HOME - Agorà del Lunedì
 
 
16 Gennaio 2022

Comprare vita ai denti

Come mai oltre la metà dei trattamenti periapicali fallisce? La domanda è lo spunto per il prof. Gagliani per fare alcune considerazioni sul tema dei ritrattamenti

di Massimo Gagliani


L’autocitazione è prassi da non perseguire; prendete quindi l’editoriale di oggi come la descrizione di un’esperienza personale che ho condiviso, in molti anni, con il dott. Fabio Gorni, grande riferimento nell’endodonzia italiana. La nostra sfera di interesse è sempre stata quella relativa ai ritrattamenti, ne abbiamo fatte e scritte di tutti i colori. 

Perché proprio i ritrattamenti? Perché oggi, in Italia e nel mondo, oltre la metà dei trattamenti endodontici eseguiti su denti con patologie pulpari e/o periapicali connesse fallisce; come mai? 

Inutile indagare a fondo queste problematiche in questo ristretto ambito: questo è. Nell’area delle patologie post-endodontiche, la sfera delle perforazioni radicolari è piccola ma significativa; rappresenta un errore iatrogeno – scagli la prima fresa chi non è incappato in una di esse – che mina significativamente la sopravvivenza dell’elemento dentale.

 I dati che avevamo acquisito negli anni scorsi parevano confortanti ma con uno sviluppo longitudinale grossolanamente infausto nel 30% dei casi; esaminando più a lunga distanza, quindici anni (l’articolo sarà presto su rivista internazionale), la percentuale di fallimento si innalza vertiginosamente. 

Fratture?  Microfratture nella zona di sigillo della perforazione? Cedimento del materiale da riparazione?Interrogativi cui stentiamo a dare una risposta definitiva ma che riteniamo possano essere essi stessi delle ipotesi diagnostiche valide. 

Perforazione uguale avulsione, quindi? Non direi; piuttosto sarei, ma dovrei dire saremmo visto l’apporto fondante del dott. Gorni, propenso a fornire questa giustificazione al fine di adottare una linea di condotta che sia la più favorevole. 

L’esame del paziente e del parodonto, più specificamente attorno all’elemento dentale da trattare, ci forniranno i primi dati: li sapremo se comprare vita a quel dente o se, invece, optare per scelte più radicali.

Comprar vita per l’elemento dentale non è mai un male; bisogna star lontani dall’accanimento terapeutico e distanti dalla superficialità che vuole il titanio migliore di cemento e dentina: non è così. 

Comprare vita significa stabilire un patto terapeutico continuativo che rinsalda il rapporto medico-paziente, l’unico che nobilita la nostra professione.  

Articoli correlati

agora-del-lunedi     25 Luglio 2022

Questa è meravigliosa!

Non sempre le nuove tecnologie hanno interfacce così intuitive da essere assimilabili in poco tempo. Da questa constatazione nata dalla lettura di un lavoro scientifico, le considerazioni del prof....


Una due giorni di formazione teorico pratica dedicata alla Microchirurgia endodontica, con l’obiettivo di analizzare in modo approfondito, su preparati anatomici umani


Un recente studio osservazionale ha indagato quanto e se un corso formativo di endodonzia può condizionare e migliorare la qualità dei trattamenti canalari e il loro successo a...

di Lara Figini


In uno studio italiano di coorte prospettico, che verrà prossimamente pubblicato sul Journal of Endodontics, gli autori hanno determinato l'esito per denti con perforazioni radicolari trattati con...

di Lara Figini


ProTaper Ultimate è l’ultima generazione di strumenti ProTaper integrata con un concetto di disinfezione avanzata e un’otturazione dedicata


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi