HOME - Psicologia
 
 
01 Gennaio 2013

Medicina tradizionale

di Giovanni Lodi


cochranecochrane

Alcune settimane fa la Cochrane Collaboration ha pubblicato una revisione sistematica sull'utilità dei check-up: quei servizi nei quali un individuo apparentemente sano, e senza particolari segni o sintomi, viene sottoposto a test diagnostici multipli con lo scopo di individuare eventuali malattie prima che si manifestino, così da intervenire precocemente e più efficacemente.
Per chi fosse poco familiare con il soggetto, una revisione sistematica, in particolare se targata Cochrane, è una sintesi della migliore ricerca clinica disponibile: una sorta di concentrato di informazioni mediche valide e aggiornate.
Le conclusioni dei ricercatori, basate su 16 trial randomizzati con più di 180 mila adulti seguiti mediamente per nove anni, sono state che i check-up sono inutili, dal momento che non riducono la mortalità in generale e neanche quella dovuta a malattia cardiovascolare e cancro (oggetto di molti dei test inclusi nei check-up).
Anche eventi clinici come infarti o ictus non sono risultati ridotti nei soggetti sottoposti ai controlli periodici, tra i quali invece si è registrato un aumento delle diagnosi. In altre parole, questo tipo di intervento serve ad aumentare il numero di malati senza offrire, però, benefici in termini di salute. A tutto ciò si aggiungono le inevitabili conseguenze di una diagnosi inutile quali trattamenti superflui, ricoveri, ansia, visite specialistiche e perdita di ore lavorative.

E del check-up odontoiatrico semestrale che cosa sappiamo? Quasi nulla, data la totale assenza di dati scientifici favorevoli o contrari documentata da una revisione Cochrane di qualche anno fa. Come dire che la visita odontoiatrica ogni sei mesi è da considerarsi un approccio alla salute orale basato sulla tradizione più che su prove scientifiche.

P.S.: Questo editoriale è un'occasione per ricordare, a un anno dalla morte, Alessandro Liberati: medico, paziente, ricercatore, tifoso interista, professore universitario, obiettore civile, fondatore del Centro Cochrane Italiano e molto di più.



Articoli correlati

L’efficacia della musicoterapia

di Lara Figini


L'ansia per i trattamenti dentali colpisce tra il 10 e il 60% della popolazione e può influire direttamente sulla salute orale del paziente stesso. La classica "paura del dentista" può...


Quella che può sembrare una leggenda metropolitana è oramai verità dimostrata: chi ha i capelli rossi soffre un'ansia più grave di fronte al dentista e tende a evitare le...


psicologia     15 Novembre 2012

Quando un amico non c'è più

È strano ma quando un amico non c'è più ti ricordi subito di quelle due o tre cose che non gli hai detto ma che avresti voluto, cose inutili che hai rimandato per altre più importanti, e che ora...


psicologia     14 Settembre 2012

Paura

A settembre (ri)comincia la scuola, e per qualcuno dei piccoli alunni questo significherà rinunciare allo spazzolino da denti.Leggo sul sito del Corriere della Sera la lettera di una mamma che...


Altri Articoli

Secondo l’Associazione oltre 400 i controlli effettuati. Ecco come regolarizzare la propria posizione


Prof. Pelliccia: ‘’il dentista deve saper prendere le decisioni giuste al momento utile, vi aiutiamo a imparare a farlo’’


Assegnata in Commissione alla Camera una PdL che impone il 51% del capitale in mano all’iscritto all’Albo


Lodi: l’analisi impietosa, in evidenza contraddizioni e difetti di un sistema riservato ai ricchi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi