HOME - Strumenti e Materiali
 
 
31 Marzo 2009

Effetti di un precontatto occlusale sul distretto cervico-oculo-mandibolare

di T. Toti, P. Gigola, R. Carrera, E. Facco, L. Giannelli, C. Saetta, G. Rapelli, R. Broggi


Obiettivi. Lo scopo di questo studio è quello di valutare le ipotetiche correlazioni nel distretto cervico-oculo-mandibolare prima e dopo l’introduzione di un precontatto occlusale.
Materiali e metodi. Sono stati analizzati dieci volontari. Il protocollo operativo ha previsto: elettromiografi a di superfi cie, kinesiografi a, baropodometria, valutazione dei punti dolenti, analizzatore posturale, valutazione della curvatura corneale e dieci diversi test di visione.
Risultati. Dopo l’induzione del precontatto, il 33% dei pazienti ha mostrato una variazione della foria orizzontale associata. Dopo l’introduzione dei contatti in quasi tutti i pazienti la soglia del dolore si è abbassata. La totalità dei pazienti ha mostrato un cambiamento nell’atteggiamento posturale dopo l’eliminazione del precontatto.
Conclusioni. Dallo studio emerge che un precontatto occlusale, seppur di minima entità, è suffi ciente a indurre un cambiamento nel distretto visivo, in quello posturale e nella cinematica mandibolare.

Objectives. The aim of this study is to evaluate the hypothetical ocular-cervical-mandibular correlations before and after the introduction of an occlusal precontact.
Materials and methods. Ten volunteers have been tested. The operational protocol provides for: surface electromyography, kinesiography, baropodometry, pain points evaluation, postural analyzer, evaluation of corneal curvature, and ten different vision test.
Results. After the induction of precontact, 33% of patients showed a change in horizontal associated phoria. After the introduction of the contacts almost all patients have lowered the threshold of pain. All the patients showed a change in posture after the precontact removal.
Conclusions. The study shows that an occlusal precontact, even though minimal, is suffi cient to induce a change in the vision and postural zones, and in the mandibular kinematics.



Articoli correlati

I restauri dentali in ceramica integrale, quale la zirconia, hanno maggiore resistenza alla frattura rispetto a quelli in litio disilicato; tuttavia, l’assenza della fase vetrosa amorfa nella...

di Lara Figini


Diversi studi di letteratura riportano che anche nei bambini il russare e l’apnea ostruttiva notturna (OSA) sono relativamente frequenti, con una prevalenza del 27% e del 5,7%...

di Lara Figini


La prevalenza di edentulismo tra gli anziani di età ≥65 anni fortunatamente sta diminuendo in gran parte del mondo industrializzato, mentre è in aumento nei paesi in via di...

di Lara Figini


Noi dentisti sappiamo che il diastema è una maleocclusione la cui prevalenza decresce con il passare degli anni. Il picco è a 6 anni (98% dei bambini) scende al 49% a 11 anni e si...


Altri Articoli

Storica sentenza di un tribunale australiano nei confronti di un anonimo paziente che invitava a stare alla larga da uno studio dentistico. Google dovrà fornire le generalità


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


L’On. Raffaele Nevi chiede al Governo di adoperarsi per posticipare la prima scadenza del DPCM dell’ASO per dare al Governo il tempo per approvare le modifiche


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni