HOME - Strumenti e Materiali
 
 
15 Ottobre 2006

E' nato il chewing-gum anticarie

di Debora Bellinzani


Sarà un chewing gum, o forse un dentifricio, il presidio anticarie che verrà probabilmente messo in commercio nei supermercati il prossimo anno: nemmeno i produttori conoscono ancora per certo quale forma avrà, ma hanno fatto sapere attraverso le pagine della rivista Chemistry & Industry che il prodotto in forma di chewing-gum è stato sperimentato su volontari e funziona.

“Si tratta di una gomma da masticare che contiene batteri del genere Lactobacillus, come quelli che si trovano normalmente nello yogurt” afferma Stefan Marcinowski, direttore della ricerca della Basf, azienda chimica tedesca con sede a Ludwigshafen in Germania. “Nei laboratori dell’azienda abbiamo isolato una particolare specie di batteri, che abbiamo chiamato Lactobacillusanti-caries, la quale è in grado di legarsi allo Streptococcus mutans impedendogli di aderire alla superficie dentale e di produrre le sostanze acide che la erodono e con il tempo formano le lesioni cariose.

”Il chewing-gum, che è stato testato “su un gran numero di persone” a quanto dichiara l’azienda, ha mostrato di ottenere buoni risultati. “Masticare la gomma contenente Lactobacillus anticaries ha ridotto di 50 volte la presenza di Streptococcus mutans nel cavo orale dei volontari” sostiene Marcinowski. “Il risultato è dunque notevole, e per questo motivo l’azienda ha in progetto dei realizzare un’intera linea di prodotti contenenti Lactobacillus anti-caries che comprende dentifrici e collutori.” Ma le novità che l’azienda ha in serbo per il mercato nell’immediato futuro non sono finite: allo studio nei suoi laboratori vi sono anche le specie Lactobacillus aladoris e Lactobacillus ala-odoris che, grazie alla capacità di neutralizzare gli specifici batteri che producono sostanze maleodoranti, entreranno nella formulazione di una linea di deodoranti per il corpo.

GdO 2007: 14

Articoli correlati

L’uso degli scanner intraorali in tridimensionale (3D) per il monitoraggio della salute orale, in particolare per il rilevamento e la successiva osservazione delle lesioni...

di Lara Figini


Il riconoscimento globale dei benefici dei preparati topici contenenti fluoro, cemento vetroionomerico, fluoruro di diammina d'argento, salutato come "un enorme passo avanti per la salute orale"


Una ricerca ha cercato di capire quanto la posizione della carie può influenzare il successo della pulpotomia completa in denti permanenti con pulpite parziale irreversibile sintomatica


In questa revisione sistematica gli autori hanno voluto determinare l’esito del trattamento basato sull’incappucciamento diretto della polpa in denti permanenti ad apice maturo...

di Lara Figini


Altri Articoli

Marco Veneziani

Con l’autore approfondiamo le tematiche trattate nel suo ultimo lavoro: nei due volumi vengono esaminate tutte le possibili soluzioni alle molteplici problematiche cliniche...


Elaborate da SidP e validate dall’Istituto Superiore di Sanità diventano le uniche da rispettare in tema di “Trattamento della parodontite di stadio I-III”


Il Tg satirico di Canale 5 smaschera l’illecito e spiega chi può effettuare lo sbancamento dentale. Le congratulazioni all’inviata di AIDIPro


Ancora qualche giorno per presentare la domanda per poter richiedere l’esonero parziale. Le domande direttamente dal sito ENPAM


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio