HOME - Strumenti e Materiali
 
 
11 Aprile 2012

Effetto della quantità di tessuti coronali sulla resistenza di denti restaurati con perni

di Roberto Sorrentino, Francesca Monticelli, Cecilia Goracci, Fernando Zarone, Franklin R. Tay, Franklin Garcia-Godoy, Marco Ferrari


Obiettivi
Confrontare la resistenza a frattura e il tipo di fallimento di denti devitalizzati con un numero progressivamente ridotto di pareti coronali residue, ricostruiti con compositi e perni in fibra di vetro.

Materiali e metodi
Novanta premolari sono stati devitalizzati e suddivisi come segue: gruppo 1: 4 pareti; gruppo 2: 3 pareti; gruppo 3: 2 pareti; gruppo 4: 1 parete; gruppo 5: 0 pareti. I gruppi da 2 a 5 sono stati suddivisi in due sottogruppi: ricostruiti senza e con perni in fibra. I campioni sono stati fratturati e analizzati statisticamente.

Risultati
Sono stati registrati i seguenti valori di frattura: 5a > 5b > 4b > 3b > 1 > 4a > 2b > 3a > 2a.

Conclusioni
I perni hanno determinato prevalentemente fratture restaurabili. Il numero di pareti residue ha influenzato la resistenza a frattura.



Articoli correlati

Una valida alternativa ai perni metallici realizzati in laboratorio

di Massimo Gagliani


Obiettivi. Verificare, attraverso la valutazione del modulo elastico, se l’impiego di comuni compositi duali fluidi per la contemporanea cementazione di perni endocanalari in fibra e ricostruzione...


Allo stato attuale, l’utilizzo di corone singole supportate da impianto è diventato l’approccio di prima scelta per la sostituzione di un dente singolo, specialmente quando...

di Lara Figini


Dati di uno studio in vitro su corone in disilicato di litio con preparazione endocrown e metodica CAD/CAM

di Lara Figini


Altri Articoli

La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


Per l’Ospedale Fatebenefratelli all’Isola Tiberina di Roma sono 9700 nuovi casi in un anno in Italia. Attivata campagna di prevenzione con visite gratuite


Intelligenza artificiali, immagini e stampanti in 3D, staminali rigeneratrici. Come cambiano gli specialisti che curano e riabilitano il cavo orale. Anche la prevenzione dei danni da fumo trova nuove...


Il punteggio medio nazionale registrato tra gli idonei è di 35,23. Ecco le previsioni dei punteggi minimi necessari per entrare senza aspettare i "ripescaggi" a medicina ed odontoiatria 


I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi