HOME - Psicologia
 
 
12 Settembre 2012

Correlazione tra età e percezione della salute orale

La conoscenza del paziente

di Renato Torlaschi


anzianianziani

Alcuni sondaggi sulla salute della popolazione indicano che la percezione soggettiva della salute orale è sorprendentemente migliore negli anziani rispetto alle persone giovani e di mezza età.
Per tentare di capire le ragioni di questo apparente paradosso, due studiosi della University of North Carolina hanno preso in considerazione uno di questi sondaggi, l'Australian National Survey of Adult Oral Health, effettuato dal 2004 al 2006.
Il sondaggio australiano si era svolto attraverso oltre 14.000 interviste telefoniche a persone dai 15 anni in su. Ai soggetti non edentuli era stato chiesto di sottoporsi a un esame orale e, dopo il controllo, 2724 di loro hanno completato un questionario: le 14 domande di cui era composto permettevano di rilevare l'Oral health impact profile (Ohip), strumento che fornisce una stima delle disfunzioni, disabilità e difficoltà percepiti dall'individuo.

I risultati
Durante il controllo, erano state prese in esame cinque condizioni cliniche: la mancanza di almeno cinque denti, la presenza di carie non trattata, l'utilizzo di una protesi dentaria, una parodontite moderata o grave e il frequente mal di denti. Attraverso un'analisi statistica multivariata, nelle persone che non presentavano alcuna delle cinque condizioni considerate, si è evidenziata un'associazione molto debole tra i punteggi ottenuti dal questionario Ohip-14 con l'età. Invece, per coloro che presentavano almeno due delle condizioni indicative di problemi clinici, si è registrata una relazione inversa molto forte tra l'età e il valore medio del'Ohip-14. In altre parole, sembra che le persone in età avanzata diano meno importanza ai problemi orali rispetto alle generazioni più giovani. Secondo gli autori dell'analisi, la ragione sta nelle aspettative superiori dei giovani e nella grande capacità di far fronte agli aventi avversi degli anziani australiani.

J Dent Res 2011;90(11):1279-85

Leggi anche:
- Anziani: correlazione tra salute generale e salute orale

GdO 2012;8:12

Articoli correlati

In una revisione sistematica con meta-analisi, pubblicata sul Journal of Prosthodontic Research di ottobre 2019, gli autori hanno valutato la differenza nella longevità delle protesi...

di Lara Figini


Secondo l’Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici sarebbero a rischio 17mila posti di lavoro. Confermate le iniziative verso AGCM e CE 


Dopo aver letto le norme inserite nella legge di Bilancio che toccano anche lo studio odontoiatrico, i dati rilevati da EDRA e da Key-Stone che indicano la percentuale di odontoiatri e di futuri...

di Norberto Maccagno


Dai dati di un sondaggio commissionato dal Collegio dei Docenti, la fotografia di chi sarà chiamato a esercitare l’odontoiatria del futuro. Tra le certezze: sarà una professione in mano alle...


Quella della figura del titolare di un proprio studio odontoiatrico non è più “maggioranza”. Ecco la fotografia dalla ricerca EDRA sull’esercizio della professione


Altri Articoli

FESPA denuncia la mancanza di dotazione minima strutturale degli ambulatori Odontoiatrici del Verbano Cusio Ossola che ora rischiano la chiusura


A rischio 17 mila posti di lavoro, emendamento che impedirebbe ad una fascia considerevole di popolazione di accedere a cure odontoiatriche di qualità e a costi accessibili


Ghirlanda: ‘’nessuno chiede la chiusura di questi centri e, di conseguenza, non esiste alcun rischio occupazionale, sarà una loro libera scelta se adeguarsi alle regole’’


Un evento che si conferma punto di riferimento dell’aggiornamento culturale del Sud Italia che ha fatto della sinergia tra le componenti del settore il punto di forza


Associazione Italiana Odontoiatri plaude la presentazione dell’emendamento che abilita le sole StP a esercitare l’odontoiatria


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi