HOME - Strumenti e Materiali
 
 
01 Aprile 2011

Analisi degli effetti della terapia con distalizzazione molare

di R. Lione, G. Laganà, P. Cozza


Obiettivi. Scopo del nostro lavoro è stato quello di confrontare i dispositivi distalizzanti ad ancoraggio intraorale con quelli ad ancoraggio extraorale evidenziando vantaggi e svantaggi di ogni strumento attraverso l’analisi qualitativa e quantitativa degli effetti scheletrici e dentali riportati in letteratura.
Materiali e metodi. In accordo con i criteri di inclusione e di esclusione, sono stati selezionati 37 lavori scientifici prospettici e retrospettivi. Per ogni studio sono stati analizzati i seguenti valori per evidenziare le modificazioni scheletriche sagittali e verticali indotte dal trattamento di distalizzazione molare: SNA°, SNB°, FMA°, SN-PP°, LFH. Sono stati valutati inoltre, gli effetti dentali relativamente al rapporto tra il movimento distale dei primi molari superiori e la perdita di ancoraggio dei denti nei settori anteriori dell’arcata mascellare sia per i dispositivi intra-orali sia per quelli extra-orali.
Risultati. Dall’analisi dei risultati esaminati nei singoli lavori gli effetti sul piano sagittale si evidenziano con una significativa riduzione dell’angolo SNA° nei campioni trattati con distalizzatori extraorali (-1.88°), mentre tale valore tende ad aumentare in maniera non significativa nei campioni trattati con distalizzatori intraorali (+0,14°). L’angolo SNB° varia con un intervallo compreso tra -0,55° e -0,35° e le modificazioni non sono significative. L’analisi della divergenza mostra variazioni non significative dell’inclinazione del piano mandibolare (FMA°) e del piano palatale (SN-PP°) pari a +0,36° e +0,45° rispettivamente. L’altezza facciale antero-inferiore (ANS-Me) tende ad aumentare in media di +1.05 mm. Nei campioni trattati con distalizzatori extraorali i premolari e gli incisivi superiori seguono il movimento, statisticamente significativo, dei primi molari (3 mm).
Nei campioni trattati con distalizzatori intraorali la perdita di ancoraggio statisticamente significativa è in media di 2,17 mm per il secondo premolare; 1,5 mm per il primo permolare; 1,43 mm per gli incisivi centrali.
Conclusioni. Entrambi i tipi di apperecchiature permettono di distalizzare i molari fino al raggiungimento di una I Classe dentale. I dispositivi ad ancoraggio extra-orale garantiscono un movimento corporeo dei molari in direzione distale senza compromissione delle corrette inclinazioni dentali nei settori anteriori. Pendulum, first class, distal-jet e jones-jig provocano una distalizzazione dei molari con la concomitante mesializzazione dei premolari e un aumento della vestibolarizzazione degli incisivi mascellari.
I dispositivi ad ancoraggio extra-orale richiedono la collaborazione del paziente per periodi di trattamento superiori a un anno mentre tutti i dispositivi ad ancoraggio intra-orale hanno come effetto indesiderato la mesializzazione dei premolari e un aumento della vestibolarizzazione degli incisivi mascellari.



Articoli correlati

Nel 1997 a Milano, la Consensus Conference tenutasi sul problema della interrelazione tra postura e occlusione si era conclusa con l’elaborazione di un documento che sosteneva come non vi fossero...


In specifici casi, la rimozione di un incisivo mandibolare può facilitare notevolmente il trattamento ortodontico.Vi sono 2 indicazioni principali:grave affollamento...

di Davide Elsido


ObiettiviÈ stata valutata l'efficacia dei dispositivi funzionali (FJO) associati alla trazione extraorale (EOT) rispetto ai soli apparecchi funzionali nella correzione scheletrica della...


Obiettivi. L’obiettivo della presente ricerca è stato la valutazione degli effetti del trattamento di un dispositivo intraorale per la distalizzazione unilaterale o bilaterale dei molari.Materiali...


Altri Articoli

Stimata ed apprezzata, fino all’ultimo ha lavorato per il bene della professione con tenacia, impegno ed entusiasmo. Molti i messaggi di ricordo delle sue colleghe e dei dirigenti delle...


Scoperti a Torino ed in provincia di Piacenza. L’Ordine di Brescia invia gli elenchi dei sospesi al NAS per effettuare verifiche


Circolare della FNOMCeO agli Ordini provinciali con le prime indicazioni sui passaggi per ottemperare a quanto disposto con il nuovo Decreto su estensione dell’obbligo vaccinale 


Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi