HOME - Approfondimenti
 
 
20 Gennaio 2016

730 precompilato, possibile una (breve) proroga. Orlandi (Agenzia delle Entrate) sulle sanzioni andremo a verificare caso per caso


"Stiamo valutando di posticipare di qualche giorno il termine per l'invio dei dati attraverso il Sistema Tessera Sanitaria, ma non possiamo fare di più".

A dirlo è il direttore dell'Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi durante l'audizione avvenuta questa mattina in Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria della Camera, rispondendo alle domande dell'On. Michele Pelillo (PD), lo stesso che ha presentato alcuni degli emendamenti proposti da ANDI tra cui quello sul non invio dello spesometro,

"Una proroga o addirittura il posticipare il termine dell'invio dei dati -ha continuato il direttore Orlandi- penalizzerebbe quei 20 milioni di cittadini che sono interessati dal 730 precompilato e che non otterrebbero i rimborsi delle spese sanitarie sostenute".

Poi ci sono i problemi tecnici per i quali il direttore dell'Agenzia delle Entrate ha detto che si sta cercando di risolvere con il Sogei (il gestore della parte informatica del sistema).

Secondo la Orlandi una proroga, anche di pochi giorni, farebbe "saltare il sistema" impedendo di poter inserire in tempo i dati delle spese sanitarie nel 730 che verrà inviato ai contribuenti interessati a metà aprile.

"Dobbiamo rispettare la scadenza di un mese imposta dal Garante della privacy" che prevede, dal 1 al 29 febbraio, la possibilità per il contribuente interessato dal 730 precompilato di accedere alla piattaforma informatica delle Entrate ed eventualmente inibire il dato sulla spesa sostenuta.

"Una proroga posticiperebbe la data dalla quale sarebbe possibile per il Sogei cominciare a lavorare i dati ricevuti che devono essere inviati entro la metà aprile", troppo poco tempo spiega il direttore Orlando assicurando che "cercheremo di fare il possibile per agevolare i professionisti senza penalizzare i contribuenti".

On. Pelillo che chiede chiarimenti anche in tema di sanzioni, evidenziando come sia stato "troppo generico" indicare che non verranno sanzionati i "ritardi lievi".

"Ma non si può quantificare meglio il ritardo lieve per evitare incomprensioni", chiede il deputato del Partito Democratico. "Indicando la scadenza tollerata si potrebbe -aggiunge- di fatto dare una proroga che altrimenti potrebbe essere inserita sotto forma di emendamento nel Milleproroghe".

"Il termine lieve ritardo -ha risposto il direttore Orlandi- è un termine utilizzato in giurisprudenza. E' comunque difficile e rischioso indicare una data precisa. Se indichiamo con precisione il ritardo consentito, questo viene inteso da tutti come la reale data di scadenza e tutti sono legittimati a inviare i dati nell'arco temporale del ritardo concesso".

Sulle sanzioni il direttore delle Entrate ricorda come per il 730 precompilato per la prima volta si coinvolgano soggetti privati (dentisti e medici NdR) per l'invio di dati fiscali all'Agenzia delle Entrate "chiedendo la loro collaborazione". "Non possiamo in questa fase -aggiunge- essere repressivi ma lo spirito deve essere quello di collaborazione. Noi riteniamo che nel primo anno di attuazione della norma, per lieve ritardo e per errori lievi nella compilazione non di debba sanzionare i professionisti. Non ha senso in questa fase collaborativa". "Però -chiarisce- se i dati non li trasmettono non possiamo dare il servizio al cittadino, per questo valuteremo di volta in volta a seconda dell'eventuale sanzione contestata".

Direttore Orlandi che sul tema della richiesta di posticipare la data di scadenza va oltre le problematiche tecniche affermando che "la richiesta di proroga è però un sistema tutto italiano: si aspetta all'ultimo momento a fare quanto indicato. Noi siamo pronti da 9 mesi. Nel novembre 2014 si è partiti a predisporre i provvedimenti necessari attraverso incontri con tutti gli organismi istituzionali interessati ed anche gli Ordini. Nei provvedimenti attuativi approvati nel luglio 2015 c'era scritto esattamente cosa e come fare".

Direttore Orlandi che forse dimentica che medici e dentisti liberi professionisti possono accedere al Sistema Tessera Sanitaria solamente da fine novembre e che il STS è attivo in tutte le sue funzionalità solo dal 16 gennaio scorso.

Norberto Maccagno

Articoli correlati

In Gazzetta Ufficiale le tabelle ACI per i rimborsi chilometrici 2020, utili per quantificare rimborsi dei collaboratori odontoiatri e dipendenti. Ecco quando è possibile


La Cassazione si esprime sulla possibilità di una società di servizi odontoiatrici di poter scaricare le spese immobiliari anche se tra i soci c’è anche il professionista che occupa l’immobile


Il MEF vara VeRa, il nuovo segugio informatico per stanare l’evasore fiutando nelle (tante) banche dati ministeriali e non. Ecco come funzionerà


Non solo come poter detrarre la prestazione sanitaria o la riparazione della dentiera, ma anche cosa deve essere indicato in fattura per evitare contestazioni ai pazienti


Oltre ad essere un obbligo, il “Fisco” prevede anche un (piccolo) vantaggio per i professionisti e le imprese che utilizzano sistemi di pagamento o incasso tracciabili


Riprende il Commissione Sanità del Senato il percorso Ddl Gelli, sulla responsabilità professionale sanitaria. Tra gli emendamenti approvati in commissione quello proposto dal Senatore...


Sostenibilità e sicurezza, welfare di categoria, gestione del patrimonio e sostegno al Sistema Italia. Sono le quattro sfide affrontate dall'ENPAM, ente di previdenza e assistenza dei medici e...


Il Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha approvato in via definitiva lo schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non...


Entro oggi mercoledì 20 Aprile imprese e professionisti italiani devono inviare i dati delle operazioni ai fini Iva (acquisti e vendite) attraverso lo Spesometro.Dopo le richieste di...


Botta e risposta tra l'Agenzia delle Entrate ed i medici e dentisti in Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Dopo l'audizione della FNOMCeO svoltasi la scorsa settimana,...


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi