HOME - Strumenti e Materiali
 
 
01 Giugno 2010

Ricostruzioni dentarie a lungo termine

di M. Basso, J. Nowakowska, C. Boggian, S. Corbella


Obiettivi. Valutare possibilità di utilizzo, resistenza, efficacia, aspetto estetico ed eventuali problematiche di un cemento vetroionomerico ad alta viscosità, quando utilizzato per restauri a lungo termine di elementi dentari.
Materiali e metodi. I cementi vetroionomerici sono materiali di introduzione piuttosto recente in odontoiatria, essendo comparsi sul mercato solo negli anni Settanta. Sono stati impiegati, negli anni, come materiali da ricostruzione, da cementazione, da otturazione temporanea, da sigillatura. Sono stati selezionati pazienti che richiedevano l’esecuzione di ricostruzioni dentarie di tutte le Classi di Black; sono stati inclusi sia denti vitali che non vitali, mentre sono stati esclusi dalle valutazioni le ricostruzioni temporanee di tipo pre-endodontico e l’applicazione del cemento vetroionomerico come fondino di protezione. È stato predisposto un questionario in modo da rilevare direttamente dai pazienti eventuali problematiche come sensibilità, dolore alla masticazione o intolleranze al materiale.
Risultati e conclusioni. Nel giugno 2009 sono stati arruolati 125 pazienti, per un totale di 184 ricostruzioni. Il follow-up medio è stato di 6,9 mesi, con un massimo di 17,9 mesi e un minimo di 2,1. Nell’arco dello studio sono andate perse, rotte o seriamente alterate 4 ricostruzioni, per un totale di sopravvivenza del 99,5% a 3 mesi, del 98,4% a 6 mesi, del 97,9% a 12 e ancora del 97,9% a 18 mesi. Alla luce dei parametri analizzati e della percentuale di sopravvivenza, un sistema basato su un cemento vetroionomerico ad alta viscosità e un rivestimento acrilico fotopolimerizzabile sembra possedere tutte le caratteristiche per rappresentare un’alternativa per ricostruzioni dentarie a lungo termine.



Articoli correlati

Come per la maggior parte delle malattie croniche, è possibile evitare l’insorgenza e l’avanzamento della parodontite tenendo sotto controllo i fattori causali.Controllare il...

di Lara Figini


La fluorosi è una condizione cronica causata dall'eccessiva ingestione di fluoro. Ciò determina un’alterata formazione dello smalto, caratterizzata dall’ipomineralizzazione,...

di Simona Chirico


La carie dentale continua a essere un grave problema di salute pubblica per tutte le fasce d’età, soprattutto per le popolazioni più disagiate, nonostante l’introduzione da più di...

di Lara Figini


E' stato dimostrato ampiamente che spazzolare i denti regolarmente con un dentifricio contenente fluoro riduce l'insorgenza di carie dentale [Marinho V. 2003]. Il suo meccanismo d'azione è...


Altri Articoli

La Regione conferma vaccinazione per tutti gli operatori sanitari e di interesse sanitario. Per i non iscritti all’Ordine la prenotazione deve essere fatta singolarmente


Sinergia Associazione Italiana Odontoiatri-Tokuyama: i soci riceveranno un "Welcome kit" fino al 30 aprile


Il prof. Gagliani pone l'attenzione su di una ricerca che evidenza come la scienza dei materiali e l’intelligenza artificiale possa contribuire a rendere l’ambiente poco ospitale per i virus

di Massimo Gagliani


L’Ordinanza del Generale Figliulo con le nuove priorità di vaccinazione potrebbe coinvolgere anche tutte le figure presenti in studio. Per l’ANTLO, anche gli odontotecnici  


Il mercato chiederà meno vendita diretta e più assistenza e consulenza, ipotizza Maurizio Quaranta (ADDE) evidenziando la difficoltà per i depositi di trovare un ricambio generazionale qualificato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente