HOME - Approfondimenti
 
 
29 Ottobre 2018

Dentista condannato per mancate indicazioni su igiene orale. Preoccupazione OMCeO Milano: snaturato il rapporto medico/paziente


La notizia data da Odontoiatria33 sulla sentenza della Corte di Appello de L’Aquila che ha confermato la condanna di un dentista che non era riuscito a dimostrare di aver dato, a una sua paziente, tutte le informazioni necessarie per assicurare una corretta igiene orale, oltre a scatenare il dibattuto sulla nostra pagina Facebook ha provocato la reazione ufficiale dell’OMCeO di Milano che attraverso il suo presidente esprime “preoccupazione”.             

“Le motivazioni della sentenza caricano sul dentista l’onere di provare che ha svolto una corretta informazione al paziente anche in merito a concetti universalmente noti relativi all’importanza dell’igiene orale – commenta Roberto Carlo Rossi presidente OMCeO Milano.             

“È ciò che fanno tutti i dentisti e che infatti, leggendo la sentenza, il Collega sembra aver fatto con coscienza. Ecco perché ritenere che tale adempimento debba sempre essere accompagnato da una prova inconfutabile (per esempio uno scritto controfirmato dalla paziente) a me pare paradossale” – spiega Andrea Senna (nella foto), presidente CAO di Milano. 

“Guardo alla sentenza con preoccupazione perché fa giurisprudenza ed il suo impatto va ben al di là dell’ambito locale. Paradossalmente, un medico (soprattutto se libero-professionista, in base alla Legge Gelli), potrebbe essere condannato per non aver prescritto formalmente ai suoi pazienti precise indicazioni sui corretti stili di vita a cui attenersi per evitare l’incorrere in diverse patologie. Informazioni che, di norma, sono date verbalmente” – aggiunge il presidente dell’Ordine meneghino.  

“Sentenze come questa - conclude Roberto Carlo Rossi – snaturano il rapporto medico-paziente e spingono inevitabilmente il medico e l’odontoiatra in direzione della ‘medicina difensiva’, perché dovendosi tutelare economicamente e professionalmente, a fianco di un maggior numero di adempimenti formali, sarà portato a definire prescrizioni aggiuntive a sostegno di possibili, futuri contenziosi”. 

Articoli correlati

Per i due finti dentisti quasi due anni di reclusione la condanna, per l’odontoiatra un anno. Le pene sono state sospese


Lo ribadisce una sentenza della Corte di Cassazione che ribalta la decisione del Tribunale di Torino che aveva assolto il medico. Per la Suprema Corte l’iscrizione è condizione imprescindibile


La Cassazione dispone che l’esercizio abusivo della professione produce reddito d’impresa e non di lavoro autonomo e quindi sono rilevanti gli accertamenti bancari per provare...


Le motivazioni della contestazione devono però essere dettagliate e l’indicazione del nominativo deve essere riportato solo sui messaggi pubblicitari


Concessi danni per mancato guadagno mentre respinta la richiesta di danno alla reputazione professionale derivante dalla mancata reperibilità


Altri Articoli

Fiorile: viene ribadito quanto da sempre sosteniamo, la pubblicità sanitaria può essere solo informativa e vigilata dall’Ordine


A ricordarlo è il presidente Cacioppo (RAD) sottolineando come la sentenza (erroneamente) insinua che l’attività odontoiatrica sia limitata alla sola terapia e che invece la diagnosi sia...


Quali i rischi e quali le precauzioni che dovrebbero essere adottate nella pratica clinica per prevenire il rischio di osteonecrosi

di Arianna Bianchi


La prof.ssa Milena Cadenaro è stata eletta presidente. È a prima donna italiana a ricoprire questo incarico nella Accademia con sede a San Digo (USA)


TePe Italia si tinge di rosa e sceglie di unirsi alla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori per promuovere l’iniziativa “LILT for Women - Campagna Nastro Rosa”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi