HOME - Psicologia
 
 
30 Marzo 2012

Invenduto

di Giovanni Lodi


In un contesto clinico, dire la verità può essere molto difficile, in particolare se si devono comunicare cattive notizie. Lo sostiene un editoriale di Lancet di pochi mesi fa, partendo dal punto di vista dell'oncologo, il medico che più spesso di altri colleghi affronta con il paziente conversazioni impegnative per entrambi, come quelle sulla morte o sull'utilità delle cure palliative. Conversazioni impegnative ma irrinunciabili: oggi, infatti, il coinvolgimento del paziente in tutte le decisioni cliniche è momento essenziale della pratica medica. A meno di non voler fare la fine della chirurga cinese accoltellata da un paziente oncologico, deluso dai risultati delle cure.
Spesso, però, il medico è impreparato, perché nessuno gli ha insegnato a gestire una situazione tanto coinvolgente dal punto di vista emotivo, che richiede uguali capacità di empatia e autorevolezza. E forse perché neppure conosce l'esistenza di tecniche specifiche per la comunicazione medica, che come qualsiasi competenza clinica hanno una curva di apprendimento e non dipendono dal carattere più o meno estroverso della persona sotto il camice.

E l'odontoiatra? Che cosa c'entra con le brutte notizie e le competenze nella comunicazione?
C'entra perché anche noi diamo brutte notizie, talvolta senza esserne troppo consapevoli: la necessità di estrazioni, il ricorso a una soluzione protesica di tipo mobile o, per un odontofobico, la stessa necessità di cure, perfino le più semplici. O la discussione di un preventivo che - mi scuserete il paragone apparentemente irrispettoso - ha tratti in comune con quella su una cura palliativa (ne varrà la pena? i benefici che avrò dal trattamento saranno proporzionali ai costi?). E come spiegare al paziente quello strumento che si è rotto nel canale?
C'entra perché la ricerca ci insegna che una comunicazione efficace è la migliore assicurazione contro i contenziosi medico-legali. E c'entra perché è stato dimostrato che la buona comunicazione è un fattore essenziale per la soddisfazione e la fidelizzazione del paziente, aspetto da non trascurare in tempi di concorrenza selvaggia.
Nel secolo appena trascorso, era il 1999, il gruppo di colleghi con cui lavoro scrisse un libro dal titolo Comunicazione e counselling in odontoiatria. Come parlare al proprio paziente. Credo ne siano state vendute complessivamente una dozzina di copie.

Buona lettura.



Articoli correlati

Un chiaro e semplice manuale di contabilità per gli studi odontoiatrici, che consente di capire e gestire i fatti gestionali che si devono quotidianamente affrontare all’interno dello studio 


Collaboratori, titolari di studio e team odontoiatrico, visti dal consulente di gestione. Le criticità, i consigli e le “soluzioni”


Il presidente CAO di Cuneo commenta i dati illustrati durante il convengo EDRA e sostiene che battersi per una modalità di esercizio omogenea serve per tutelare la salute dei cittadini da chi punta...


Dopo aver letto le norme inserite nella legge di Bilancio che toccano anche lo studio odontoiatrico, i dati rilevati da EDRA e da Key-Stone che indicano la percentuale di odontoiatri e di futuri...

di Norberto Maccagno


Dai dati di un sondaggio commissionato dal Collegio dei Docenti, la fotografia di chi sarà chiamato a esercitare l’odontoiatria del futuro. Tra le certezze: sarà una professione in mano alle...


Altri Articoli

Un modello riproducibile e sostenibile di umanizzazione dell’assistenza odontostomatologica che parte da una corretta formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra....


A metà febbraio le scadenze: quella sui radiografici che interessa i soli studi odontoiatrici e quella per l’autoliquidazione INAIL che riguarda anche laboratori ed aziende del settore. Per i...


In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


Sono stati in militari del NAS di Bologna, secondo la stampa locale su segnalazione di un paziente, a scoprire a Riccione lo studio di un finto dentista, un diplomato odontotecnico di 69 anni.Secondo...


L’On. Alberto Volponi è "il papà" di una delle leggi la cui applicazione, o la non applicazione, è da sempre alla base dello “scontro” giudiziario tra Catene, Sindacati ed anche Ordine: la...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni