HOME - Strumenti e Materiali
 
 
01 Aprile 2011

Analisi degli effetti della terapia con distalizzazione molare

di R. Lione, G. Laganà, P. Cozza


Obiettivi. Scopo del nostro lavoro è stato quello di confrontare i dispositivi distalizzanti ad ancoraggio intraorale con quelli ad ancoraggio extraorale evidenziando vantaggi e svantaggi di ogni strumento attraverso l’analisi qualitativa e quantitativa degli effetti scheletrici e dentali riportati in letteratura.
Materiali e metodi. In accordo con i criteri di inclusione e di esclusione, sono stati selezionati 37 lavori scientifici prospettici e retrospettivi. Per ogni studio sono stati analizzati i seguenti valori per evidenziare le modificazioni scheletriche sagittali e verticali indotte dal trattamento di distalizzazione molare: SNA°, SNB°, FMA°, SN-PP°, LFH. Sono stati valutati inoltre, gli effetti dentali relativamente al rapporto tra il movimento distale dei primi molari superiori e la perdita di ancoraggio dei denti nei settori anteriori dell’arcata mascellare sia per i dispositivi intra-orali sia per quelli extra-orali.
Risultati. Dall’analisi dei risultati esaminati nei singoli lavori gli effetti sul piano sagittale si evidenziano con una significativa riduzione dell’angolo SNA° nei campioni trattati con distalizzatori extraorali (-1.88°), mentre tale valore tende ad aumentare in maniera non significativa nei campioni trattati con distalizzatori intraorali (+0,14°). L’angolo SNB° varia con un intervallo compreso tra -0,55° e -0,35° e le modificazioni non sono significative. L’analisi della divergenza mostra variazioni non significative dell’inclinazione del piano mandibolare (FMA°) e del piano palatale (SN-PP°) pari a +0,36° e +0,45° rispettivamente. L’altezza facciale antero-inferiore (ANS-Me) tende ad aumentare in media di +1.05 mm. Nei campioni trattati con distalizzatori extraorali i premolari e gli incisivi superiori seguono il movimento, statisticamente significativo, dei primi molari (3 mm).
Nei campioni trattati con distalizzatori intraorali la perdita di ancoraggio statisticamente significativa è in media di 2,17 mm per il secondo premolare; 1,5 mm per il primo permolare; 1,43 mm per gli incisivi centrali.
Conclusioni. Entrambi i tipi di apperecchiature permettono di distalizzare i molari fino al raggiungimento di una I Classe dentale. I dispositivi ad ancoraggio extra-orale garantiscono un movimento corporeo dei molari in direzione distale senza compromissione delle corrette inclinazioni dentali nei settori anteriori. Pendulum, first class, distal-jet e jones-jig provocano una distalizzazione dei molari con la concomitante mesializzazione dei premolari e un aumento della vestibolarizzazione degli incisivi mascellari.
I dispositivi ad ancoraggio extra-orale richiedono la collaborazione del paziente per periodi di trattamento superiori a un anno mentre tutti i dispositivi ad ancoraggio intra-orale hanno come effetto indesiderato la mesializzazione dei premolari e un aumento della vestibolarizzazione degli incisivi mascellari.



Articoli correlati

Nel 1997 a Milano, la Consensus Conference tenutasi sul problema della interrelazione tra postura e occlusione si era conclusa con l’elaborazione di un documento che sosteneva come non vi fossero...


In specifici casi, la rimozione di un incisivo mandibolare può facilitare notevolmente il trattamento ortodontico.Vi sono 2 indicazioni principali:grave affollamento...

di Davide Elsido


ObiettiviÈ stata valutata l'efficacia dei dispositivi funzionali (FJO) associati alla trazione extraorale (EOT) rispetto ai soli apparecchi funzionali nella correzione scheletrica della...


Obiettivi. L’obiettivo della presente ricerca è stato la valutazione degli effetti del trattamento di un dispositivo intraorale per la distalizzazione unilaterale o bilaterale dei molari.Materiali...


Altri Articoli

Il prof. Gagliani pone l'attenzione su di una ricerca che evidenza come la scienza dei materiali e l’intelligenza artificiale possa contribuire a rendere l’ambiente poco ospitale per i virus

di Massimo Gagliani


Che fosse nato male il D.L. 44/21 lo avevo già sottolineato nello scorso DiDomenica, ma non avrei immaginato che venisse sconfessato dopo neppure una settimana dalla sua...

di Norberto Maccagno


In attesa del Decreto con modalità operative, l’ENPAM ha dato il via libera alla procedura online per individuare i medici e gli odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero 


Si avvicina (nuovamente) la scadenza che obbligherà gli studi ad avere solo ASO qualificati. Ecco gli scenari per i già assunti, chi potrà essere assunto fino al 20 aprile e chi dopo


Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiali i Decreti firmati dal Ministro della Salute Roberto Speranza attraverso i quali assegna le deleghe al sottosegretario alla...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente