HOME - Agorà del Lunedì
 
 
29 Novembre 2021

Il digitale tra odontoiatra e odontotecnico

Per il prof. Gagliani i dentisti non vogliono portare via lavoro agli odontotecnici, serve però un salto quantico da parte di entrambe le categorie, vetustamente ancorate a regole di comportamento non violabili

di Massimo Gagliani


Il crescente interesse verso le strumentazioni digitali che popolano e popoleranno sempre più, gli studi odontoiatrici è palpabile. Come è evidente una sorta di ostilità sia verso la tecnologia, sia verso le modalità di lavoro che queste nuove apparecchiature consentono. 

Inutile dire che il digitale venne introdotto per una necessità clinica evidente: il sistema assicurativo svizzero e tedesco rimborsava a prezzi enormemente vantaggiosi i restauri indiretti. Per attutirne i costi si congegnò il sistema cosiddetto “chair-side”, fine anni ottanta, secolo scorso. 

Da allora, un illustre clinico definì quei manufatti blocchi di ceramica immersi in un lago di resina, si è giunti a oggi con una raffinatezza e un controllo non paragonabili. 

Rimane il fatto che la tecnica del dentista-odontotecnico non piace a nessuno: non piace a dentisti che tradizionalmente non amano il mestiere del banco, non piace agli odontotecnici che si vedono defraudati di un ruolo. 

Quello che emerge, alla fine di questo sottile dissidio, è l’incapacità di fare un salto quantico da parte di entrambe le categorie, vetustamente ancorate a regole di comportamento non violabili; da quando faccio questo mestiere uno dei fenomeni che mi ha sempre affascinato è l’atteggiamento ambivalente degli odontoiatri. Da un lato sono sempre pronti a correre dietro alle novità, salvo poi pentirsene (compositi a retrazione zero, compositi simil amalgama, adesivi semplificati, iniezioni rigenera-osso….), dall’altro, forse perché scottati, infinitamente recalcitranti verso il nuovo. 

Penso che su questo nuovo EDRA & Digital Dental Academy stiano facendo uno sforzo congiunto che si coronerà con il Convegno di fine marzo alle Stelline di Milano, ma credo anche che opinioni e contributi degli odontoiatri su questa tematica possano dischiudere nuovi orizzonti su un suolo che, per oltre il 70% degli odontoiatri, risulta essere inesplorato. 

Photo Credit: dott. Roberto Spreafico 

Articoli correlati

Per la rubrica 20 Minutes Digital Workflow Riccardo Nucera illustra un caso di canino incluso risolto utilizzando una pianificazione digitale


L’evoluzione dell’odontoiatria al digitale è decisamente interessante anche per uno come me che la conosce solo dai racconti di chi la usa.  Vedere come professioni tipicamente manuali,...

di Norberto Maccagno


I dati dei sondaggi su odontoiatri, odontotecnici e pazienti e la discussione attraverso la tavola rotonda organizzata al Congresso SIPRO. Guarda la video registrazione


Disponibile online i il webinar con Franco Brenna e Massimo Gagliani in cui si ripercorre l’evoluzione del digitale in odontoiatria, le tecniche, il nuovo rapporto che si instaura con il paziente...


Negli USA si sperimenta una App per smartphone che utilizza l'intelligenza artificiale per permettere ai genitori di rilevare precocemente la carie dentale nei loro bambini

di Lara Figini


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi