HOME - Strumenti e Materiali
 
 
31 Marzo 2009

Effetti di un precontatto occlusale sul distretto cervico-oculo-mandibolare

di T. Toti, P. Gigola, R. Carrera, E. Facco, L. Giannelli, C. Saetta, G. Rapelli, R. Broggi


Obiettivi. Lo scopo di questo studio è quello di valutare le ipotetiche correlazioni nel distretto cervico-oculo-mandibolare prima e dopo l’introduzione di un precontatto occlusale.
Materiali e metodi. Sono stati analizzati dieci volontari. Il protocollo operativo ha previsto: elettromiografi a di superfi cie, kinesiografi a, baropodometria, valutazione dei punti dolenti, analizzatore posturale, valutazione della curvatura corneale e dieci diversi test di visione.
Risultati. Dopo l’induzione del precontatto, il 33% dei pazienti ha mostrato una variazione della foria orizzontale associata. Dopo l’introduzione dei contatti in quasi tutti i pazienti la soglia del dolore si è abbassata. La totalità dei pazienti ha mostrato un cambiamento nell’atteggiamento posturale dopo l’eliminazione del precontatto.
Conclusioni. Dallo studio emerge che un precontatto occlusale, seppur di minima entità, è suffi ciente a indurre un cambiamento nel distretto visivo, in quello posturale e nella cinematica mandibolare.

Objectives. The aim of this study is to evaluate the hypothetical ocular-cervical-mandibular correlations before and after the introduction of an occlusal precontact.
Materials and methods. Ten volunteers have been tested. The operational protocol provides for: surface electromyography, kinesiography, baropodometry, pain points evaluation, postural analyzer, evaluation of corneal curvature, and ten different vision test.
Results. After the induction of precontact, 33% of patients showed a change in horizontal associated phoria. After the introduction of the contacts almost all patients have lowered the threshold of pain. All the patients showed a change in posture after the precontact removal.
Conclusions. The study shows that an occlusal precontact, even though minimal, is suffi cient to induce a change in the vision and postural zones, and in the mandibular kinematics.



Articoli correlati

Diversi studi di letteratura riportano che anche nei bambini il russare e l’apnea ostruttiva notturna (OSA) sono relativamente frequenti, con una prevalenza del 27% e del 5,7%...

di Lara Figini


La prevalenza di edentulismo tra gli anziani di età ≥65 anni fortunatamente sta diminuendo in gran parte del mondo industrializzato, mentre è in aumento nei paesi in via di...

di Lara Figini


Noi dentisti sappiamo che il diastema è una maleocclusione la cui prevalenza decresce con il passare degli anni. Il picco è a 6 anni (98% dei bambini) scende al 49% a 11 anni e si...


La tecnica Invisalign® è presente sul mercato fin dal 1997, utilizzata in tutto il mondo da più di 16 anni. (1) Questa tecnica sicuramente è rivoluzionaria nel settore...


Altri Articoli

Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Gli iscritti in ritardo con i pagamenti potranno godere di una serie di agevolazioni, ridotte le sanzioni per chi si mette in regola prima dell’accertamento


Sconti per i soci ma anche l’impegno a non operare in forma diretta verso i pazienti


Udienza alla FNOCMeO, Papa Francesco ai medici: non assecondate la volontà di morte del malato


Dentisti e laboratori odontotecnici analizzano il giudizio dato dagli Indici di Affidabilità Fiscale. Ecco chi si può sentire in regola e chi no


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi