HOME - Agorà del Lunedì
 
 
02 Maggio 2022

Filo dritto o allineatori invisibili

Ed oltre a questo il prof Gagliani ne aggiunge altri: tradizione innovata o rivoluzione estrema? Ortodonzia del computer o progetto ortodontico finemente congegnato? In questo Agorà del Lunedì alcuni suoi spunti per la discussione


Avendo navigato molti fiumi odontoiatrici ho il privilegio di aver visitato non so quanti luoghi; dai più singolari a più stupefacenti. Avendo avuto un imbarco ortodontico nei primi anni da studente mi imbattei, frequentando il laboratorio di Nerio Pantaleoni in Bologna, bellissimi tempi, nelle bande ortodontiche, nei fili in acciaio da piegare con tutte le inclinazioni di questo mondo. Era operazione da artigiani; tuttavia, proprio in quei giorni, arrivò un signore da oltreoceano che rivoltò il gioco.  

Primo, eliminiamo le bande circonferenziali e impieghiamo i cosiddetti “brackets”, incollandoli sullo smalto secondo i dettami di Buonocore. Poi, rivoluzione nella rivoluzione, decise di far costruire i ferretti metallici con le informazioni necessarie in modo tale che il filo, impegnandosi in esso, ricevesse le sollecitazioni idonee a inclinare i denti nel modo più consono.  

Questo signore si chiamava Andrews e pubblicò all’inizio degli anni Settanta un articolo che segnò la nascita di una nuova ortodonzia: le sei chiavi dell’occlusione.  

Ebbi il piacere, per conto dell’allora direttore di Mondo Ortodontico Prof. Mario Pignanelli, di tradurre l’articolo dall’inglese e imparai un sacco di cose. Con Andrews nacque una filosofia che, in ossequio alle sue regole, si chiamò “del filo dritto”; ma Straight Wire è qualcosa di più profondo. In inglese “straight” è qualcosa di diretto, che giunge al segno e, per associazione, wire è si filo, ma è anche obiettivo finale, linea del traguardo. Ecco che, con la sintesi che solo gli anglosassoni possiedono, Straight Wire è qualcosa di lineare, senza orpelli che va diretto al fine ultimo che l’ortodontista si propone.  

Lo sintetizza con grande precisione e con ricchezza di dettagli Gualtiero Mandelli nel suo nuovo libro che ­– attraverso numerose rivisitazioni viste nel corso di questi 50 anni, tanti ne sono passati dall’articolo di Andrews – ha anche il doveroso compito di sviscerare le ragioni della tradizione verso la nuova rivoluzione ortodontica, ovvero gli allineatori invisibili.  

Qui il grande tema: tradizione innovata o rivoluzione estrema? Ortodonzia del computer o progetto ortodontico finemente congegnato? Le risposte sembrerebbero sin troppo semplici; ma proprio dalla semplificazione di Andrews nacque un nuovo modo di fare ortodonzia. Questa la sfida cui stiamo assistendo e che solo i più esperti potranno presentarci con dovizia di particolari.

Ne parleremo con diverse interviste nei prossimi giorni, sui social e su Odontoiatria 33; l’innovazione è una piacevole persecuzione a cui non ci sottraiamo.

Articoli correlati

Nel lavoro pubblicato sull’International Journal of Environmental Research and Public Health viene presentata una ricerca bibliografica al fine di analizzare sia l’estrusione ortodontica che...

di Arianna Bianchi


Questo caso presentava affollamento dentale nell’arcata superiore e inferiore risolto con allineatori trasparenti previa pianificazione digitale, dove è stata programmata una riduzione...


In uno studio clinico multicentrico, randomizzato, controllato e a gruppi paralleli, pubblicato sul Journal of Clinical Periodontology, gli autori hanno confrontato i risultati del trattamento...

di Lara Figini


AAP premia un articolo del dott. Cardaropoli. Un lavoro, commenta il prof. Gagliani, su di un tema molto interessante: la sinergia tra ortodonzia e parodontologia

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Nicola Maria Grande, presidente AIE

I partecipanti avranno l’opportunità di seguire sessioni teoriche e pratiche tenute da relatori internazionali e di esercitarsi successivamente su preparati anatomici umani ...

di Lorena Origo


Professione indispensabile per promuovere e mantenere la salute orale sul territorio anche attraverso il SSN. Per la prof.ssa Nardi serve una implementazione dei LEA

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Così cambierà l’esame di laurea. Più coinvolgimento nella valutazione dell’Albo degli odontoiatri. Entro 5 anni gli Atenei dovranno adeguarsi attivando il tirocinio pratico


L’edizione della ripresa ha lasciato sensazioni positive che uNIDI sta analizzando anche grazie ai datti di sondaggi condotti su espositori e visitatori


Per inviare le proprie candidature, c’è tempo fino al 15 settembre 2022, le premiazioni a Lisbona nel maggio 2023


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi