HOME - Strumenti e Materiali
 
 
15 Febbraio 2006

Valutazione della forza di legame di due adesivi self-etch con dentina

di C. D’Arcangelo, A. Terlizzi, *A. Tucci, **T. Traini, T. Delle Fratte, *V.A. Malagnino


Scopo del lavoro è stato quello di valutare in vitro le forze di legame ottenute da due adesivi self-etching-priming-bonding (Xeno III; One-Up Bond F) e da un adesivo self-priming-bonding (Prime&Bond NT).
Diciotto molari permanenti sono stati casualmente suddivisi in sei gruppi da tre campioni ciascuno. Nei primi tre gruppi (test1S, test2S e ctrlS) è stato abraso lo smalto occlusale fino ad esporre la dentina superficiale; nei rimanenti tre gruppi (test1C, test2C e ctrlC) tramite asportazione dello smalto cervicale, si è messa in evidenza la dentina cervicale. Ai campioni dei gruppi test1S e test1C è stato applicato l’adesivo Xeno III, a quelli dei gruppi test2S e test2C l’adesivo One-Up Bond F, mentre a quelli dei gruppi ctrlS e ctrlC il Prime&Bond NT.
Su tutti i campioni è stato stratificato il composito Esthet-X con tecnica incrementale sono stati quindi inglobati in resina ortodontica e sottoposti a sezionamenti multipli. Tutti i parallelepipedi ottenuti (n=72) sono stati sottoposti al microtensile bond strength test. Si sono registrati i valori delle forze (MPa) necessarie per il raggiungimento del carico di rottura. Le medie delle forze di legame sono state valutate mediante analisi statistica. Dai risultati, si sono riscontrate variazioni nei valori delle forze di distacco tra i gruppi e tra i vari tipi di dentina esposta, tuttavia in nessun caso sono state registrate differenze statisticamente significative (p>0.05).
I nostri risultati dimostrano che questi nuovi sistemi adesivi rappresentano una valida alternativa ai materiali preesistenti.

Self-etching adhesives: a bond strength test
Aim of this work is to measure in vitro bond strength of two self-etching-priming-bonding adhesives (Xeno III; One-Up Bond F) and of a self-priming-bonding adhesive (Prime&Bond NT).
Eighteen permanent molars have been randomly divided into six groups of three teeth. In the first three groups (test1S, test2S e ctrlS) occlusal enamel was eliminated to lay dentin out; in the remaining groups (test1C, test2C e ctrlC) cervical enamel was eliminated to lay dentin out.
Xeno III adhesive was applied on the teeth of test1S and test1C; One-Up Bond F adhesive was applied on the teeth of test2S and test2C while Prime&Bond NT was used in ctrlS and ctrlC groups. After that Esthet-X composite resin was cured on any teeth before putting them in a block of orthodontic resin and cutting into multiple sections. All the samples (n=72) underwent a microtensile bond strength test. Breaking force values in MPa were measured and their means were statistically analyzed. the results showed different force values between the samples but in no case those differences reached statistical significance (p>0.05). The authors conclude that these new materials are a valid alternative to existing products.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Chieti "G. D'Annunzio" - CLOPD
Presidente: prof. A. Piattelli
Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche
Direttore: prof. S. Caputi
Cattedra di Odontoiatria Restaurativa
Titolare: prof. C. D'Arcangelo
*Cattedra di Endodonzia - Titolare: prof. V.A. Malagnino
**Cattedra di Protesi - Titolare: prof. S. Caputi



Articoli correlati

Nonostante il rapido sviluppo nel campo dei materiali dentali, il problema della degradazione dello strato ibrido nel tempo non è stato ancora risolto. Gli enzimi endogeni...

di Lorenzo Breschi


Molti pazienti che portano protesi totali mobili utilizzano quotidianamente adesivi per protesi in quanto questi ultimi offrono maggior tenuta e stabilità, migliorando sia la...

di Lara Figini


Importante riconoscimento per l'innovativo adesivo che permette, dopo l'applicazione, di procedere subito con l'asciugatura, senza attesa CLEARFIL Universal Bond Quick è il nuovo adesivo...


La carie ricorrente è la causa principale di fallimento dei restauri, specialmente quelli estetici a base di resine in quanto le resine dentali hanno dimostrato di portare a un maggior...


La stomatite da protesi (DS) è una condizione infiammatoria eritematosa molto frequente nei pazienti che portano protesi rimovibili. I sintomi più spesso riportati dai pazienti affetti...


Altri Articoli

Aperte le preiscrizioni al Master universitario di 1° livello organizzata dal COI con la collaborazione dell’Università degli Studi di Torino che si terrà a partire da...


Agorà del Lunedì     20 Settembre 2021

Game changer….

Per il prof. Gagliani è questa la scelta che deve fare l’odontoiatra: riorganizzarsi per dare risposte alle “nuove” esigenze dei pazienti oppure arroccarsi in un giardinetto costituito di...

di Massimo Gagliani


Lutto nell’odontoiatria piemontese e nel mondo ordinistico per l’improvvisa scomparsa del presidente CAO del Verbano Cusio Ossola Claudio Buffi (nella foto) deceduto sabato scorso per un...


La sospensione è dal lavoro non dall’Ordine. Per i Giudici l’Ordine deve esclusivamente comunicare l’atto ricevuto dall’ASL e non adottare una delibera del Consiglio


A darlo per possibile il quotidiano online Huffington Post. Proposta accolta con soddisfazione dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio