HOME - Strumenti e Materiali
 
 
20 Ottobre 2007

Utilizzo clinico delle fibre rinforzate in composito

di A. Guida, S. Loghi, M.P. Peciarolo, R. Di Giorgio


Per anni i monoedentulismi sono stati affrontati e risolti tramite l’utilizzo di presidi protesici quali le protesi parziali mobili, le protesi parziali fisse adesive in resina e le protesi parziali fisse a supporto dentale o su impianti. L’evoluzione dei sistemi adesivi e lo sviluppo di moderni e innovativi materiali, quali le fibre rinforzate in composito (FRC), consentono oggi di trattare in maniera conservativa i monoedentulismi, applicando i principi dell’odontoiatria minimamente invasiva. È quindi possibile realizzare ponti adesivi in composito.
Le FRC possono essere utilizzate anche per realizzare splintaggi, sia parodontali che post-ortodontici, per costruire perni adattabili e provvisori di lunga durata. Possono infine essere utilizzate per la riparazione di protesi mobili e fisse.
Gli studi a nostra disposizione dimostrano che l’utilizzo delle fibre rinforzate in composito, grazie alla loro particolare versatilità, consente di ottenere ottimi risultati, salvaguardando l’integrità dei tessuti dentali.

Clinical use of fibres reinforced composite
Since long time a wide range of treatment options exist for single tooth replacement. Evolution of adhesive systems and development of new materials, as composite reinforced fibres, allow today to replace a single tooth according to the principles of minimal invasive dentistry. It is now possible to realize composite adhesive bridge.
FRC can be also used to realize periodontal and post-orthodontic splints to build adaptable posts and long-standing temporary crowns. Moreover they can be used to repair mobile and fixed prosthesis.
Available studies show that FRC allow to obtain very good results and to protect dental tissues.

Qualifiche Autori:
Università degli Studi di Roma
“Sapienza”  CLS "OPD" in Odontoiatria
e Protesi Dentaria
Odontoiatria Operativa
(Odontoiatria Conservativa III)
Titolare p.a.: prof. R. Di Giorgio



Articoli correlati

I retainer in fibra di vetro rinforzata in composito (FRC) si dimostrano validi nei casi di ritenzione fissa a lungo termine. Possono essere sottoposti a questa metodica i pazienti in buone...


In endodonzia l’otturazione canalare è di fondamentale importanza per il successo del trattamento endodontico, in quanto è una procedura che mira a sigillare ermeticamente il...

di Lara Figini


Una ricerca italiana pubblicata sul Journal of Dentistry prende in esame le prestazioni cliniche dei restauri indiretti parziali in disilicato di litio utilizzate per restaurare premolari e...

di Lorenzo Breschi


I perni endodontici sono ampiamente utilizzati quando vi è una struttura coronale insufficiente per garantire la ritenzione di un restauro adeguato e durevole. I perni possono...

di Lara Figini


Quali soluzioni possono essere adottate?

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     26 Luglio 2021

L’anno che verrà

Riflessioni del prof. Gagliani sul periodo trascorso e quello che verrà dal punto di vista dell’aggiornamento culturale e della professione


Secondo uno studio realizzato da un team di ricercatori americani guidati da Kara Law, l'Italia è al nono posto nel mondo per produzione di rifiuti di plastica pro capite: gli italiani generano...


Report INAIL su Obstructive Sleep Apnea Syndrome. “Fattore di rischio per incidenti stradali e sul lavoro e causa di ridotta performance lavorativa, deve essere considerata malattia cronica”


La difforme interpretazione della norma degli Ispettori del lavoro crea problemi agli studi ed agli esperti di radioprotezione. La dott.ssa Rossetti chiede una presa di posizione ufficiale


Gent.mo direttore, ho ascoltato la sua intervista all’On. Beatrice Lorenzin e la proposta di organizzare un seminario di lavoro per studiare un impianto assistenziale sostenibile.  Come...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I rischi dell’implantologia “fai da te”