HOME - Strumenti e Materiali
 
 
28 Gennaio 2016

Materiali ceramici, disilicato e materiali Cad Cam. Una ricerca indica quelli con le migliori proprietà meccaniche ed ottiche

di Davis Cussotto


Un recente studio pubblicato sul Journal of the Mechanical Behavior of Biomedical Materials evidenzia che tra i materiali da restaurativa CAD CAM (blocchetti o cialde), la vetroceramica al disilicato di litio ha la più elevata resistenza alla flessione, altri materiali hanno però evidenziato ottime proprietà meccaniche ed ottiche.

"I compositi CAD / CAM testati, sostiene Bogna Stawarczyk della Ludwig-Maximilians-University of Munich (Germania) autrice della ricerca - resistono ad una moderata flessione e ben si adattano al carico occlusale presentano inoltre elevata traslucenza".

Lo studio è stato realizzato in vitro alla Dental School della LMUM. Sette i materiali testati :

Compositi CAD / CAM:

1 Lava di Ultimate (3M ESPE),

2 Cerasmart (GC),

3 Shofu Block HC (Shofu),

4 Coltene / Whaledent

5 Vita Enamic, (Vita Zahnfabrik, una ceramica ibrida

6 IPS Empress CAD, (Ivoclar Vivadent), una vetroceramica leucitica

7 IPS e.max CAD, (Ivoclar Vivadent), un vetroceramica al disilicato di litio

I ricercatori hanno realizzato 48 manufatti per ognuno dei materiali presi in esame sottoponendoli poi a tre diversi test:


1) usura antagonista e resistenza alla flessione utilizzando un simulatore di masticazione e rilevando le abrasioni con uno scanner intraorale da impronta;

2) il tasso di decolorazione dopo immersione dei manufatti in pigmenti alimentari;

3) traslucenza misurata con uno spettrofotometro;

IPS e.max CAD ha mostrato la più alta resistenza alla flessione seguita da Lava Ultimate. L'usura antagonista più elevata è stata osservata con la vetroceramica che mostra percentuali di scolorimento inferiori ai compositi CAD / CAM.

Gli autori hanno rilevato che la resistenza all'usura di compositi e vetroceramiche è sovrapponibile nei tempi brevi; le ceramiche hanno tuttavia maggiore resistenza nei tempi medio lunghi .

"Sulla longevità clinica -conclude la Stawarczyk- pur con i limiti dello studio, abbiamo rilevato che i compositi CAD / CAM hanno maggiore resistenza alla flessione rispetto alla ceramica e al materiale ibrido Vita Enamic, ma inferiore al disilicato di litio e alla ceramica leucitica.

Solo un composito CAD/CAM (Coltene/Whaledent) ha mostrato caratteristiche di usura comparabili con la vetroceramica nei test in vitro.

Le risultanza vanno confermate da studi clinici in vivo.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatria libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

In una revisione sistematica con meta-analisi, pubblicata sul Journal of Prosthodontic Research di ottobre 2019, gli autori hanno valutato la differenza nella longevità delle protesi...

di Lara Figini


I materiali compositi a base di polimeri sono stati proposti come alternativa alla ceramica anche nei casi di corone singole soprattutto per la loro elasticità in contrasto con...

di Lara Figini


I sistemi di vetroceramica rinforzati sono sempre più utilizzati per le riabilitazioni monolitiche grazie al continuo miglioramento delle loro proprietà meccaniche associate...

di Lara Figini


L’aumento delle esigenze estetiche dei pazienti ha portato a sviluppare una sempre maggiore varietà di materiali estetici, e i restauri estetici di successo clinico combinano...

di Lara Figini


La carie dentale e le malattie periodontali, tra cui gengivite e parodontite, sono causate da batteri organizzati in biofilm tridimensionali adesi alle superfici dentali, ai...

di Lara Figini


Altri Articoli

Dopo l’Europa il Gruppo Editoriale EDRA sbarca negli Stati Uniti e lo fa puntando su due settori strategici come la veterinaria e l’odontoiatria


Al 38° Congresso AIOP si è approfondito il tema “dell’umanizzazione” della protesi e dei pazienti fragili. Guarda la Tavola rotonda organizzata sul tema


Dopo la presentazione del Manuale di Odontoiatria Speciale, dal suo 20° Congresso la SIOH punta alla formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra verso un’odontoiatria a misura dei pazienti...


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


Pubblicato in GU il Decreto con la norma che obbliga anche gli igienisti dentali all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria delle fatture emesse nei confronti dei pazienti. Ecco le modalità


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi