HOME - Psicologia
 
 
01 Gennaio 2013

Medicina tradizionale

di Giovanni Lodi


cochranecochrane

Alcune settimane fa la Cochrane Collaboration ha pubblicato una revisione sistematica sull'utilità dei check-up: quei servizi nei quali un individuo apparentemente sano, e senza particolari segni o sintomi, viene sottoposto a test diagnostici multipli con lo scopo di individuare eventuali malattie prima che si manifestino, così da intervenire precocemente e più efficacemente.
Per chi fosse poco familiare con il soggetto, una revisione sistematica, in particolare se targata Cochrane, è una sintesi della migliore ricerca clinica disponibile: una sorta di concentrato di informazioni mediche valide e aggiornate.
Le conclusioni dei ricercatori, basate su 16 trial randomizzati con più di 180 mila adulti seguiti mediamente per nove anni, sono state che i check-up sono inutili, dal momento che non riducono la mortalità in generale e neanche quella dovuta a malattia cardiovascolare e cancro (oggetto di molti dei test inclusi nei check-up).
Anche eventi clinici come infarti o ictus non sono risultati ridotti nei soggetti sottoposti ai controlli periodici, tra i quali invece si è registrato un aumento delle diagnosi. In altre parole, questo tipo di intervento serve ad aumentare il numero di malati senza offrire, però, benefici in termini di salute. A tutto ciò si aggiungono le inevitabili conseguenze di una diagnosi inutile quali trattamenti superflui, ricoveri, ansia, visite specialistiche e perdita di ore lavorative.

E del check-up odontoiatrico semestrale che cosa sappiamo? Quasi nulla, data la totale assenza di dati scientifici favorevoli o contrari documentata da una revisione Cochrane di qualche anno fa. Come dire che la visita odontoiatrica ogni sei mesi è da considerarsi un approccio alla salute orale basato sulla tradizione più che su prove scientifiche.

P.S.: Questo editoriale è un'occasione per ricordare, a un anno dalla morte, Alessandro Liberati: medico, paziente, ricercatore, tifoso interista, professore universitario, obiettore civile, fondatore del Centro Cochrane Italiano e molto di più.



Articoli correlati

Durante il periodo di lockdown da pandemia da Covid-19 i dentisti, in qualità di operatori sanitari, hanno continuato a esercitare garantendo però il trattamento esclusivamente...

di Lara Figini


Ne soffrirebbe il 15-20% della popolazione. Come individuare il paziente odontofobico, come gestirlo, come cercare di farla superare. Uno studio italiano ha fatto il punto

di Lara Figini


L’efficacia della musicoterapia

di Lara Figini


L'ansia per i trattamenti dentali colpisce tra il 10 e il 60% della popolazione e può influire direttamente sulla salute orale del paziente stesso. La classica "paura del dentista" può...


Quella che può sembrare una leggenda metropolitana è oramai verità dimostrata: chi ha i capelli rossi soffre un'ansia più grave di fronte al dentista e tende a evitare le...


Altri Articoli

Pur legittimando l’obbligo vaccinale, i Giudici rilevano differenti trattamenti tra chi svolge l’attività come autonomo e chi come dipendente. Dubbi anche sulla sospensione dall’Albo


La pandemia ha ampliato gli adempimenti burocratici per lo studio odontoaitrico, per il dott. Cirulli la morte da burocrazia si evita con strategia mirate ed efficaci


L’odontoiatria digitale vista dal prof. Stefano Patroni, uno dei protagonisti del prossimo Congresso della Digital Dental Academy


Il 22 febbraio è possibile aggiudicarsi i 115 beni delle cliniche di Perugia e Foligno. Possibile partecipare a distanza così come visionare i beni online


Sulla base di studi epidemiologici condotti negli ultimi cinquant’anni, la prevalenza di ASD sembra aumentare a livello globale ma i pazienti con diagnosi di ASD non differiscono dagli altri per...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi