HOME - Agorà del Lunedì
 
 
14 Dicembre 2020

Endocrown: una vecchia novità

Perché questa metodica ricostruttiva non sembra incontrare i favori della gran parte dei clinici? Alcune considerazioni sul tema del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


La ricostruzione dei denti trattati endodonticamente è sempre un tema che affascina la comunità odontoiatrica; miriadi di soluzioni sono state proposte e una serie di “mode” sono state seguite e sconfessate.

Ci si è anche interrogati a lungo sui reali vantaggi che una ricostruzione potesse avere nei riguardi del trattamento endodontico sottostante, come se fosse rilevante o irrilevante dare una funzione e una corretta collocazione spaziale all’elemento dentale “vittima” di quella menomazione. 

Ultimamente si parla di “endocrown”, mirabile sintesi anglosassone che ingloba in una parola quello che noi potremmo riassumere con la frase “corona con ritenzione endocanalare eseguita con materiale monolitico”. 

L’ossimoro “vecchia novità” mi viene dall’amico e maestro Roberto Spreafico che, con il suo spirito discreto e indagatore, ha trovato le origini di questo tipo di ricostruzione che possono essere attribuite a un autore francese, Patrick Pissis , che mutuò a sua volta i concetti ispiratori da una vecchia conoscenza del mondo odontoiatrico, ovvero la cosiddetta “Corona tipo Richmond”, la cui storia è nota a tutti. L’avvento di nuovi materiali, e soprattutto delle nuove metodiche digitali, ha permesso di costruire, con grande facilità, questi restauri che fondano le loro basi su un’altra vecchia innovazione della quale ci nutriamo quotidianamente: l’adesione a smalto e dentina. 

Eppure, sarà il retaggio delle “corone tipo Richmond che spaccavano i denti”, sarà la diffidenza verso concetti di biomeccanica che, peraltro, la letteratura ha ampiamente dimostrato essere validi, questa metodica ricostruttiva non sembra incontrare i favori della gran parte dei clinici. 

Sarà pur vero che di fronte a un problema complesso c’è una facile soluzione, quella sbagliata, ma siamo così sicuri che la ricostruzione dei denti trattati endodonticamente sia un rompicapo su cui arrovellare le nostre esistenze?

In calce qualche recentissimo articolo che può darvi delle ispirazioni.  

Articoli correlati

agora-del-lunedi     25 Luglio 2022

Questa è meravigliosa!

Non sempre le nuove tecnologie hanno interfacce così intuitive da essere assimilabili in poco tempo. Da questa constatazione nata dalla lettura di un lavoro scientifico, le considerazioni del prof....


Una due giorni di formazione teorico pratica dedicata alla Microchirurgia endodontica, con l’obiettivo di analizzare in modo approfondito, su preparati anatomici umani


Un recente studio osservazionale ha indagato quanto e se un corso formativo di endodonzia può condizionare e migliorare la qualità dei trattamenti canalari e il loro successo a...

di Lara Figini


In uno studio italiano di coorte prospettico, che verrà prossimamente pubblicato sul Journal of Endodontics, gli autori hanno determinato l'esito per denti con perforazioni radicolari trattati con...

di Lara Figini


ProTaper Ultimate è l’ultima generazione di strumenti ProTaper integrata con un concetto di disinfezione avanzata e un’otturazione dedicata


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi