HOME - Strumenti e Materiali
 
 
19 Marzo 2013

Cementi endodontici con azione antibatterica

I futuri sealers per endodonzia saranno rinforzati con agenti antibatterici

di Cosma Capobianco


Oramai la strada è segnata: i cementi per endodonzia dei prossimi anni saranno rinforzati da agenti batterici per aumentare le possibilità di successo del trattamento. Sono sempre più numerose le prove di efficacia sperimentale dei cementi addizionati di prodotti specifici; tra quelli in prima fila i derivati dell'ammonio quaternario, cloruro di benzalconio e cloruro di cetilpiridinio. Uno degli ultimi articoli è uscito lo scorso dicembre sulla rivista Endodontic Practice (Kfir et Antibacterial endodontic sealers: incorporation of quaternary ammonium polyethylenimine nanoparticles into epoxy-based and zinc oxide-eugenol-based sealers).
Non c'è dentista che non si sia imbattuto in un fallimento endodontico dopo avere eseguito un trattamento apparentemente corretto; l'anatomia delle radici, specialmente nei poliradicolatii, non permette una disinfezione sicura. Ecco perché i  tecnici stanno sperimentando l'aggiunta di antibatterici ai normali cementi endodontici, alla ricerca di una formulazione sicura che ne eviti la dispersione oltre apice. Il lavoro di Kfir e coll è interessante anche perché la molecola usata (un derivato iminico dell'ammonio quaternario, abbreviata con la sigla PEI) era in formato "nano", cioè di dimensioni pari a milionesimi di millimetro. Il PEI è stato aggiunto in piccola quantità (2%) a due noti cementi endodontici (uno di tipo epossidico e uno con ossido di zinco-eugenolo) che poi sono stati messi a contatto di una coltura di Enterococcus faecalis, un batterio spesso associato ai fallimenti endodontici. L'elevato effetto antibatterico dei cementi modificati si è mantenuto anche dopo 4 settimane e fa ben sperare per la sua prossima commercializzazione. Risultati buoni sono stati ottenuti anche aggiungendo cloruro di benzalconio e, in misura minore, cloruro di cetilpiridinio. Ricerche simili e con incoraggianti risultati sono state condotte anche sulle resine composite, addizionandole all'1% di nanocomposti derivati dall'ammonio quaternario. Ora tutto questo dovrà superare la prova della sperimentazione clinica, dove intervengono molti fattori che in una capsula di Petri non sono presenti. Finora tali soluzioni sono state sperimentate su volontari che hanno portato per poche ore un apparecchio rimovibile in resina addizionato di PEI; dopo di ciò gli indicatori di vitalità del biofilm orale risultavano pesantemente colpiti.

Articoli correlati

Dalla 2D alla diagnostica 3D, imparare a dimenticare una visione diagnostica e apprenderne un’altra. L'esperienza di Daniele Benedetti Forastieri e Daniele Godi 


L’uso di blocchetti di resina composita CAD/CAM rappresenta oggi una valida alternativa a quelli in ceramica in restaurativa e protesi. Infatti, come è possibile vedere in...

di Simona Chirico


L’utilizzo della sistematica CAD/CAM negli ultimi anni è sempre più diffusa in tutti gli ambiti dell’odontoiatria. Il processo digitale di solito è efficiente in termini di...

di Lorenzo Breschi


Lo scopo di questo studio, pubblicato su Dental Materials, era di stimare la resistenza alla fatica ciclica di premolari restaurati con due tipologie differenti di ceramiche...

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Insediati i nuovi organi direttivi 2021-2024, Giudo Giustetto confermato presidente OMCeO. Ecco nomi e cariche della nuova Commissione Albo Odontoiatri


Dai dati Ebipro, durante il lockdown tra tutti gli studi professionali sono stati i dentisti quelli che hanno presentato più domande. Ora ad essere in crisi sono altre professioni 


L’Ateneo palermitano ha realizzato una serie di strumenti e materiale informativo per dare risposte chiare e semplici ai quanti chiedono informazioni 


Con il nuovo stand espositivo virtuale, VOCO offre l’opportunità di informarsi rapidamente e in modo completo su prodotti, offerte e opzioni per il flusso di lavoro digitale ...


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio