HOME - Strumenti e Materiali
 
 
27 Ottobre 2020

Mascherine chirurgiche vs respiratori: proprietà e indicazioni d’uso


Numerose sono le procedure odontoiatriche in grado di creare un aerosol capace di trasportare batteri, virus e particelle inquinate nell’ambiente circostante.

L’utilizzo di una turbina, di uno strumento ultrasonico o di uno spray proveniente dalla siringa aria-acqua crea una sospensione aerea di particelle di vario diametro che presenta un serio rischio infettivo attraverso le cavità nasali e tracheo-bronchiali. Questa deposizione di particelle avviene su differenti livelli a seconda delle loro dimensioni, dove le più grosse vengono fermate nelle cavità nasali, mentre le più piccole finiscono negli alveoli polmonari.

Poiché questa nube aerosolica persiste e si alimenta continuativamente in ambienti dove pazienti e procedure si susseguono e si sovrappongono nell’arco di una giornata, è fondamentale da parte degli operatori l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale, fra i quali appare preminente la scelta di un respiratore o di una mascherina chirurgica appropriata.

Tipologia di ricerca e modalità di analisi
In un lavoro pubblicato su Dental Cadmos nel settembre 2020, è stata condotta una revisione della letteratura nazionale e internazionale sull’argomento (utilizzando i database di PubMed, Scopus e Web of Science), raccogliendo i dati scientifici pubblicati dal momento dell’identificazione del coronavirus fino a maggio 2020 (data della submission dell’articolo a Dental Cadmos) e descrivendo le caratteristiche, le vie di trasmissione e le manifestazioni cliniche del Covid-19 in ambito odontoiatrico.

La mascherina chirurgica e il respiratore sono presidi individuali che soddisfano standard specifici, ma all’epoca tanti erano i pareri discordanti sulle indicazioni corrette e sulla tipologia di respiratore da utilizzare per prevenire il contagio da Sars-CoV-2. I respiratori senza filtro-valvola sembrano i dispositivi in grado di fornire la protezione più alta a operatore e paziente, ma proprio la loro alta capacità di filtraggio rende difficile la respirazione se portati per lungo tempo continuativamente. Per migliorare la capacità respiratoria, e quindi per ricercare un maggiore comfort, potrebbe essere ipotizzabile l’utilizzo di un respiratore ad alto filtraggio con valvola di esalazione, in associazione a una mascherina chirurgica da applicarvi sopra.

Le mascherine chirurgiche rimangono comunque dei validi presidi per tutte quelle prestazioni che non comportano creazione di aerosol altamente infetti e conseguente dispersione di particelle potenzialmente contaminate nell’aria. Infine, per limitare il più possibile la diffusione del Covid-19 tra la popolazione, chiunque dovrebbe indossare almeno la mascherina chirurgica, in modo tale da non contaminare l’ambiente circostante e le persone vicine.

Conclusioni
Tutti i membri del team odontoiatrico hanno l’importante compito di proteggersi dalle infezioni crociate
, tenendo presente come la bocca sia un importante vettore di molteplici tipologie di infezione, non tutte conosciute. Va fornito quindi al personale un addestramento specifico basato sui protocolli collaudati per il controllo delle infezioni.

In definitiva, la mascherina chirurgica e il respiratore sono presidi individuali che soddisfano standard specifici ma il cui utilizzo va sempre abbinato ad altri DPI quali schermi e occhiali protettivi, copricapo, guanti, camici monouso e naturalmente a un’attenta igiene personale.

Si ricorda, infine, l’importanza di esaminare la scheda tecnica riferita ai dispositivi utilizzati, al fine di controllare la necessaria stretta aderenza ai protocolli di riferimento.

Per approfondire
Checchi V, Checchi L. Mascherine chirurgiche vs respiratori: proprietà e indicazioni d’uso. Dental Cadmos 2020;88(7):436-77.

In allegato, il PDF della versione integrale dell’articolo.

Articoli correlati

L'attenzione della rubrica ''Rassegna della Letteratura Internazionale'' si sofferma, qualora ce ne fosse ulteriore bisogno, sulle metodiche digitali di acquisizione delle informazioni utili per fare...


Questo il grido che potrebbe accompagnare la raccolta di abstract di questo numero che il sottoscritto e il Prof Antonio Cerutti hanno proposto. Portano alla ribalta un problema vecchio e nuovo al...


Ritorna la rassegna stampa sui dentisti che si sono guadagnati un posto sulle pagine dei giornali (GdO 2;2009:8-9. GdO 3;2009: 10-11), che, tralasciando il ministro Calderoli, sono molti. Purtroppo,...


La contaminazione da aerosol di un ambiente odontoiatrico è un fattore da tenere sempre sotto controllo al fine di minimizzare quanto possibile i rischi per il personale...


In uno studio, pubblicato su JAMA di settembre 2019, è stato confrontato l’effetto dei respiratori N95 rispetto alle mascherine chirurgiche per la prevenzione dell’influenza  e di...

di Lara Figini


Altri Articoli

Albonetti (EDRA): “è stato associato impropriamente il nostro logo ad una iniziativa che ci vede totalmente estranei, valuteremo azioni legali” 


Esercitava da anni in un uno studio in cattive condizioni igieniche. Sanzionato anche per mancato rispetto delle norme anti Covid. Guarda il video


Sarà il Governo a decidere la data. Rimane l’obbligo in caso di assembramenti, al chiuso e negli ambienti sanitari secondo i protocolli previsti


Per il 2021 sono cambiate le scadenze, diventano semestrali per poi passare mensili nel 2022. Ecco cosa è bene ricordare


I consigli di Andrea Grassi, fondatore dell’Accademia per lo Sviluppo Imprenditoriale dello Studio Dentistico. Scarica gratuitamente il video corso


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria al digitale non è solo protesi