dall’istinto, da simpatie o antipatie. La professionalità consiste appunto nell’obbedire alle regole professionali, al dovere professionale, non lasciandoci influenzare da chi abbiamo di fronte o da quanto ci ha pesato la giornata.
Tutto questo sembra banale e del tutto scontato… ma bisogna farlo diventare connaturato al cento per cento con il nostro stile di lavoro. Perché la fatica nasce tutta da lì, non dal tartaro da togliere o dai ferri da sterilizzare. Prima impariamo a “far nostro” questo principio e prima ridurremo a zero lo stress del “comunicare”: il “pilota automatico”, proprio lui, ci alleggerirà questa grande fatica.



Articoli correlati

Antonio Pelliccia

Quando parliamo di marketing odontoiatrico e di qualità percepita è importante considerare che in uno studio odontoiatrico non è solo il professionista a dover coinvolgere e...


Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open, potrebbero contribuire a migliorare la comunicazione con pazienti con problemi di udito ma non solo


Poca letteratura si occupa dell’efficacia dei metodi di comunicazione in questo settore, sottolinea il prof. GaglianiIndicando come diafano l’atteggiamento che il dentista generico ha nei...

di Massimo Gagliani


L’Istituto giudica le inserzioni scorrette anche perchè finalizzate a potenziare la vendita di un servizio sanitario contravvenendo ai limiti imposti dalla legge. I dubbi del legale


Per il prof. Pelliccia è fondamentalmente un processo di relazione tra persone, ma con l’avvento della tecnologia dobbiamo rivedere alcuni paradigmi e forse ridefinire in parte alcune...


Altri Articoli

Rispetto a quello presentato dalla Senatrice Boldrini non compare più l’articolo che consentiva all’odontotecnico prove di verifiche di congruità in studio su richiesta e sotto la...


Il presidente CAO di La Spezia propone ai presidenti di Ordine una riflessione interna sul ruolo della ricerca scientifica ed il diritto di curare ogni paziente che vada oltre all’emergenza...


Le Regioni pressano il Governo per modificare la scadenza sul Green pass e semplificare le procedure per le quarantene


Un convegno online del SIOF ha fato il punto per dare indicazioni su come deve comportarsi l’odontoiatra. La sintesi dell’intervento del Dirigente INAIL


Alberto Pellegatta

Un appuntamento – previsto a Bologna dal 24 al 26 febbraio – dall’altissimo valore simbolico che sarà l’occasione per esaminare e discutere i cambiamenti in ambito...

di Lorena Origo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi