HOME - Approfondimenti
 
 
03 Maggio 2019

La gestione extragiudiziale del contenzioso secondo la Legge Gelli: un caso “pratico”


Il contesto in cui opera il Professionista Medico Odontoiatra, oggi, si è sempre più strutturato nel senso della tutela della Salute del Paziente a 360°; in questo senso richiama l’art. 1 della L. 24/2017, più nota come Legge Gelli/Bianco, che inserisce nella tutela della salute anche il diritto alla protezione dal rischio nella somministrazione delle pratiche mediche (siano esse diagnostiche, terapeutiche o di altro genere) modulando così il diritto costituzionalmente sancito dall’art. 32. Nonostante l’interesse che questa considerazione generale solleva in ognuno di noi, ancor più urgente appare la necessità di comprendere come sia possibile operare nella prassi, bilanciando le esigenze del Paziente con le legittime nostre aspettative.

Sembra perciò interessante il caso discusso nel presente reportperché vede coinvolti quattro attori: i primi due sono intuibili, e cioè Odontoiatra e Paziente; ad essi si aggiungono, in un gioco delle parti che spesso si ripete, la Struttura e la Compagnia assicurativa.


I fatti

Il Paziente, un paio di anni addietro, si rivolge alla Struttura per una valutazione globale; la fase del piano di terapia più cospicua si rivelò essere la sostituzione di due elementi compromessi, il 2.5 ed il 2.6; la Struttura, dopo che un primo Odontoiatra (poi non coinvolto nel contenzioso) ebbe estratto gli elementi, affidò l’esecuzione delle fasi chirurgiche e protesiche ad un secondo Odontoiatra (anch’egli non coinvolto successivamente) il quale portò a compimento quanto previsto dal piano terapeutico proposto dal primo; purtroppo però la riabilitazione in 2.6 durò lo spazio di un mattino, e nel giro di pochi mesi si perse.

Un terzo Odontoiatra (il protagonista della nostra storia) nel frattempo subentrato al precedente, venne incaricato di rimediare; pose in essere una rigenerazione accompagnata da un intervento di minirialzo del seno ed attese l’osteointegrazione che però non avvenne. Constatato il fallimento della osteointegrazione, l’Odontoiatra rimosse l’impianto; questa operazione determinò una comunicazione oro-antrale.

Nell’estate del 2018 il Paziente, vuoi per il fastidio di aver già contratto impegni economici (come in genere accade nelle Strutture) a fronte di un fallimento seppur parziale, vuoi per la difficoltà di individuare un interlocutore (per il turn over degli Odontoiatri), vuoi ancora per il timore dovuto alle conseguenze della comunicazione oro-antrale, decide di adire le vie legali.

A fronte di una richiesta di risarcimento fatta dall’Avvocato del Paziente alla Struttura, la stessa comunica immediatamente, ponendo le basi della eventuale rivalsa, all’operatore chiamandolo a risponderne in solido; l’Odontoiatra perciò ne dà comunicazione alla sua Compagnia assicurativa. 

A questo punto entra in gioco il Fiduciario della Compagnia, che visita il Paziente constatando la perdita dell’implantoprotesi in zona 2.6 ma anche constatando come la comunicazione oro-antrale si fosse perfettamente chiusa e non trasformata in fistola.


La discussione medico legale

La partita venne giocata perciò dal CTP della struttura e dal Fiduciario della Compagnia; il primo sostenne che la responsabilità del danno oggettivo stesse nel non aver suturato la comunicazione dopo la rimozione della fixture implantare; ciò avrebbe determinato una patologia (sinusite odontogena mascellare) di cui avrebbe dovuto extracontrattualmente rispondere l’Odontoiatra e non la Struttura (secondo l’art. 7 della L. 24/2017).

Il Fiduciario fece però notare come le Raccomandazioni Ministeriali del settembre 2017 prevedessero la sinusite quale complicanza possibile di determinati interventi odontoiatrici, e che la condotta congrua prevista era la applicazione di una corretta terapia farmacologica e/o chirurgica; la qual indicazione era stata posta in essere dall’Odontoiatra, cui spettava poi il monitoraggio della situazione clinica reso però impossibile dalla assenza del Paziente.

Che la condotta operata fosse corretta, peraltro, lo si può dedurre anche dalla perfetta restitutio ad integrum della mucosa orale e sinusale constatata e documentata dal Fiduciario in sede di visita. 


Conclusione e considerazioni

In seguito alle considerazioni del Fiduciario si è pervenuti ad un accordo tra le parti, accordo che ha previsto un intervento economico più cospicuo da parte della Struttura, un contributo più limitato della Compagnia (che si è fatta carico del risarcimento, più o meno, della Inabilità Temporanea Parziale) a fronte di una liberatoria rilasciata dal Paziente.

Sul Collega è gravata solo la franchigia contrattuale; non ha dovuto affrontare spese legali.Il caso è stato affrontato in termini di estrema linearità perché lineare lo è davvero, ai limiti della banalità; ma non bisogna farsi ingannare, perché si presta a differenti letture. La prima, e la più semplice, è ricordare la nascita di un “fronte” di contenzioso innescato dall’art. 7 della 24/2017: quello tra le Strutture ed i Colleghi (vedi anche c. 3 dell’art 1 della stessa Legge: “Alle attività di prevenzione del rischio messe in atto dalle strutture sanitarie e sociosanitarie, pubbliche e private, è tenuto a concorrere tutto il personale …”).

La seconda, più interessante - ritengo - per gli addetti ai lavori in Odontologia Forense, è la presa d’atto del diffondersi di una cultura odontologica forense condivisa da molti stakeholders, che è precondizione sia della prevenzione che della gestione dei conflitti, con effetti deflattivi sul contenzioso; e nel caso descritto la discussione, viva ma mai accesa, tra i consulenti tecnici delle Parti è stata efficace proprio visto il comune retroterra culturale (appartenenza al ProOF) degli stessi che ha consentito una discussione concreta senza irrigidimenti, con sostanziale rispetto degli interessi reciproci; pervenendo soprattutto ad un accordo stragiudiziale che ha consentito economie a tutti i Protagonisti.

A cura di: dott. Francesco Spatafora, odontoiatra, CTU e Perito registrato presso il Tribunale di Palermo, categoria Medici, specializzazione Odontoiatria e Odontologia Forense

Articoli correlati

Una indagine Eurispes ha analizzato gli ATP sanitari del Tribunale di Roma. Nel 74% di quelli odontoiatrici, l’esito positivo è stato per il paziente


Sempre più pazienti portano in causa il proprio dentista, anche penalmente. Le cause non sempre sono causate dalla qualità della prestazione. Ne abbiamo parlato con la prof.ssa Pinchi


Il Corriere della Sera approfondisce la questione della possibilità da parte del dentista di effettuare CBCT ed avanza l’ipotesi “risarcimento”. Ma è veramente così?


Sul tema interviene la Cassazione per valutare il ricorso di una Assicurazione nei confronti di un odontoiatra soccombente nel contenzioso con un paziente


Iandolo: “Strumentalizzazione dei canali TV nazionali, danno d’immagine per tutta la categoria degli odontoiatri”


cronaca     23 Luglio 2018

Nuovo esecutivo per la SISOPD

Gaetano Ciancio eletto presidente della ex società scientifica di ANDI


Attivata piattaforma informatica e il sito per la pubblicazione delle linee guida


Chi deve farsi carico di terminare le cure nel caso che il collaborare odontoiatra interrompa la collaborazione o la struttura odontoiatrica chiuda? Il parere della SIOF


Le implicazioni legali per l’odontoiatra, unitamente ad alcune considerazioni cliniche sulla vicenda. Quali le responsabilità del clinico e come si poteva prevenire? 


Una paziente denuncia il proprio dentista per aver ingoiato un cacciavitino per impianti. Quali sono i reali rischi legali e come si poteva prevenire il fatto?


Quali sono i profili di responsabilità sanitaria che attengono all’igienista dentale, indipendentemente dalla pozione lavorativa rivestita? Il punto del dott. Ciccarelli, Medico legale...


Altri Articoli

Sesta puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution dedicata all’innovazione tecnologica e come sta modificando, in meglio, le cure odontoiatriche ma anche il rapporto con il paziente....


L’odontoiatra Dario Tamburrano torna a Strasburgo. Aveva seguito le politiche energetiche e le questioni inerenti i dispositivi medici ed in particolare la stampa 3D


Le considerazioni ed i consigli del prof. Antonio Pelliccia che ricorda che il prezzo non lo si determina solo guardando i conti ed indica 5 aspetti base da considerare


Il contributo previdenziale del 4 per cento a carico degli specialisti esterni è pienamene legittimo, e le società accreditate con il Servizio sanitario nazionale hanno l’obbligo di versarlo...


Il Premio è stato istituito nel 2021 con l'obiettivo di promuovere la ricerca in Europa e nel mondo. Inviate le vostre proposte originali in tema “salute delle gengive”...


Secondo uno studio commissionato dall'ADF, le malattie parodontali associate alle patologie correlate provocano un costo sanitario che sfiora il miliardo di euro


Un evento per celebrare i 20 anni di attività, ripercorrere quanto fatto e guardare ai progetti futuri


La recente norma sulla neutralità fiscale le rende ancora più convenienti per aggregarsi. Il presidente CAO Roma ci spiega cosa sono e perché possono essere un ottimo strumento...


Incontro con la dott.ssa Barbara Sabiu: “Si deve considerare il flusso di lavoro nel suo insieme dove concorrono tutti i componenti del Team odontoiatrico ed i pazienti”


Bquadro Astidental consolida la sua leadership nel settore dentale aumentando il livello dei servizi da offrire ai propri clienti


Alla vigilia del Congresso dei Docenti abbiamo intervistato il presidente prof. Roberto Di Lenarda.Tra i temi toccati anche l’odontoiatria pubblica ed i test di ammissione ai corsi di laurea


La notizia è stata ripresa, con l'enfasi della rivoluzione, anche dai più importanti giornali e TG generalisti, anche dal sito della Gazzetta dello Sport, con questo titolo (questo quello del...

di Massimo Gagliani


Imminente il Summit sulla Sostenibilità in Odontoiatria della FDI World Dental Federation, che si terrà a giugno. Contestualmente si terrà il Contest per la Sostenibilità FDI...


La prof.ssa Nardi indica l’importante ruolo degli operatori sanitari di facilitare e permettere alla persona assistita di adattarsi ed autogestire sfide sociali, fisiche ed...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi