HOME - Agorà della Domenica
 
 
28 Settembre 2020

Sindrome del dente incrinato e denti rotti: colpa del Covid-19

La domanda lanciata nell’Agorà del Lunedì di oggi è: ci sono denti rotti da riparare più del solito? Ma prima di rispondere dovete leggere le considerazioni del prof. Gagliani


La fonte è autorevole: il New York Times, non l’Eco della Provincia, un dentista di Manhattan, dopo il “lock-down” riapre lo studio e si ritrova decine di pazienti con la “sindrome del dente incrinato” o, peggio ancora, con i denti rotti.  

Cinicamente viene da dire, che meraviglia! 

La genesi è certa: lo stress da clausura, magari con la moglie o l’amante a fare da moltiplicatore, alimenta il male del ventunesimo secolo, il digrignamento, e le usure si evidenziano in tempi celeri.

La “consecutio” pare disarmante nella sua semplicità. Casualmente la risposta scientifica non tarda ad arrivare e la fornisce il numero del mese di ottobre di Dental Cadmos dove un interessantissimo articolo di colleghi romani esamina l’incidenza di vari fattori nelle patologie che generano disfunzioni all’articolazione temporo-mandibilare. Tra essi il serramento sembra avere la preponderanza; esso si manifestava circa nel 10% circa dei pazienti esaminati nel corso degli anni novanta mentre si attesta su valori oltre il 60% nella popolazione contemporanea. 

C’è un altro dato non meno rilevante: gli ultimi rilievi epidemiologici parlano di una cospicua fetta di popolazione con denti naturali con dati percentuali in graduale aumento, che dovrebbero essere ulteriormente parametrati all’aumento della popolazione anziana. 

Alla fine, uno più uno…., la parte di denti che è presente nelle arcate dentarie dei pazienti pare in significativo aumento e risulta essere, dato l’incremento delle parafunzioni, suscettibile di frattura

Aggiungiamo lo stress da virus e il quadro è quello di Manhattan. Sarà così anche in Italia?  

Personalmente ho avuto una ripresa del lavoro vigorosa, però siamo stati fermi due mesi abbondanti, credo che sia naturale. Denti rotti da riparare non più del solito, tuttavia sarebbe una buona domanda alla quale i nostri lettori potrebbero rispondere.


Photo Credit: New York Times

Articoli correlati

Se ci fosse un indicatore per il cambiamento nella musica, questo finirebbe fuori scala se volesse misurare quanti e quali cambiamenti Miles Davis ha compiuto da quando,...

di Massimo Gagliani


“That’s all right?”, chiede il prof. Gagliani ai colleghi, tormentati, alle prese con la necessità di cambiare ma con la paura di sbagliare 

di Massimo Gagliani


Gli interventi del prof. Gagliani cambiano giorno ma non lo spirito: commentare l’evoluzione dell’odontoiatria con occhio interessato, entusiasta ma soprattutto: obiettivo

di Massimo Gagliani


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Il prof. Gagliani: si deve lavorare per rendere coscienti le popolazioni sul valore della prevenzione per farlo percepire come un investimento, ma non è semplice farlo

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


E’ possibile recuperare le ore mancanti e in attesa di recuperarle l’ASO può comunque essere assunto? Il parere di ANDI, IDEA e del SIASO 


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Immagine d'archivio

Dopo la sentenza del Tar era tornato il “concorsone”,  ma adesso i giudici del Consiglio di Stato hanno riabilitato il TolC test online. Cosa potrà cambiare?


Obiettivo: formare in real time i professionisti del dentale attraverso la realtà aumentata attraverso un'esperienza di apprendimento personalizzata con consulenze live a distanza


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


La norma contenuta nel Decreto PNRR non convince il Sindacato Italiano Medici di Medicina Ambulatoriale e del Territorio (SIMMAT)


A poche settimane dalla scadenza per la re-iscrizione al Registro dei fabbricanti, una utile guida di ANTLO per capire e determinare la classe di rischio dei dispositivi fabbricati


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi