HOME - Strumenti e Materiali
 
 
20 Marzo 2019

Rimozione delle pigmentazioni gengivali di melanina. Due laser a confronto 

di Lara Figini


La pigmentazione gengivale di melanina (GMP) è un fenomeno comune, probabilmente a titolo ereditario, caratterizzato dall’accumulo di quantità eccessive di melanina nell’epitelio dovuto a un’iperattività dei melanociti negli strati cellulari basali e sopra-basali dell’epitelio.

Può comparire in qualsiasi fascia di età, ma più spesso nel primo e secondo decennio, ed è direttamente proporzionale al grado di oscurità dell’epitelio. Non è un fenomeno limitato alla razza scura, ma può verificarsi in tutti i gruppi etnici, tra lo 0 e l’89%, sebbene sia più comune nelle popolazioni africana, asiatica e mediterranea.

Talvolta queste pigmentazioni, specialmente se presenti nei settori estetici (come nel gummy-smile), procurano ai pazienti problematiche estetiche che li portano a richiedere all’odontoiatra la loro rimozione.

Sono vari i trattamenti possibili tra cui: abrasione con bisturi o fresa diamantata, gengivectomia, elettrochirurgia, criochirurgia, trattamenti con agenti chimici a base di 90% di fenolo o di 95% di alcol, innesti gengivali ricavati da aree meno pigmentate e laser.

Quest’ultimo è stato descritto come un metodo sicuro ed efficace, decisamente poco invasivo e ben accetto dalla maggior parte dei pazienti.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In uno studio pubblicato su Oral Surgery di novembre 2018, gli autori hanno messo a confronto l’utilizzo del laser Nd:YAG con il laser a diodi nel trattamento della GMP in base al periodo di guarigione, alle recidive verificatesi successivamente e all’accettabilità del paziente. Venti soggetti con GMP moderato o severo sono stati inclusi in questo studio.

Con il laser Nd:YAG a modalità di scorrimento libero, lunghezza d’onda di 1064 nm, sono state trattate le GMP dei due quadranti di destra, e con il laser a diodi a modalità continua, lunghezza d'onda di 980 nm, sono state trattate le GMP sul lato sinistro.

La valutazione clinica dei vari quadranti è stata effettuata a distanza di 1 settimana, 1, 3, 6 e 9 mesi dopo l’intervento.

Risultati
Dall’esame clinico si è visto che la guarigione completa della gengiva si è verifica in un periodo compreso tra 1 settimana (30% diodi, 40% Nd:YAG ) e 4 settimane (70% diodi, 60% Nd:YAG).

Dopo 9 mesi dall’intervento la maggior parte dei pazienti si è dimostrata soddisfatta della procedura, sebbene la recidiva fosse del 35%.

Le analisi statistiche non hanno dimostrato differenze significative tra il laser Nd:YAG e quello a diodi per quanto riguarda tutte le variabili indagate (P>0,05).

Conclusioni
Dai dati emersi da questo studio, che devono trovare conferma con altri lavori analoghi, si può concludere che sia il laser Nd:YAG che quello a diodi sono da considerarsi efficaci per la gestione delle pigmentazioni gengivali fisiologiche, sebbene la recidiva sia ancora riconosciuta.

Implicazioni cliniche
Gli operatori sanitari possono scegliere liberamente di utilizzare o il laser Nd:YAG o quello a diodi in base alle proprie capacità finanziarie e alla disponibilità dei dispositivi, in quanto entrambi garantiscono risultati soddisfacenti nella rimozione delle pigmentazioni gengivali di melanina.

Per approfondire

Rahaf Salahi Alasbah, Omar Hamadah. A comparative clinical study between the efficacy of Nd:YAG laser and diode laser in the management of physiologic gingival melanin pigmentation. Oral Surgery 2018;11:282-90.

Articoli correlati

Negli anni passati, l’odontoiatria tradizionale è stata attratta da materiale inerte che non interagisce con l’ambiente orale, non presenta cambiamenti nel tempo nella sua...

di Lorenzo Breschi


Con lo sviluppo della sistematica CAD/CAM, oggi i materiali più utilizzati nei campi protesici sono zirconia e disilicato di litio. In particolare, in una review pubblicata nel...

di Simona Chirico


I restauri dentali in ceramica integrale, quale la zirconia, hanno maggiore resistenza alla frattura rispetto a quelli in litio disilicato; tuttavia, l’assenza della fase vetrosa amorfa nella...

di Lara Figini


Oggi un numero crescente di pazienti richiede trattamenti altamente estetici e l’odontoiatria estetica sta diventando sempre più una preoccupazione per le persone che...

di Lorenzo Breschi


Negli ultimi due decenni, l’usura dello smalto antagonista ai nuovi materiali dentali è diventato un criterio importante nella valutazione di questi stessi materiali.Il...

di Lara Figini


Altri Articoli

La Consulta Nazionale dei CAF chiede un intervento del Ministero delle finanze per evitare criticità per contribuenti e prestatori di servizi


Ammessi solo quelli che riguardavano proroghe. L’On leghista prova anche la carta del ricorso ma senza successo. Tenterà altre strade


Poco più di 62 mila il numero totale, meno di 800 il saldo attivo dei nuovi iscritti nel 2019. Tra questi molte le donne


Avviso di richiamo per una serie di lotti di Abutment di guarigione Certain® BellaTek® Encode® 


Abbiamo sottoposto al componente odontoiatra della Commissione nazionale ECM Alessandro Nisio alcuni dubbi e quesiti posti dai nostri lettori. Ecco le sue indicazioni e i consigli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni